promotion image of download ymail app
Promoted
Ninja88 ha chiesto in SportArti marziali · 1 decennio fa

Voi che siete cosi fortunati?

Che decidete con tutta naturalezza che sport fare senza dover pensare ai propri problemi di salute,che riuscite ad essere cosi spontanei e talentuosi in cio che fate,che non avete problemi di coordinazione dovuti a non si sa cosa,voi che magari sorridete nel vedere uno come me che nonostante metta tutto il suo impegno non sa nemmeno saltare con la corda,voi che avete congenito tutto ciò che io devo acquisire vi sentite migliori o soltanto privilegiati? So che 2 mesi di kung fu non sono nulla ma ci sono persone che in 2 settimane hanno appreso le posizioni di base dell hun gar mentre io lotto ancora per saltare con una dannatissima corda e restare dritto con la schiena nell'eseguire una forma "le arti marziali non sono per tutti ma per tutti coloro che pagano la quota mensile".

14 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Anche io quoto Auri.

    La corda? ....E che e'?...

    Fonte/i: Nel uin ciu nn usiamo la corda...
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Io mi sento solo me stesso e vado per la mia strada.

    Cmq che "le arti marziali non sono per tutti ma per tutti coloro che pagano la quota mensile" é una fottutissima stronzata, non hai capito un *****.

    PS: non mi piacciono quelli che si piangono addoso.

    Aggiungo tre citazioni che spero ti siano di stimolo:

    Vince Lombardi:

    "Se vi arrendete ora, durante questi allenamenti, vi arrenderete nel mezzo della stagione agonistica durante una partita. Una volta che imparerete ad arrendervi, diventerà un'abitudine. Non vogliamo nessuno qui che si arrenda. Vogliamo il 100% da ogni individuo, e se non siete disposto a darlo andate via. Alzatevi ed andate via".

    William Seward Burroughs:

    "Un uomo può fallire molte volte, ma non diventa un fallimento finché non comincia a dar la colpa a qualcun altro..."

    Rickson Gracie:

    "La vera forza non si palesa sempre attraverso la vittoria.

    Alzati, prova ancora, e dimostra forza di spirito."

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Forse l' Arte Marziale che pratichi ti sta servendo molto piu' di quello che pensi.. nella lotta con la vita.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Non piangerti addosso ma reagisci.

    La quota mensile? Ma fammi il piacere!

    In due settimane imparare una posizione? Ma se ci sono maestri che ancora studiano le tecniche di base! Non si smette mai di imparare nella vita come nelle arti marziali!

    Io è da 20 anni che uscendo dalla palestra mi sento un incapace, sia quando studio che quando insegno, ma per me è uno stimolo a fare sempre meglio e ad impegnarmi di più.

    Siamo tutti incapaci, negati, goffi, ecc...solo a diversi livelli.

    Ognuno ha i propri tempi per imparare. Un buon maestro dovrebbe spiegare anche questo. La pazienza è la prima cosa da imparare quando si inizia con le arti marziali.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • auri
    Lv 6
    1 decennio fa

    "insisti, resisti, persisti,

    raggiungi, conquisti"

    ognuno ha i propri problemi, non sprecherei tempo a piangermi addosso: magari ci metterai più tempo per la corda e magari meno per qualcos'altro che, a quel tuo compagno iscritto da un anno ancora non gli riesce proprio bene ...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    il vittimismo è il primo stadio della passività.

    Sono privilegiato in alcuni campi, e negato in altri.... ma non per questo vado a lamentarmi in giro.

    Bisogna affrontare i problemi con dignità.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Non dare per scontato che tutti gli altri siano spontanei e talentuosi.

    Nessun corpo è perfetto.

    Le arti marziali sono per tutti, che poi qualcuno impari più in fretta è una cosa normale. Segui il tuo percorso senza crucciarti e abbatterti, alla fine arriviamo tutti alla stessa destinazione, solo il tempo è variabile.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    se non ci si sofferma a recriminare per quello che manca magari si trova il tempo per mettere a profitto con creatività quello che si ha. Noi che siamo così fortunati e diamo tutto per scontato magari dobbiamo fare molta più fatica per uscire dalla mediocrità.... ah... sorridere aiuta a saltare la corda

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa

    quoto auri.

    ah, neanch'io sono bravo con la corda xD

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Ti sbagli, c'è chi sicuramente è aiutato dal suo patrimonio genetico ma non apprezzerà mai i suoi progressi come qualcuno che per fare qualcosa deve applicarsi 10 volte di più soffrire fatica delusioni e magari anche lo scherno dei suoi compagni di corso. Ogni persona deve seguire la sua strada, tutti alla fine se avranno costanza e capacità di resistere alle difficoltà arriveranno a raggiungere il "loro" obbiettivo. Vincere per chi conosce la sconfitta è anche più bello e gratificante. Lascia perdere la quota mensile e chiediti se quello che vuoi fare è il kung fu e se hai la voglia di impararlo affrontando tutte le difficoltà che ti si presentano e fai la tua scelta.

    Fonte/i: ho insegnato a persone che avevano anche gravi difficoltà psico -motorie, persone che se muovevano un piede erano costretti ha pensarci non decimi di secondo ma secondi eppure hanno fatto progressi, nessuno è diventato un campione o un temibile combattente ma tutti hanno vinto la propria battaglia con se stessi e contro chi diceva che non potevano farcela.
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    se vuoi facciamo a ki la salta peggio la corda,nn sono il peggiore del mondo ma sicuramente sono nei primi 100...qnd vuoi... :-)

    io nn lo so se sono uno ke può decidere di fare lo sport ke vuole,o se ho problemi di coordinazione(cmq i denti con la sinistra nn mi riesce lavarmeli) e nemmeno mi metto a ridere se qlkn si rompe la schiena a fare qll ke io riesco a fare senza nemmeno impegnarmi tanto.

    xò nn mi sento migliore ne peggiore di altri.

    privilegiato qst si,ma solo il fatto di aver la possibilitò di farle certe cose,quali esse siano e indipendentemente dall'exere il + bravo di tutti o il + negato.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.