Prete a bimbi: Babbo natale non c'è?

Garlasco, i genitori protestano

Davanti ai bambini che partecipavano alla messa, un sacerdote si è lanciato in una dichiarazione che li ha un po' sconvolti: "Babbo Natale non esiste". E' successo domenica a Garlasco (Pavia), quando il parroco, don Luigi Di Carlo, 76 anni, nel corso della sua omelia ha ribadito che "Babbo Natale è una favola". Così qualche genitore si è anche lamentato: "C'erano i bimbi in chiesa, poteva evitare una dichiarazione del genere".

"Insegnate i veri valori ai vostri figli", ha esortato il prete rivolgendosi ai genitori. Un'affermazione fatta con tale franchezza, che ha in parte sconvolto i più piccoli presenti in chiesa, convinti dell'esistenza di Babbo Natale che porta loro i doni nella notte tra il 24 e il 25 dicembre.

(notizia presa da Tgcom).

Domanda: cosa ne pensate? a voi considerazioni e commenti.

grazie.

Aggiornamento:

Yngo ha ragione, non mettegli i pollici in giù:

ora vi incollo quella del 2009 perchè a quanto pare si ripetono:

"Bimbi, Babbo Natale non esiste" 22/12/2009

Predica del parroco, scalpore a Lecco

"Cari bambini, Babbo Natale non esiste". Un'uscita, quella del parroco di Lomagna, nel Lecchese, che ha destato un putiferio: L'intervento di don Ambrogio Cerizza sul tema, nel corso della predica di domenica 13 dicembre, ha colpito molti dei bambini presenti, che hanno poi chiesto spiegazioni a genitori e parenti, costringendoli ad arrampicarsi sugli specchi...

Il motivo della sortita, riportata dal Giornale di Merate, era per richiamare il vero significato del Natale - ha poi spiegato il parroco - e ricordare ai parrocchiani che si celebra tale festività per la nascita di Gesù, mentre Babbo Natale non solo non fa parte della nostra tradizione, ma non ha nulla a che vedere con la Natività: si tratta di una pura operazione di marketing, secondo il sacerdote.

Aggiornamento 2:

Ciononostante, molti genitori non hanno gradito, e si sono lamentati del fatto che la vicenda di Babbo Natale sia stata gettata addosso ai bambini così, senza molto tatto, nonostante le parole del parroco siano perfettamente coerenti con il messaggio della Chiesa. "Non mi va di commentare quanto ho detto perché non c’è nulla da spiegare - commenta ora don Ambrogio -. E’ una vicenda tra me e i miei parrocchiani, non è necessario che vada sugli organi di stampa". Eppure diversi parrocchiani hanno ribadito il disagio che la predica ha creato in alcune famiglie, come anche alla scuola materna, dove tradizionalmente è proprio Babbo Natale a portare i doni ai bambini.

33 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Tranquilli tutti.

    I bambini non gli hanno creduto.

    Una volta ho raccontato a un gruppo di bambini che nel cortile abitavano i nanetti.

    Era bellissimo, un gioco per aiutare a esercitare la loro fantasia, che è importantissima a quell'età, sappiatelo.

    Ho visto un'agenzia educativa organizzare giri nel bosco, dove erano stati lasciati cappellini dei nanetti, da far trovare ai bambini.

    Ma torno al nostro nanetto nel cortile.

    A un certo punto ho provato a spiegare che era stato un gioco.

    Niente da fare, mi hanno detto che sbagliavo.

    "Loro non si fanno vedere solo perchè siamo troppo grandi e li spaventiamo. Sono sicuro che ci sono, ne ho visto uno che scappava" questo mi sono sentita dire.

    E ho risposto che avevano ragione, mi sbagliavo io.

    Poi, all'età in cui non si crede più in BabboNatale, avrebbero capito quel gioco.

    Bisogna coltivarla, la fantasia dei bambini, finchè si può, e non spegnerla.

    Un bimbo che ha potuto usarla diventa un adulto più felice.

    E lì a Garlasco non preoccupatevi, basta dire loro che quell'uomo si è sbagliato e possono subito rispondere con un sorriso.

  • 1 decennio fa

    Scusa Ale, ma trovo divertente questa concorrenza sleale, niente di più.. :D

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Va be' dai Ale, comprendiamolo, ha 76 anni,,, voleva dire Dio ma si è confuso dicendo Babbo Natale!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Penso che c'è tutta la vita per essere adulti.

    Lasciamo sognare i bimbi, per favore, anche se solo per qualche anno.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Che faccia di bronzo!! Ha un bel coraggio uno che crede agli amici immaginari dire che Babbo Natale non esiste....

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ha detto sicuramente una verità,però si sara dimenticato di dire che il cristianesimo è una bufala che fra poco compierà 2010 anni,e che la sua chiesa è una montagna di merdà di altrettanti anni.

  • 1 decennio fa

    Il problema sorge ogni santo anno. Nella preparazione delle domeniche di Avvento salta sempre fuori la questione "Babbo Natale". La maggior parte dei bimbi delle elementari crede nel vecchio barbuto dal vestito rosso e la Chiesa non ha alcun diritto di smontare questa credenza. Indi per cui si è optato per far passare Babbo Natale per un "aiutante" di Gesù. Mentre Gesù "porta" i regali più importanti [quali i valori affettivi], Babbo Natale si occupa dei doni materiali. I bambini hanno quindi scritto una letterina indirizzata a Gesù Bambino e una a Babbo Natale. Nessun trauma infantile, anzi, direi che l'hanno presa molto bene e sono stati Tutti entusiasti di imbucare le loro letterine in Chiesa.

    Più facile di così.

    Fonte/i: Catechista credente. Ora non fucilatemi, grazie.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    E' vecchia. E' dell'anno scorso.

    Secondo ma ha fatto male

  • 1 decennio fa

    I preti si confermano 'ancora una volta' i peggiori nemici per la salute mentale dei più piccoli.

    Un saluto.

  • 1 decennio fa

    Ok..

    Il primo passo è fatto, ora sanno che Babbo Natale non esiste..

    Chi si fa avanti per la fase successiva e spiega loro che Yawhé è una bufala anche peggiore?

    °_°

    Non vedo mani alzate

    °_°

    тฬเ

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.