mio racconto che ve ne pare?

si chiama perchè l'hai fatto Iago?

Perché l’hai fatto Iago, io ti amavo.

È vero sono una bastarda, non scorre sangue nobile nelle mie vene ma non meritavo di essere felice? Quel sangue non scorreva nemmeno nelle vene dei miei figli ma questo non significa che non meritassero di vivere.

Perché l’hai fatto onesto Iago,io ti volevo bene, soltanto a te ho permesso di conoscere la mia umile dimora; solo tu hai potuto assistere alla nascita dei miei piccoli e solo di te mi fidavo.

Perché mi fissi sorpreso dall’uscio della tua macelleria, cosa ti aspetti che faccia Desdemona?

Dovrei avvicinarmi all’assassino dei miei piccoli, no non negare so che c’eri anche tu quella sera,

quella sera in cui una macchina si arrestò davanti ad una vecchia casa diroccata, la mia casa.

Vennì attirata fuori con lo stratagemma che solo tu conoscevi, i tuoi amici riuscirono ad allontanarmi abbastanza dalla mia abitazione e i miei bambini rimasero indifesi.

Ma perché non li uccidesti subito al momento della nascita, perché aspettasti un mese, perché non hai privato anche me della vita, perché vuoi che sia il dolore ad uccidermi?

Cosa credi che abbia provato quando rientrata in casa non li trovai più,l’istinto mi diceva che erano ancora vivi ma dovevo sbrigarmi, così corsi come non avevo mai corso , rischiai molte volte di essere investita, percorsi il bosco accecata dal dolore e dalla paura di non vederli più.

Sperai che fosse solo uno scherzo,tu sei famoso per gli scherzi Iago,tutti in paese ne parlano, la speranza si riaccese in me ma quello che vidi in prossimità del lago la spense per sempre.

I miei piccoli annaspavano nell’acqua ma qualcosa li tirava verso il fondo, non capivo cosa fosse poi lo vidi, vidi un ragazzo con in braccio un mio cucciolo con un sasso legato alle zampe posteriori, ero troppo lontana e troppo stanca per raggiungerlo e impedirli quel folle gesto.

Il mio bambino venne gettato in acqua come un sacco , sentivo le risate dei tuoi amici, i loro commenti divertiti era buio non potevo riconoscervi ma sapevo che c’eri anche tu, sentiì il tuo odore.

Ululai tutto il mio dolore, un dolore mai provato prima sembrava che cento grossi lupi avessero affondato i denti nelle mie carni, corsi dietro alla vostra auto fino a quando sfinita non crollai a terra sul ciglio della strada.

Erano belli i miei piccoli i più bei cuccioli che tu avessi mai visto, così mi dicesti Iago; allora perché l’hai fatto avevi cambiato idea?

Bastava non guardarci più e noi avremmo capito o l’hai fatto per noia?

Ora cosa vuoi perché cerchi di attirarmi con quel pezzo di carne, vuoi che ti venga incontro che metta le mie zampe sul tuo petto?

Vuoi che mi faccia coccolare, povero Iago non vedi i miei denti?

No non ti stò sorridendo, ma non spero di consumare la mia vendetta su di te, no ti risparmierò come tu hai risparmiato me ,ma augurati di non avere un cucciolo finchè Desdemona sarà in vita e abbastanza forte da cacciarlo.

Perché sei sorpreso Iago, non ricordi cosa rispondesti all’amico che ti diceva che ti permettevo di accarezzarmi perché volevo cibo in cambio << i cani non sanno fingere>> queste furono le tue parole, avevi ragione.

Io non so fingere

sincerità mi raccomando. a

Aggiornamento:

a me non piace molto, forse dovrei approfondire di più il rapporto tra la randagia e il ragazzo. voi che dite?

Aggiornamento 2:

il ragazzo si chiama Iago, l'ho chiamato così perchè in paese è conosciuto come una persona onesta e perchè come si vede dal racconto non agisce direttamente e cerca di apparire amico della cagnetta, proprio come fa il personaggio di Shakespeare

Aggiornamento 3:

con Otello , Cassio e in parte minore Desdemona

4 risposte

Classificazione
  • Deb
    Lv 4
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    bello e molto drammatico. Mette i nmostra la cruda realtà dell'uomo e la sua natura crudele e l'animo innocente di un cane.

    Bravo, complimenti

  • Jane
    Lv 4
    1 decennio fa

    Bravo! Sei riuscito a dare un finale a sorpresa a questo racconto, non è da tutti, quindi complimenti! Mi piace molto! Secondo me non devi approfondire molto il discorso del rapporto tra i due protagonisti, meglio se il racconto ad effetto finale rimane breve! Ciao!

  • Alice
    Lv 4
    1 decennio fa

    Feroce, fiero, indomito. Bello.

    Un inno alla libertà.

  • 1 decennio fa

    ti ho risposto anche nell'altra tua domanda:

    lo trovo piuttosto carino.

    anche lo stile di scrittura. soprattutto l'inizio davvero, complimenti!

    non si capisce fin da subito chi (anzi, cosa) è la protagonista... e questo lo hai saputo nascondere quasi fino alla fine!

    però lago... io non ho capito perchè lo chiama così il ragazzo!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.