Sento che mi stò risvegliando al mio vero se,ma sento all'interno di me qualcosa che non vuole mollare,cosa è?

Mi interressa sapere altri punti di vista,io voglio andare oltre questa realtà illusoria,ma sento che vibrazioni basse mi voglio trattenere,ma io stò cercando di elevarmi.

Certo sono consapevole che solo io posso salvarmi,sono dentro la gabbia della mia mente.

6 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Si tratta di un qualche tipo di energia* compressa nel tuo sub-conscio. Qualcosa che rifiuti di accettare.

    Di solito, il desiderio di elevazione comporta un rifiuto delle nostre componenti più basse, e questo rifiuto genera disfunzioni che impediscono l'elevazione.

    Le nostre energie più basse sono come il nostro intestino: sarà pure puzzolente, ma senza di lui non andiamo da nessuna parte.

    Ci sono desideri che reprimi: ascoltali, localizza il bisogno da cui sono generati e soddisfalo.

    L'accettazione di sè è la chiave di ogni avanzamento.

    Fonte/i: *non fate le piattole, materialisti: stiamo parlando di energia psichica, che esiste eccome.
  • 1 decennio fa

    cambia spacciatore

  • Worf
    Lv 6
    1 decennio fa

    La tua domanda mi ha fatto venire in mente un'altra domanda/risposta che avevo letto - te la copio incollo ...

    Amato Maestro,

    potresti dire qualcosa sul rilassamento? Sono consapevole di una tensione profonda all'interno del mio essere e sospetto che, con tutta probabilità, non sono mai stato totalmente rilassato.

    Quando l'altro giorno hai detto che rilassarsi è uno dei fenomeni più complessi che esistano, ho visualizzato un arazzo preziosissimo, in cui i fili del rilassamento e dell'abbandono erano profondamente intessuti con la fiducia, e a quel punto affiorava l'amore, e l'accettazione, e il seguire il flusso, e l'unione e l'estasi.

    Anurag, il rilassamento totale è il massimo. E' il momento in cui si diventa un buddha. E' il momento in cui ci si realizza, ci si illumina, si consegue la consapevolezza cristica. Adesso non puoi essere totalmente rilassato. Nell'essenza più intima del tuo essere, persisterà una tensione.

    Tuttavia, inizia a rilassarti. Parti dalla circonferenza - è lì che esistiamo, e possiamo iniziare solo dal punto in cui siamo. Rilassa la circonferenza del tuo essere - rilassa il tuo corpo, rilassa il tuo comportamento, rilassa le tue azioni. Cammina in maniera rilassata, mangia in maniera rilassata, parla in maniera rilassata. Rallenta ogni processo. Non aver fretta e non essere in furia. Muoviti come se l'intera eternità fosse a tua disposizione - di fatto è a tua disposizione. Noi siamo sin dall'inizio e saremo qui fino alla fine ... e non esiste un inizio, nè esiste una fine. In realtà, non esiste alcun inizio, nè esiste una fine. Siamo sempre stati qui, e saremo sempre qui. Le forme continuano a cambiare, ma non la sostanza; gli ornamenti continuano a cambiare, ma non l'anima.

    Tensione significa fretta, paura, dubbio. Tensione implica un continuo sforzo per proteggere, per essere sicuri, per essere protetti. Tensione vuol dire prepararsi oggi per il domani, o per una vita dopo la morte ... timorosi che domani non si sarà in grado di confrontarsi con la realtà, pertanto ci si prepara. Tensione vuol dire che il passato non è stato veramente vissuto, ma in qualche modo scavalcato; pertanto, ti è rimasto appiccicato, è un postumo, ti circonda.

    Ricorda una cosa fondamentale della vita: qualsiasi esperienza non sia stata vissuta, ti rimarrà appiccicata addosso, persisterà: "Finiscimi! Vivimi! Completami!". In ogni esperienza esiste una qualità intrinseca che tende, che la porta a voler essere finita, completata. Una volta completata, evapora; incompleta persiste, ti tortura, ti perseguita, attira la tua attenzione. Dice: "Cosa ne farai di me? Sono ancora incompleta ... completami!"

    Tutto il tuo passato ti ruota intorno, senza che nulla sia totalmente compiuto; e questo perchè nulla è stato veramente vissuto, tutto è stato in qualche modo scavalcato, vissuto parzialmente, solo così così, in maniera tiepida. Non c'è stata alcuna intensità, nessuna passione. Ti sei mosso come un sonnambulo, hai camminato nel sonno. Pertanto il passato resta in sospeso, e il futuro crea paura. E tra il passato e il futuro è schiacciato il tuo presente, la tua sola realtà.

    (...)

    Osho

    Tratto da "La mente che mente" (Feltrinelli)

  • ?
    Lv 7
    1 decennio fa

    fa yoga e ne beneficerai nel corpo e nello spirito

    leggi Dal Dio presente alla presenza di Dio.

    Autore: Del Genio M. Rosaria e ne beneficerai in spirito e sintassi

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    salvarti da cosa?

    chi ti ha immesso nel cervello l'idea che ci sia un pericolo incombente su di noi?

  • Anonimo
    1 decennio fa

    se parli di avvicinarsi a Dio, prega e vedrai che sarai liberato

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.