Anonimo
Anonimo ha chiesto in Casa e giardinoFai-da-te · 1 decennio fa

Problema Pasta di mais!!?

Ciao a tutti... volevo chiedervi un consiglio sulla pasta di mais....

perchè quando la lavoro... è un pò troppo secca? cosa devo aggiungere o togliere nell'impasto??

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    I n g r e d i e n t i

    •250 gr di maizena

    •500 gr di colla vinilica

    •1 cucchiaio di olio di vaselina

    •1 cucchiaino di succo di limone

    U t e n s i l i

    •pentola antiaderente

    •cucchiaio di legno

    •matterello: va molto bene un tubo di plastica di cca. 2-3 cm. diam. (per stendere la pasta), con quello di legno la pasta tende ad appiccicarsi

    •premiagli e trincetto

    •rotella dentata e non, per tagliare la pasta

    •stuzzicadenti e stecconi peri spiedini (GLI ULTIMI possono servire anche come gambi per i fiori – basta coprirli di GUTTAPERCA)

    •filo di metallo di vario diametro – come gambo per i fiori coperto di GUTTAPERCA, là dove non si usa, come per esempio per le rose il vero gambo essiccato

    •tempere, acquarelli, pigmenti, gessetti

    P r o c e d i m e n t o

    Ricetta "pasta di mais"

    ingredienti, utensili, procedimento, uso della pasta di mais

    Per eventuale richieste e/o informazioni, inviate una e.mail a: tmariottielena@libero.it

    Sfogliando le mie “pagine” potrete trovare l’ esempio di una composizione , passo per passo, con rose e spatifillo, la mia ricetta, fiori, tanti fiori, composizioni, bambole e bomboniere tutte in pasta di mais ovviamente, oltre che un piccolo accenno al Natale e al decoupage.

    >> scarica qui << questo articolo in formato pdf per una comoda lettura o la stampa

    Nuovo! >> Creazione di una mini composizione con rose e spatifillo << - Un esempio per voi

    I n g r e d i e n t i

    •250 gr di maizena

    •500 gr di colla vinilica

    •1 cucchiaio di olio di vaselina

    •1 cucchiaino di succo di limone

    U t e n s i l i

    •pentola antiaderente

    •cucchiaio di legno

    •matterello: va molto bene un tubo di plastica di cca. 2-3 cm. diam. (per stendere la pasta), con quello di legno la pasta tende ad appiccicarsi

    •premiagli e trincetto

    •rotella dentata e non, per tagliare la pasta

    •stuzzicadenti e stecconi peri spiedini (GLI ULTIMI possono servire anche come gambi per i fiori – basta coprirli di GUTTAPERCA)

    •filo di metallo di vario diametro – come gambo per i fiori coperto di GUTTAPERCA, là dove non si usa, come per esempio per le rose il vero gambo essiccato

    •tempere, acquarelli, pigmenti, gessetti

    P r o c e d i m e n t o

    Cuocere nel tegame antiaderente a fuoco medio- alto, tutti gli ingredienti, mescolando velocemente fino ad ottenere una palla compatta. Quando si forma un panetto che si stacca dalle pareti, cuocerlo per altri pochi istanti e poi toglierlo dal fuoco e continuare ad impastarlo, all'inizio dentro un sacchetto di plastica e poi su un piano (serve per togliere l’umidità), chiudendolo alla fine dentro un altro sacchetto, (quelli della spesa). Bisogna prestare molta attenzione alla cottura, perciò se l'impasto risulta troppo appiccicoso rimettere il panetto sul fuoco basso per qualche istante. Non cuocere troppo l'impasto, in quanto se è troppo cotto perde di elasticità e non potrà essere lavorato in nessuna maniera. L’ impasto si ritiene giusto, quando strappando un bocconcino, questo si strappa di netto, senza filare. Quando è già pronto, se chiuso bene nel sacchetto dura settimane. Comunque, bene specificare che non si butta via mai niente; laddove, l’impasto risultasse troppo cotto, lo possiamo utilizzare per riempire un vasino in coccio, il quale potrà servire come base per una composizione con primule, pansè (le viole del pensiero) oppure qualunque altro fiore vogliamo: mettiamo per prima un poco di colla vinilica sulle pareti del vaso, poi aggiungiamo l’impasto riempiendo poco a poco fin sotto il bordo; coloriamo il sopra con acquarelli verde e nero - per fare assomigliare la base al colore del terriccio, oppure possiamo aggiungere sopra l’impasto, del muschio stabilizzato il quale si fa aderire con poca colla vinilica; in questa base infiliamo poi i nostri fiori pronti e poi le foglie. Si possono utilizzare anche le foglie stabilizzate.

  • 6 anni fa

    Io sono un fan della pasta fatta in casa. La pasta fresca veramente ha una marcia in più rispetto a tutti i prodotti confezionati. Oggi la tecnologia poi ci viene in grande aiuto. Io per esempio uso una macchina per la pasta Imperia. Un robot da cucine per me indispensabile ormai per fare la pasta. E' il mio aiuto cuoco per fare tortelloni e tagliatelle velocizzandomi di molto il lavoro. Quello che uso io in negozio non l'ho trovato ma su Amazon è disponibile ad un buon prezzo. Ecco il link alla scheda del prodotto http://amzn.to/1oQ7hSx

  • 1 decennio fa

    Quasi sempre il problema sta nella cottura,(la lasci troppo sul fuoco oppure non hai dosato correttamente gli ingredienti)

    La pasta va cotta a fuoco molto basso (tegame antiaderente) mescolare tutti gli ingredienti, mescoli velocemente fino ad ottenere una palla compatta ed elastica (è sufficiente qualche minuto). Quando si forma un panetto che si stacca dalle pareti, (come la pasta per i bigne) occorre toglierlo dal fuoco e continuare ad impastarlo su un foglio di carta da forno.

    Nel caso l' impasto risulti molliccio appiccicoso devi rimetterlo sul fuoco per qualche istante.

    Se la lasci troppo sul fuoco si indurisce si secca e addio .

    Sotto vi è un link (uno dei migliori ) indica il metodo corretto per fabbricare la Pasta di mais.

    Nota ; personalmente non l'o' mai messa in un sacchetto di plastica in una delle fasi di cottura utilizzo carta da forno ) credo però sia un metodo più corretto di quello che indicato nel link...

    http://www.camminandotraifiori.it/ricetta-pasta-di...

    Ciao.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.