LukeTheCrow ha chiesto in SportArti marziali · 1 decennio fa

Potreste illustrarmi,insegnarmi o indirizzarmi su dove e come imparare quelle tecniche dette "sottomissione"?

Non pubblico quasi mai domande,ma ci voglio provare.Volevo chiedere a stani,ryu,walter e a tutti quelli che ne sanno qualcosa se possono aiutarmi.Nel karate esistono leve e simili ma io le tratto solo nelle applicazioni dei kata per le dimostrazioni,sporadicamente e finiscono sempre malissimo mentre io ne vorrei sapere di + da marzialisti che le trattano estesamente.Intendo quelle tecniche in grado di far cedere l'avversario per dolore o impossibilitazione a muoversi senza procurargli lesioni,di concedergli la resa volontaria insomma,in quanto mi mancano nel mio arsenale ho solo colpi poco democratici.Mi piacerebbe essere + "interdisciplinare" come si dice a scuola lol.Ovviamente vi chiedo consigli generali quindi astenersi da frasi come "cercati un maestro" perchè fin là c'arrivo pure io,so che quelli da cui vorrei risposte sono persone serie e capaci perciò non mi deludete,non mi importa da quale arte o stile provengano voglio delle tecniche di sottomissione da studiare e imparare anche solo teoricamente e fisiologicamente (capire come funzionano),grazie a tutti.Sceglierò la miglior risposta in base alle "mosse" che mi saranno piaciute di + o la lascerò al voto :-)

Aggiornamento:

Sono contento delle risposte di chi so io e scontento di altre.Quindi ulteriormente specifico due cose:la prima quoterò negativamente senza pietà le risposte poco serie e secondo sono un primo dan federale di karate(so come mettere ko un avversario non sono stato stuprato e so essere anche sadico se voglio,non è quello il punto) voglio CONOSCERE tecniche,di altre discipline,per studiarle,non per saperle applicare (tanto + che non avrei con chi allenarmi era talmente ovvio...).Grazie a drunken,ryu e chi mi ha postato il link che mi vado subito a vedere.

Aggiornamento 2:

Un grazie a battle per essersi presentato onorandomi e avermi dato spunti utili.Ho già sentito due volte in questa domanda il Qui Na anche da drunken che però parlava di creare danni mentre io NON voglio creare danni,quindi credo proprio mi informerò.Il trapping era forse l'unica cosa che mi veniva bene il poco tempo che ho praticato jeet kune do lol

Aggiornamento 3:

Un grazie anche a walter,che bello anche il mitico...pensavo non mi avrebbe cacato nessuno e invece guarda te... hihi.Tranqui socio,non mi voglio fa male, semmai dovessi provare ad applicarle mi procurerei prima un margine di un pò + di due secondi,magari con uno gyakutsuki (che l'avrò scritto pure male) al diaframma (al viso non ho mai tirato,c'ho paura),ho detto che non voglio procurare danni no che glie devo fa 'na carezza,gagliardo walter però ;-)

8 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Queste tecniche sono normalmente definite tecniche di "soft control" e trovano impiego nei corpi di polizia e sicurezza in genere. Oppure, quando hai la ventura d'avere un fratello dedito all'alcool, sovente in stato di ubriachezza molesta e con chiari intenti aggressivi nei tuoi confronti: e mica lo puoi ammazzare?...Ben ti consigliavano gli intervenuti prima di me...Cmq il soft control e' un mondo.....di conoscenza e di pratica. L'applicazione di queste tecniche richiede molta bravura ed esperienza poiche' applicarle per strada puo' essere "molto" pericoloso, in quanto se nn ti "entrano" rischi che ti facciano il chiulo a strisce...

    Per quanto attiene la mia esperienza, nel Uin Ciu ce ne sono diverse...ma molte di piu' ce ne sono in Aikido. Durante un esame il maestro nel ruolo di uke, ci fece provare delle tecniche di immobilizzazione per l'appunto, con l'avvertenza che se nn le avessiamo fatte entro i 2 secondi dal contatto saremmo stati noi a volare....e cosi' avvenne...che te lo dico affa'? Ti linko 2 esempi tra i tanti...uin ciu & aikido.....nel primo con Sifu Reimers che e' stato uno dei miei maestri....

    http://www.youtube.com/watch?v=afH7erWGjI8

    Youtube thumbnail

    al min. 1,02

    http://www.youtube.com/watch?v=NitLZwRr5Ok

    Youtube thumbnail

    il famoso sankio con cui le forze di polizia jap, immobilizzano e portano a spasso, fino in galera gli aggressori...

    ...karateka, okkio a nun fatte male! :o) eh eh eh ....

  • 1 decennio fa

    Io conosco diverse leve e sottomissioni. Inoltre il wing chun è pieno zeppo di tecniche di Qin Na. Pensa a tutto il nostro "trapping" e ti fai un'idea: consiste nel fare in modo che l'avversario si ingarbugli le braccia da solo (oddio come l'ho detto male).

    Ti consiglio due libri:

    Qin Na Fa - Traditional Submission Grappling

    di Liu Jinsheng e Zhao Jiang (traduzione di Tim Cartmell)

    Editore: Blue Snake Books

    Analisi Approfondita del Qin Na dello Shaolin

    di Yang Jwing-Ming

    Editore: Calzetti Mariucci

    Sono entrambi pieni di figure e spiegano bene le applicazioni e gli esercizi propedeutici.

    Procedono per gradi e analizzano bene l'aspetto anatomico e biomeccanico.

    Il Qin Na non è specialistico quanto Judo e Jiujitsu, ma le basi ci sono tutte e le tecniche sono applicabili sia in piedi che al suolo, inoltre moltissime tecniche sono identiche a quelle degli stili giapponesi.

    Nel secondo libro c'è un capitolo dedicato al Wing Chun.

    p.s. il trapping del JKD è diverso da quello del Wing Chun.

    Ma quale onore e onore...ci si dà un mano e via...

    Il Qin Na è molto vario e metodico. Per alcuni versi è meno raffinato del judo, ma comprende anche tecniche che poi sono finite nell'aikido. E' l'antenato di tutti i sistemi di grappling moderni e una stessa tecnica può essere applicata a diversi livelli: solo per controllare, per immobilizzare, per provocare dolore, per paralizzare temporaneamene, per rompere e invalidare. Ovviamente più si sale di livello più diventa difficile eseguirle.

  • 1 decennio fa

    Non so che esperienza tu abbia avuto, ma la mia sconsiglia di studiare leve a distanza. Già nell'ambito dell'insegnamento in una scuola se non c'è un buon dialogo maestro-allievo e una costante supervisione si rischiano di apprendere le leve in modo scorretto e poco efficace, penso che la spiegazione via internet sia ancora più complessa. Ti faccio l'esempio di una leva di Qin Na, che ritenevo poco efficace dal momento che se il mio avversario era appena appena combattivo riusciva sempre ad uscirne si immobilizzato, ma senza alcuna mia possibilità di arrecargli dolore. Ho scoperto di recente grazie alla spiegazione del maestro e soprattutto dal fatto di eseguirla su e con lui di non aver capito il principio fondamentale della leva stessa, che la rende efficace e dolorosissima ma, soprattutto, non permette alcuna evasione.

    Se già nello striking quello che puoi capire a distanza non è poi molto nel grappling penso sia ancora meno.

    Attendo curioso la risposta degli esperti del settore grappling...

  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa

    intanto ti ringrazio per avermi messo tra chi se ne intende^^

    purtroppo però come ha detto il maestro ubriaco è difficile spiegare le leve su internet, perchè per farle funzionare, devi vedere e sentire il punto esatto...

    potrei spiegarti gli strangolamenti, ma credo che ti offenderei, basta un pò d' inutito per quelli xD

    quindi in pratica su internet non posso esserti utile, spero che qualcun altro ci riesca.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Devi andare in una palestra di submission, MMA o BJJ

    http://www.ssversus.com/

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ciao, sono Massimo, nel Brazilian jiu jitsu si utilizzano tecniche di sottomissione, se può esserti utile ti invio questo link: http://www.youtube.com/user/martialphilosophytv#p/...

    Dove vegono illustrate alcune tecniche.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Perchè? in passato sei stato stuprato?

  • 1 decennio fa

    ma cercati un maestro

    secondo te puoi impare qualcosa sul karate su yahoo answer??

    bah vedi tu...a me sembra una cosa assurda

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.