Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaCani · 1 decennio fa

Che cosa devo fare con il mio cane?

Ho un cucciolo di Whippet di 6 mesi. Quando rimane a casa da solo anche se solo per poco tempo, ne combina di tutti i colori .... morde i muri, tapeti, tende etc. Capisco che soffre di solitudine, ma .... Qualsiasi consiglio sarà ben accettato. Grazie.

10 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Tutti i cani, in particolare i cuccioli, possono soffrire di solitudine e di isolamento quando vengono separati dai padroni, o comunque dai componenti del loro gruppo. Va ricordato che il cane è un animale sociale che ama stare con i propri simili, dai quali ricava protezione e conforto; è possibile osservarlo nei canidi selvatici come il lupo dove, il culto del branco, è vitale per la sopravvivenza. Se la separazione diurna, in qualche modo potrebbe essere comprensibile e accettata da molti soggetti, la separazione dal resto del branco, durante la notte, risulta essere insopportabile. In questo caso, per separazione si intende frapporre fra noi e il cane una barriera, cieca o trasparente, o comunque una costrizione che impedisca il contatto diretto. Molto spesso i padroni, per inesperienza, o nella speranza di risolvere uno dei tanti problemi che ogni cane si porta in dote, relegano il proprio cane in ambienti chiusi o comunque separati dal territorio del branco. Voglio augurarmi che l'isolamento e la separazione siano sempre indispensabili e temporanei; spesso mi chiedo perchè mai si adotta un cane se poi non si è in grado di accudirlo adeguatamente, il mio compito comunque è di tentare di porre rimedio ad una condizione di disagio del cane, aiutando il suo padrone.

    In tutti i casi, per abituare nel più breve tempo possibile il cane, al fine di evitargli continui stress da separazione, è necessario adottare alcuni atteggiamenti:

    utile lettura

    condizioni generali:

    * devi diventare il suo capo branco

    * il cane non deve essere padrone dipendente

    * non stargli troppo addosso quando sei in sua compagnia, naturalmente se esistono bambini, vanno adeguatamente educati a mantenere il dovuto distacco

    * deve conoscere i principali comandi dell'educazione di base

    * lasciandolo solo, adotta dei metodi per andartene e per tornare

    l'isolamento:

    * quando lo devi isolare e chiudere nel suo ambiente, fallo senza tentare di convincerlo con lusinghe o moine, non faresti altro che anticipare lo stress che proverà subito dopo

    * meglio se entra di sua iniziativa seguendoti o precedendoti

    * non usare mai la forza, meglio adottare qualche stratagemma

    * lascialo senza salutarlo e senza raccomandarti, deve sembrare una situazione del tutto normale

    * chiudi la porta alle tue spalle senza voltarti

    * allontanati con passo deciso senza ripensamenti

    * se la porta che vi separa è cieca, non rimanere in ascolto ma allontanati avendo cura che ti senta

    * non parlargli attraverso la porta, non faresti altro che stare al suo gioco

    quando richiama la tua attenzione:

    * se la barriera che vi separa non è cieca ( porta a vetri o cancellata ), evita di guardarlo negli occhi o di parlare, devi fingere di di essere cieco e sordo

    * se invece la barriera è cieca, non tentare di zittirlo o rimproverarlo, non faresti altro che rispondere ai suoi richiami

    * mantenendo un comportamento distaccato e non partecipe, vanifichi i suoi richiami facendoli cadere nel nulla

    * in uno di quei momenti in cui si zittisce, per ascoltare o per riprendere fiato, apri la porta ed entra nel suo ambiente.

    * attento a non entrare se sta guaendo o abbaiando, rischieresti di produrre un rinforzo positivo mentre ti sta chiamando

    * naturalmente ti farà mille feste, cercherà di saltarti addosso, sarà felice di essere riuscito a farti entrare e a ricongiungersi con te; dovrai deluderlo lasciando credere che non sei entrato per lui ma per altre ragioni

    * evita di guardarlo negli occhi, guarda altrove in modo naturale

    * evita di parlargli anche per rimproverarlo

    * se guaisce o abbaia, fingi di non sentirlo

    * devi comportarti come se fossi diventato improvvisamente cieco e sordo

    * se ti viene tra i piedi, muoviti nella sua direzione travolgendolo ( attenzione ai cuccioli, non sanno che devono scansarsi )

    * se si alza sulle zampe, non favorirlo e fallo cadere

    * fingi di occuparti di faccende che non lo vedono coinvolto

    * devi essere tanto preso dalla tua occupazione che nulla o nessuno può distrarti

    * rimani qualche minuto, meglio se nel frattempo si calma e rimane in attesa delle tue attenzioni

    * quando ritieni che la situazione si sia normalizzata e accetta la tua presenza passiva, preparati ad abbandonare il locale

    * dirigiti verso l'uscita con passo deciso mantenendo lo stesso atteggiamento di quando sei entrato

    * apri la porta quanto basta evitando di lasciargli spazio per seguirti

    * continua a non guardarlo e a non parlare

    * esci senza voltarti, deve avere l'impressione che ti stai allontanando per poco e non per lungo tempo

    o se dovesse riuscire ad uscire dal suo ambiente seguendoti, torna sui tuoi passi, lasciando la porta aperta

    o non tentare di chiamarlo, dovrebbe venirci da solo

    o se non viene da solo, riportacelo come fai di solito (non costringerlo mai)

    o rimani con lui qualche momento tenendo lo stesso distacco che avevi in precedenza

    * questa operazione andrebbe condotta a turno da tutti i componenti responsabili della famiglia; anche con comportamenti diversi, la finalità deve essere la stessa

    * lo scopo di questa sceneggiata è di indurre il cane a pensare che i padroni non sono molto lontani ma hanno altro a cui pensare

    durante la convivenza:

    * non permettergli di seguirti

    * se si avvicina allontanalo infastidito, non deve provare piacere per la tua presenza e tanto meno per il contatto perciò non accarezzarlo MAI

    * nei momenti in cui si isola. chiamalo, invitalo a raggiungerti e senza complimentarti, fallo sedere. Devi controllarlo a vista e lui lo deve capire.

    * se tenta di allontanarsi richiamalo e ridagli il comando seduto

    o per dare più risalto alle tue qualità: mettiti di spalle, sistema uno specchio per poter spiare le sue mosse e, non appena si muove, dai il comando fermo, senza incrociare il suo sguardo. Deve credere che sei in grado di controllarlo anche sei non lo stai guardando

    * non accettare le sue proposte di gioco

    * quando riposa, chiamalo e invitalo a giocare con te

    * non lasciarlo vincere e interrompi il gioco quando lui è ancora propenso a continuare

    * mentre sei in casa nascondi i suoi giochi per ridarglieli solo quando esci

    * non fornire MAI i pasti appena rientrato ma aspetta che la tua presenza sia ormai scontata; non deve desiderare il tuo ritorno per soddisfare il suo desiderio di cibo

    * adotta i metodi entrare in casa e uscire di casa

    * naturalmente gli atteggiamenti e i comportamenti suggeriti, dovranno essere adottati per il periodo necessario a far rientrare il problema, in seguito, è possibile tornare a condizioni più normali e serene. Attenzione alle ricadute.

    Se proprio non è indispensabile, non isolarlo, farai di lui un cane felice.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    E normale, tutti i cuccioli fanno cosi qualsiasi razza siano, un po per giocare un po come hai detto tu per solitudine, io ho le porte devastate, non esistono più zoccoli in legno a pavimento e non ce armadio senza i segni della mia APBT, per il muro idem anche se certi veterinari dicono che se lo mangiano perché sono alla ricerca di calcio. Puoi provare con del peperoncino in polvere nei punti dove fa più danni, molti dicono che funziona, io ho provato ma non è servito a niente, puoi chiudere il cane in una singola stanza per limitare i danni. Devi portare tanta pazienza io ormai quando combina qualcosa non so più cosa dirgli e mi metto a ridere.

  • 1 decennio fa

    compragli la palla dove ci puoi mettere i croccantini dentro....serve a tenerlo occupato invece che con le tue cose...

    Fonte/i: 2 rottweiler....
  • guarda anke la mia ha 4 mesi ..e fa cosi..ti consiglieri di tenerle qualcosa che fa rumore come ad esempio una sveglietta ed il suo tic tac le fara da compagnia..oppure un po di musica...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 3 anni fa

    Sono riuscito ad addestrare il mio cane facilmente con questa guida http://CorsoAddestramentoCani.latis.info/?e85f

    Molte persone pensano che i cani mordano "perché è nella loro natura". Ma i cani non diventano aggressivi senza una buona ragione e molti di loro usano l'aggressività solo in situazioni di particolare nervosismo o tensione.

  • Norman
    Lv 4
    4 anni fa

    E' possibile controllare il panico grazie a questo programma http://SconfiggiAnsia.givitry.info/?9yL5

    Nella vita è possibile sperimentare sensazioni destabilizzanti, e sentire dentro noi stessi una tale quantità di vuoto e irrequietezza da non sentirci più padroni del nostro corpo. Sembra impossibile detto cosi semplicemente a parole, ma non lo è. Chi soffre di attacchi di panico ed ansia sa quello che voglio descrivere, il vuoto più totale l’assenza di ogni stimolo e di ogni speranza; sono sensazioni legate all'impotenza che questi tipi di attacchi trasmettono a chi li subisce.

  • 1 decennio fa

    Non preoccuparti è uno degli imprevisti più frequenti e poco piacevoli, il consueto comportamento sarebbe: lasciare accesa una radio o una televisione in modo che ci sia rumore costante e si abitui a non stare in ascolto perenne dei tuoi passi, lasciare oggetti che spesso le sono accanto, giochi, ossa, coperte e lasciare vestiti o tessuti impregnati del tuo odore (dormi qualche notte con una pezzuola nel letto e dagliela da giocare). Inoltre abitua il cucciolo ad assenze: prepara il suo giacilio, ed esci per qualche minuto e quando rientri e fa le feste non degnarlo di uno sguardo fino a che non si tranquillizza, poi aumenta il tempo e continua a non curarti di lei fino a che non si tranquillizza. Facendo questo allenamento vedrai che si rassegnerà a stare in casa, e sarà molto più disteso.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    io nn ho qst tipo di cane io ho 1 meticcio....e ti consiglio di regalargli una sveglia anke io ho fatto csì cn la mia cucciola i primi tempi xkè nn si sentisse sola e senza la mamma,la sveglia gli ricorderà il cuore ke batte....poi ti consiglio di tenerlo in giardino se ce l'hai sl qnd 6 in giro...e comprargli 1 casetta x ripararla e assolutamente 1 gioco x es(pallina,freesbe,pollo,peluches) x giocare vedrai ke nn si sentirà più solo o sola.....è tt quel ke so!!!!ciao ciao!!!!

  • 1 decennio fa

    prova a lasciarlo solo per 10 min per una sett

    la seconda sett 20 e cosi via con il mio cane ha funzionato

  • Emme;
    Lv 7
    1 decennio fa

    è una cosa molto frequente nei cani che vivono in casa 24h su 24.

    Il cane è abituato a stare sempre con il padrone e a seguirlo ovunque, quindi appena viene lasciato solo impazzisce, soffre di ansia da separazione il tuo cane. Fai così, quando sei in casa, invece di farti seguire sempre dal cane, chiudi la porta lasciandolo solo in una stanza e dopo un paio di minuti ritorna però non salutarlo, nè niente, IGNORALO. Anche prima di chiudere la porta, non dirgli nulla.

    Il fatto di ignorarlo dovete farlo anche PRIMA di uscire di casa e appena entrati in casa. In questo modo sarà più tranquillo.

    E poi, quando sta solo, non lasciategli tutta la casa a disposizione!! Lasciatelo in cucina, non in salotto o in camera da letto perché salirebbe sui divani e sui letti. Avete un terrazzo? Non soffre a stare per poco tempo fuori, gli mettete la cuccia e qualche copertina... Ovviamente dovete abituarlo.

    Vedrai che se lo ignorerai e lo lascerai solo in una stanza anche quando tu sarai in casa, capirà che tanto ritorni e quindi di conseguenza non sarà super agitato.

    Ciao!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.