Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureSocietà e culture - Altro · 10 anni fa

ECCO CHI COMANDA. entrate e pensate!?

ripropongo la domanda , visto che nelle altre 2 che ho scritto ho avuto solo 1-2 risposte.

la ripropongo perchè è un argomento importante , e non potete non leggerla solo perchè è troppo lunga!!

ecco dunque , marche famose che sfruttano i paesi del terzo mondo , che fanno esperimenti sugli animali , che sfruttano i bambini.

la coca cola sfrutta i lavoratori in Colombia.,

la nike fa cucire a mano i palloni di gomma ai bambini pakistani,le magliette le fanno in Vietnam.

Nike, Adidas, Mattel, Chicco, Benetton, Reebok, Levis, Chiquita, Mondo (palloni di gomma), Nestlè (sorprese nelle uova di Pasqua)

il marchio Nestlè nasconde molte aziende insospettabili, vediamole. Cioccolato: Perugina; bevande: Nescafè, Nesquik, Nestea, Orzoro; dolciumi: Smarties, Kit Kat, Galak, Lion, After Eight, Qualitu street, Toffee, Polo; panettoni natalizi: Motta, Alemagna; surgelati: Findus, Surgela, La valle degli orti; gelati: Motta, Alemagna"

McDonald's - Ristorazione

- I dipendenti sono sottopagati.

- Gli animali che forniscono la carne degli hamburger sono costretti a continue gravidanze e vengono imbottiti di antibiotici e farmaci.

- L'intera "politica pubblicitaria" della multinazionale mira a coinvolgere e convincere i bambini (con regali, promozioni e gadgets). E, ovviamente, quando il bambino rompe perché vuole andare da McDonald's, ci va tutta la famiglia. Tre piccioni con un cheesburger.

Nestlé - Alimentari

La campagna di boicottaggio della Nestlé è nata soprattutto dalla politica della società nella vendita del latte in polvere. La multinazionale avrebbe provocato la morte di 1,5 milioni di bambini per malnutrizione.

La Nestlè incoraggia e pubblicizza l'alimentazione dal biberon fornendo informazioni distorte sull'opportunità dell'allattamento artificiale e dando campioni gratuiti di latte agli ospedali (in particolare negli ospedali del Terzo mondo), o "dimenticando" di riscuotere i pagamenti.

Oltre a questo la Nestlè è considerata una delle multinazionali più potenti e più pericolose del mondo. E' criticata per frodi e illeciti finanziari, abusi di potere, inciuci politici, appoggio e sostegno di regimi dittatoriali. Ultimamente è stata presa di mira per l'utilizzo di organismi geneticamente modificati nella pasta (Buitoni), nei latticini, dolci e merendine.

intere aree di foresta vengono distrutte per far posto alle sue piantagioni di cacao e di caffè, dove si utilizzano pesticidi molto pericolosi (alcuni proibiti nei paesi industrializzati).

Ecco una lista parziale dei marchi di proprietà Nestlè:

Acque minerali e Bevande: Claudia, Giara, Giulia, Levissima, Limpia,

Lora Recoaro, Panna, Pejo, Perrier, Pra Castello, San Bernardo, San

Pellegrino, Sandalia, Tione, Ulmeta, Vera, Acqua Brillante Recoaro,

Batik, Beltè, Chin, Gingerino Recoaro, Mirage, Nestea, One-o-one, San

Pellegrino, Sanbitter.

Dolci, gelati, merendine: Le ore liete, Cheerios, Chocapic, Fibre 1,

Fitness, Kix, Nesquik, Trio, Kit Kat, Lion, Motta, Alemagna, Baci,

Cioccoblocco, Galak, Perugina, Smarties, Antica Gelateria del Corso.

Cacao, caffè e derivati: Cacao Perugina, Nescafè, Malto Kneipp, Orzoro.

Carne e pesce: Vismara, Mare fresco, Surgela,

Chiquita

E' coinvolta in tutto. Intrighi internazionali, scioperi repressi nel sangue, corruzione, scandali e colpi di stato. Utilizza massicce quantità di pesticidi, erbicidi e insetticidi. Approfitta della sua posizione di potere per imporre prezzi molto bassi delle aziende agricole da cui si rifornisce.

Nel 1994 il sindacato SITRAP ha denunciato l'esistenza di squadre armate all'interno delle piantagioni in Centro America e in Ecuador.

I lavoratori sono sottopagati, senza alcuna assistenza medica.

Le attività sindacali sono represse spesso con la forza.

Frutta e Verdure (anche sottolio e sottaceto): Condipasta, Condiriso,

Molte associazioni animaliste come Animal Aid hanno lanciato una

campagna contro la Unilever per lo sfruttamento degli animali durante

gli esperimenti.

E' boicottata anche per i salari e le condizioni di lavoro nelle sue

piantagioni in India (dove possiede il 98% del mercato del tè).

La Unilever controlla i marchi: Lipton Ice Tea, Coccolino, Bio presto,

Omo, Surf, Svelto,Cif, Lysoform, Vim, Algida, Carte d'Or, Eldorado,

Magnum, Solero, Sorbetteria di Ranieri, Findus, Genepesca, Igloo,

Mikana, Vive la vie, Calvè, May, Top-down, Foglia d'oro, Gradina, Maya,

Rama, Bertolli, Dante, Rocca dell'uliveto, San Giorgio, Friol, Axe,

Clear, Denim, Dimension, Durban's, Mentadent, Pepsodent, Rexona,

Berni, la Valle degli Orti.

Latticini e yogurt: Formaggi Mio, Fruit joy, Fruttolo, Lc1.

Olio e derivati: Sasso, Sassonaise, Maggi,

Latte in polvere: Guigoz, Mio, Nidina, Nestum.

Aggiornamento:

ma che risposte sono?

ma siete davvero così stupidi??

secondo voi chi la crea la crisi??

la crea la globalizzazione la crisi!!

e siete egoisti!! non valete uno sputo di un bambino bambino vagabondo in india!! voi felici e loro a morire! e vi va bene così?? mi fate schifo!! NON POSSO MA VI SPUTEREI IN UN OCCHIO!!!

Aggiornamento 2:

NON HO MAI DETTO DI LICENZIARE NESSUNO!! BOICOTTATE QUESTI PRODOTTI A MENO CHE LE MARCHE NON SI DIMOSTRINO PIù DECENTI !!! CHISSENEFREGA POI DEL LAVORO!! I SOLDI FANNO SCHIFO!! CI SI DEVE PREOCCUPARE CHE LA TERRA STA MORENDO!! CHE SI COLTIVA IN CASSONI IDROPONICI PUR DI FARE VENIRE LE PERCHE DI 2 METRI!!! SVEGLIAAA!! IL CONSUMISMO UCCIDE!!

6 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Migliore risposta

    Purtroppo viviamo in un mondo

    di m.e.r.d.a......

    pensiamo e dopo ?

    oltre ad una potente

    cirrosi,dopo aver appreso,

    altro non possiamo fare.....

    le radici di questo sistema sono

    talmente ramificate

    che neanche un potente diserbante

    riuscirebbe a sradicarle....

    vogliamo stanare la mafia....dicono

    quale mafia, quella che non collabora

    con loro di Mafia ?

  • Anonimo
    10 anni fa

    Alcuni fatti che denunci sono un po' vecchi. Ma comunque mi verrebbe da chiederti una cosa: Tutti i marchi esclusi da questo elenco che fai sono invece eticamente ineccepibili? Tu ne consigli il consumo?

    Naturalmente è una provocazione, perché a mio parere tutte le aziende, che hanno come unico scopo il profitto, sguazzano nello sfruttamento degli esseri umani.

  • 10 anni fa

    Caro amico, tu sarai forse di una età che non supera i 30 anni, devo complimentarmi per il contenuto della domanda e mi meraviglio che pochi ti avevano risposto. Indirettamente devo chiederti: ma tu hai mai saputo cosa sia LA TERZA INTERNAZIONALE ? il tuo papà se tu sei di età come quella da me prevista, deve saperlo e potertelo spiegare. La terza internazionale non è altro che un terzo potere mondiale a carattere ECONOMICO formato dai più grandi produttori nel mondo per gestire ricchezze, sfruttamento ed economia della propria nazione. In realtà TUTTI per UNO - UNO per TUTTI. In altre parole, voglio dirti, che se devo fare un esperimento( Tu sai cosa è il D.D.T.? insetticida liquido provato su bambini africani che pensando ad un aereo che gettava regali, veniva spruzzato su di loro per verificare gli effetti) per esempio del latte, la terza internazionale non si oppone ad un produttore per es tedesco, né il produttore tedesco deve opporsi a quello americano.Capito? Quindi ciò che tu dici risale a oltre 100 anni fa.Bravissimo come informazione per i giovani di oggi.Ciao ROCCO B.

  • Anonimo
    10 anni fa

    ciccio bbello,

    se elimini tutte queste società

    1, mezzo mondo dicoccupato ---> mezzo mondo di morti di fame

    2, che ti mangi? che ti bevi? con cosa ti pulisci il cùlo?

    lascia stare il mondo com'è

    fratello,

    e inizia a rilassarti e a goderti la vita...

    3, perchè non hai nominato le multinazionali che comandano internet e i notebook?

    4, il mio elenco sarebbe + lungo del tuo,

    5, non solo il mio elenco

    ....

    frecciatina!!!!!!!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    10 anni fa

    Una volta qualcuno ha detto:

    - Togliamo i camion dalle strade!!!

    Ho fatto notare un paio di dettagli. Togliamo 100 camion va bene?? O.K. 100 camionisti senza lavoro. Ogni camionista quattro persone (camionista, moglie e due figli). 400 persone da "mantenere".

    Domanda:

    - cosa ne facciamo? che lavoro faremo fare ai 100 camionisti che, nel rispetto dell'ecologia abbiamo tolto dalle strade??

    Poi ci mettiamo anche:

    - i benzinai

    - i gomisti

    - i garagisti

    - i casellanti

    Morale della favola:

    bello parlare quando si hanno i piedi al caldo vero?????

  • 10 anni fa

    Va bene, a questo punto dove vuoi arrivare?

    E' una sorta di invito al boicottaggio di queste grandi marche?

    Tutto questo si chiama globalizzazione. In questo momento di crisi abbiamo ben altro a cui pensare!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.