Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

Cosa posso scrivere in questo tema ENTRATE VI PREGOOOOOOOOOOO?

la prof ci ha dato come esempio questo piccolo tema sul presepio

Uno dei miei sogni più segreti è quello di diventare una statuina viva, altezza massima 15 cm, per riuscire un giorno a percorrere i sentieri del mio presepio. Proverò a descriverne una piccolissima parte, ma per quanto mi possa sforzare, vi assicuro che solo un’attenta osservazione dal vivo può far capire agli animi più sensibili ed artistici quanta dedizione ed amore ho messo fin da piccola nella realizzazione totalmente manuale di quello che considero – consentitemelo – “il mio capolavoro”…

Per prima cosa andrei a rinfrescarmi al Lago dei Desideri, e bagnandomi mani e piedi con quell’acqua di cristalline emozioni, giocherei un po’ con i candidi cigni, confondendomi nella nebulizzazione delle Cascatelle del Piacere.

Chiederei poi alla giovane ed instancabile Lavandaia, d’organza vestita con rossa fusciacca alla vita, da quale sporco lava i suoi panni. Già immagino la sua risposta: “Nella mia tinozza torno a far brillare le vesti di coloro che hanno smesso di sperare. Nel momento in cui capiscono che vale ancora la pena di lottare, loro da me vengono, carichi di lacrime, che più potenti di qualsivoglia sapone puliscono e donano nuovo colore e vigore a quelli che erano i loro sudici stracci”. Dopo aver salutato i due fratelli Boscaioli, che segano da sempre il Legno della Determinazione con venature di Costanza, chiederei loro aiuto per arrampicarmi sul Ponte del Dolore: pericolante, stretto, tortuoso.

Ma è l’unica strada per raggiungere il Villaggio dei Legami che brulica di vita: per il Dolore bisogna sempre passare.

Una volta giunta al paese, acquisterei una fragrante Pagnotta d’Affetto dall’umile fornaio, che ogni giorno impasta con Amore la morbida massa, dedicando il suo operato a tutti coloro che da sempre si vogliono bene. Andrei dal saggio Falegname, che con la sua pialla toglie la ruvida corteccia dai tronchi ottusi facendone venir fuori legno plasmabile e affamato di sapere, per chiedergli solo pochi riccioli di quel nobile materiale che lui ha già sapientemente sgrezzato.

Un salto poi alla bottega dell’anziana Calzolaia, che suola le scarpe degli instancabili viaggiatori che ancora cercano la loro strada, ma ahimè, fanno fatica a trovarla e a volte si demoralizzano. Quella donna ha un dono: ti guarda negli occhi, ti sorride con dolcezza, e dopo aver riparato le tue scarpe ti augura Buon Viaggio infondendoti tanto coraggio.

Tantissimi sono gli affascinanti personaggi che popolano il mio presepio, se ne può scoprire uno in ogni angolo; li ho creati, li ho amati, gli ho affidato un compito… ne sono orgogliosa.

Vorrei portare ora i miei sandali dalla vecchina e stringerle la mano incrociando il suo sguardo… vorrei perdermi nel mio presepio… vorrei ritrovare la forza e il coraggio di ricostruirlo… non lo faccio più da troppo tempo.

MA NON SO COSA SCRIVERE VI PREGO AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Al giorno d’oggi il Natale

    ha acquistato un significato

    diverso da quello

    originario , infatti , si

    sono persi quei valori

    che facevano di

    questa festa un

    momento speciale .

    Il Natale , purtroppo

    , è divenuto , come

    tutte le altre feste , un

    business fatto di consumo

    e spreco più che di sentimentalismo

    . Questo ci mostra che oggi più che

    mai si vive in un mondo ricco di ipocrisia , egoismo

    e menefreghismo , basato sul materialismo

    delle cose ; un mondo che degrada giorno dopo

    giorno perdendo quelli che sono i valori umani

    verso tutto e tutti .

    Durante questa festa molti bambini scrivono ad

    un famoso ed immaginario personaggio , Babbo

    Natale, chiedendo tanto e tutto . Tra le

    migliaia di lettere che arrivano a questo “Babbo”

    di tutto il mondo , non ne compare nemmeno

    una che non abbia come richiesta qualcosa

    che non si possa acquistare in un negozio .

    Beh.....dato che nessuno , tra grandi e piccini , è

    riuscito a scrivere una lettera che parli della

    voglia di ricevere per Natale tanto amore , tanta

    gioia , tanta felicità e tutti quei valori che

    migliorano la vita , ho deciso di scriverne una io

    “ Caro Babbo Natale ,

    Buon Natale , o per meglio dire , Buon periodo

    di acquisto!!!!

    Io sono una ragazza di 15 anni che ti scrive per

    parlarti e raccontarti un po di cose . Purtroppo

    questa festa non è più una vera festa, ha perso

    qualsiasi significato per me e per molta altra

    gente. Non si festeggia più la nascita di Gesù e

    l ‘amore verso la propria famiglia ma l’acquisto

    di oggetti e cianfrusaglie. Non esiste più la

    voglia di stare a casa con la famiglia seduti tutti

    insieme intorno al calore del camino ad aspettare

    bramosi l’arrivo della mezzanotte per

    posare nella capanna il bambino Gesù, tutti

    insieme: nonni e nipoti , mamme e papà, zii e

    cugini ... L’arrivo della mezzanotte segna solo il

    momento di aprire i regali , stupidi oggetti che

    forse non userai mai o che dopo averli usati una

    o due volte li butti in un cassetto .

    Il regalo che vorrei io è quello che tutto tornasse

    come prima , che si ristabilisse il vero significato

    del Natale e il motivo per cui lo si festeggia

    . Il sogno che forse , un giorno non lontano , si

    possa avere la pace e la felicità di tutte le persone

    che in questo momento soffrono , il sogno di

    un mondo migliore, libero da qualsiasi male, da

    qualsiasi egoismo e da qualsiasi odio....Un

    sogno che tu non potrai mai realizzare , un

    regalo che non potrò mai ricevere perchè tu sei

    la fantasia dell’uomo , un immaginario pubblicizzato

    , un personaggio inesistente....Non

    potrà mai realizzarsi il mio sogno? Perchè

    ?....Sai darmi una risposta?...Milioni di persone

    non se lo pongono ma milioni di ragazzi come

    me , si!!!E anche se lo sappiamo non lo vogliamo

    ammettere....il perchè della guerra , dell’odio

    , dell’egoismo , della morte , del dolore , dell

    ‘ingiustizia , della povertà e di mille altri dolori....

    Io la conosco la risposta a tutto questo , il

    perchè di tutto questo....è l’uomo...è l’uomo che

    suscita la guerra , è l’uomo che odia , è l’uomo

    che è egoista , è l’uomo causa di morte , l’uomo

    provoca il dolore , è l’ uomo ingiusto , è l’uomo

    ricco che rende povero è l’uomo l’artefice di

    mille dolori e finché non se ne renderà conto

    non ci sarà mai il mio sogno.....Il mio ultimo

    desiderio è che tu diffonda come regalo questa

    lettera al mondo così che forse , sbattendogliela

    in faccia arrivi il mio messaggio...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.