quanti genitori che mettono oggi al mondo un figlio gli possono assicurare un futuro?

ma alla fine assicurare un futuro per voi cosa significa?

Aggiornamento:

molti anni fa i genitori pensavano a costruire casa per ogni figlio, a farli studiare con la speranza di trovare un buon posto di lavoro, ma prima anche senza il pezzo di carta si viveva bene, contadini, operai, diplomati..ma oggi ai figli, noi cosa gli possiamo offrire?

Cibo, vestiti, amore, vacanze, giochi...ma quando saranno adulti????

12 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Per me l'unica cosa veramente importante è la cultura. Questa dipende in parte dai soldi, nel senso che è vero sì, avere un gruzzoletto per permettergli un'università, dei corsi post-laurea, dei viaggi... Ma sono anche dell'idea che tutto inizia da piccolissimi, e che in maniera sempre molto semplice (e poco costosa) sia possibile trasmetter loro un amore così tanto grande per il sapere, una curiosità sulle cose del mondo, che poi alla fine verrà naturale che questo amore non si spenga negli anni, e che un ragazzo con questa passione sarà disposto anche a fare dei lavoretti per pagarsi gli studi e per viaggiare (anzichè per permettersi il cellulare e le cacchiate) se proprio i genitori non arrivano a pagargli la retta. Io ho avuto la fortuna di avere una casa dai miei suoceri, che poi ho voluto ampliare per averne una più grande, prendendo un discreto mutuo.. ma comunque abbiamo avuto una buona base.. Se potrò farò questo per i miei figli, ma la cosa principale resta sempre la cultura, qualsiasi lavoro poi facciano, perchè senza cultura non si può capire neanche il mondo in cui viviamo.

  • Paolo
    Lv 7
    1 decennio fa

    Vai a dirlo a quei genitori che hanno fatto figli negli anni '40, alle soglie di una guerra mondiale che non ha risparmiato nessuno

    Se l'essere umano esiste da centinaia di migliaia di anni probabilmente siamo più tenaci di quello che sembra.

    I figli, il futuro migliore devono anche cercarselo, non aspettarlo dai genitori.

  • Simone
    Lv 6
    1 decennio fa

    Carissima...non voglio nemmeno pensare che si metta la mondo un figlio senza prima porsi la domanda: che vita posso offrirgli?

    Sarebbe di un EGOISMO e di una MALVAGITA abissali.....

    Dimmi che questa è una domanda che TUTTE VI PONETE prima di cercare un figlio...ti prego!

    Ciaoooooooo

  • lele
    Lv 5
    1 decennio fa

    avere a disposizione i soldi x permettergli d studiare o almeno x dargli qll ke serve cm cibo, vestiti, una casa e da nn mancare l affetto e il tempo necessario ke bisogna dedicargli...

    pur troppo molti bambini qst nn lo possono avere ma crescono cmq... ma a loro volta molto probabilmente nn riusciranno a dare le giusta attenzioni a i loro figli ecc...

    é un mondo csì

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Assicurare un futuro? Ma che ne sappiamo del futuro, di come vanno le cose??

    Una famiglia ricchissima potrebbe cadere in miseria, una famiglia povera potrebbe vincere il superenalotto. Che ne sappiamo?

    Un figlio va fatto se le condizioni AL MOMENTO sono favoreli.

    Fare un figlio significa spendere tanti soldi, investire tempo e forze.. Non è una passeggiata, neanche dal punto di vista economico. Quando saranno adulti, dovranno andare per la loro strada.

  • eli80
    Lv 5
    1 decennio fa

    Per me significa avere la possibilità economica per potergli permettere di crearsi una buona posizione (sempre sperando che poi lo faranno), soldi per poter studiare, soldi per potersi permettere una vita agiata insomma almeno per garantirgli le cose importanti.

  • 1 decennio fa

    sai me lo chiedo anche io!

    leggendo qua le varie domande o risposte si evince il fatto che il bambino vince sempre...si anche quando lei ha 14 anni e stanno insieme da 1 anno (ma si amano da morire)...voglino tenere il bambino.

    decisione personale non c'è dubbio....ma che futuro gli possono dare!?

    cioè quando si rimane incinta, quando lo si sta cercando, si pensa a come mantenerlo...a come cambierà la vita ai sacrifici?! o è solo un atto egoistico? anche se è strano pensare che mettere al mondo una vita sia da egoisti...ma un po è così...secondo me...se non si pensa alle conseguenze bisogna sempre sperare che tutto vada bene, che ci siano delle persone vicino che ti aiutino....

    è dura così per i genitori e per chi è accanto..

    Fonte/i: libero pensiero.
  • Vogue
    Lv 6
    1 decennio fa

    Probabilmente chi ha uno studio avviato di qualche professione libera oppure chi ha un'azienda...ma poi qualcuno deve essere in grado di mandarla avanti.

    E' un po' radicale la mia risposta. Ma, a volte, conoscendo le difficoltà che stanno incontrando i 30enni di oggi, mi chiedo cosa faranno i 20enni.

    E non parlo di gente che non ha voglia di studiare, ma anche di chi si è laureato in igegneria nei tempi giusti, e si è impegnato da subito nel cercare un lavoro (per fare il top degli esempi) Insomma, sembra che il futuro è molto difficile per noi 30enni. Ma tanto.

    Cos'è per me un futuro? Iniziamo con il dire di conquistare un posticino nella società: poter vivere con il proprio stipendio. Per molti di noi acquistare una casa è un'utopia.

    Insomma, siamo veramente la prima generazione che sarà più povera dei nostri genitori.

    Pazienza, va accettato.

    E non parlo di pretendere la luna, ma di poter comprarsi quello che serve per vivere dignitosamente. L'essenziale.

    E' anche vero che le nuove generazione potranno contare su una minore concorrenza: essendo numericamente di meno rispetto ai nati negli anni '70 - '80 (gli under 15 sono 4 milioni in meno), avranno meno da combattere per farsi avanti... ;-)

  • Io credo che in un modo o in un altro ci si riesca, io ho portato a termine una gravidanza avendo tutto contro e ti assicuro che mi sono rimboccata le maniche e sto assicurando un futuro alla mia bambina. Sicuramente quando sarà grande non potrò comprarle una casa ma dovrà comprarla da sola ma la farò studiare e andare avanti se lo vorrà, anche a costo di non mangiare. Io avevo 18 anni quando lei è nata, studiavo e non avevo un soldo. Mio marito (ora) aveva il vizio del gioco (per fortuna si è fatto aiutare) e non solo non aveva soldi ma addirittura aveva grossi debiti (lui aveva 23 anni). Io ho finito il liceo ed ho cominciato a lavorare, lui ha provato a finire l' università e lavorare ma con i suoi orari ha dovuto accantonare l' università. Ora io lavoro 8 h al giorno e lui ne fa anche 13-14 posso dire di avere una vita dignitosa anche se non perfetta certo e tutto quello che guadagno lo uso per garantire a mia figlia un futuro migliore. Certo è che se avessi dovuto cercare lavoro in questo preciso momento avrei potuto avere grossi problemi ma mi sarei ridotta anche a fare il lavoro peggiore per lei. E poi oggi come oggi, chi può essere sicuro di ciò che ha? Ci vuole un niente a togliere ad una persona tutto ciò che possiede e a lasciarlo in mezzo alla strada...

    @Simone, capisco cosa intendi ma se una ragazza rimane incinta per una disattenzione e sa dentro di se che ce la metterà tutta e riuscirà nel suo intento perchè dovrebbe rinunciare a mettere al mondo un bimbo? Io prima di far nascere la mia piccola di certo non ho pensato a come sarebbe potuta vivere ( semplicemente perchè non era cercata) ma appena ho scoperto di essere incinta ho fatto una bella riflessione: mi sono chiesta se sarei stata disposta a tutto per lei, se avrei fatto 1000 lavori pur di farla vivere bene e ho deciso di portare avanti la gravidanza perchè sapevo che ce l'avrei fatta in un modo o nell'altro. Certo è che se uno non ha già un soldo per mangiare per se e decide di avere un figlio senza aver la minima voglia di tirarsi su le maniche e fare qualche cosa è un emerito cretino.

  • Giulia
    Lv 4
    1 decennio fa

    è vero, dipende da cosa intendi per "assicurare un futuro"; vista la precarietà del mondo moderno, sia nel lato finanziario che sentimentale, spero di riuscire a far si che le mie figlie siano sempre sicure di loro stesse, che non si facciano calpestare, che combattano per le cose in cui credono, che siano oneste e che sappiano che tante volte bisogna farsi da sè, senza aspettarsi nulla dagli altri. detto questo spero di poterle fare studiare, di non fa mancare mai loro niente di quello di cui possono aver bisogno, magari di poterle aiutare finanziariamnete, ma voglio che ricordino che nulla è scontato e dovuto nella vita. e che le cose più importanti sono la famiglia e l'amicizia.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.