GiOrGiO ha chiesto in Animali da compagniaGatti · 1 decennio fa

Mi dite i pro e contro riguardo la castrazione di un gatto?

ciao a tutti ho un gatto di 10 mesi, abito in un condominio ma a volte faccio scendere perchè gli piace stare all'aria aperta, però è succeso che un altro gatto la morso e gli ha passato una malattia allora il veterinario mi ha detto di farlo castrare cosi evita di fare la lotta con altri gatti. Io sono contrario alla castrazione però mia madre ha deciso di farlo castrare e quindi non ho scelta. Ma la voglia di usire c'è la sempre se lo castro?? il vet mi ha detto che i maschi quando vanno in "calore" pisciano in casa x marcare il territorio è vero?? perchè è x questo che mia madre vuole farlo castrare.

6 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    CONTRO:

    * Alcuni dicono che è "contro natura".

    * Non potrà accoppiarsi ed avere cuccioli.

    PRO

    * Eviterà di prendere malattie dai morsi, ma anche malattie ben peggiori come FIV (AIDS dei gatti), FelV (leucemia felina, mortale). Tra l'altro visto che è stato morso tra sei mesi ti conviene fargli il test.

    * Vivrà in media 5 anni più a lungo di un gatto non castrato.

    * Non ti urinerà liquido puzzolente sugli angoli di casa.

    * Non rischierà di finire sotto le automobili, di essere picchiato o avvelenato da chi odia i gatti in amore che fanno chiasso e pipi puzzolente vicino alle loro case.

    * Non metterà incinte decine e decine di povere micie randagie i cui cuccioli quasi mai riescono ad arrivare all'età adulta (solo 1 su 5 raggiunge l'anno) e muoiono di fame e malattia in mezzo alla strada dopo tante sofferenze.

    * Eviterai il proliferare di mici randagi che affollano i gattili e non trovano casa.

    La castrazione non cambierà il suo carattere, anche se ti consiglio sinceramente di non farlo uscire, perchè i pericoli sono molti: auto, cani, altri gatti, persone malvagie...

    Se si annoia prendigli un amico gatto, o trascorri più tempo a giocare con lui! Magari portalo con la pettorina ed il guinzaglio, ma non da solo!

    Quello che dice Gaia sul "sapere cosa si perde", è il tipico errore umano: attribuiamo agli animali pensieri e sentimenti che non hanno alcun senso. Per loro il sesso è istinto puro, generato dagli ormoni e basta. Non c'è amore, non c'è sentimento, non c'è piacere, ma solo cieco seguire l'istinto. Quindi quando perdono lo stimolo non soffrono, non sentono mancanze di nessun tipo.

    Inoltre NON E' AFFATTO VERO che "sentirà il bisogno di colmare la carenza con il cibo", è un'enorme sciocchezza.

    E' scientificamente provato che l'appetito dopo la castrazione diminuisce, così come il bisogno di cibo: la percentuale di gatti che aumentano di peso è dovuta al SENSO DI COLPA dei PADRONI, che li nutrono di più perchè vogliono "compensarli" dell'operazione. Se continuerai a nutrirlo come ora (anche meno, visto che ne ha meno bisogno diventando adulto) vedrai che non ingrasserà affatto.

    Per Gaia:

    Per favore non diciamo sciocchezze, c'è già tanta ignoranza in giro. Le congetture e le fantasie lasciamole alle chiacchiere da bar, qui limitiamoci ai fatti. Inoltre se il tuo gatto è obeso è solo colpa tua che lo nutri esageratamente, non dare la colpa a cause esterne. I padroni di animali obesi dovrebbero vergognarsi, così come i genitori di bimbi obesi, perchè la colpa è solo loro.

    Fonte/i: Esperienza "gattara".
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    so che può sembrare crudele però è vero. i maschi sentono l odore delle femmine in calore e sono disposti a fare chilometri per trovarle. pensa che il tuo è abituato a stare in casa e quindi non conosce i pericoli esterni, ci metterebbe poco a finire sotto qualche macchina(con tutte le dovute corna del caso) e quindi a lottare con altri maschi con i quali la spunterebbe poco! ed è vero anche che il maschio segna il territorio con la pipì sui muri, per questo cmq per quanto può sembrare crudele castrarlo, alla fine fai solo il bene. Su coraggio anche a me dispiaceva e il giorno dell operaziione ero agitatissima anche se sapevo che era per il suo bene, confermato dal veterinario, e quindi.... ti assicuro cmq che micio sta benissimo, il suo carattere è rimasto uguale e continua a giocare come un cucciolo quando era arrivato, e a dormire. tutto come nella sua natura. tante coccoline al micio.... miao miao

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • I
    Lv 5
    1 decennio fa

    La voglia di uscire c'è sempre anche nel gatto castrato, ma scompare l'impulso ad allontanarsi da casa, talvolta anche per più giorni, per seguire il richiamo delle femmine in calore (e questo è positivo in quanto riduce il rischio che il gatto sia investito. Proprio oggi ho visto un gatto intero che purtroppo è morto, a seguito di un investimento, e al 99% la sua "fuga" era motivata dal richiamo di una gatta in amore...). Il minore desiderio di andarsene in giro fa sì che i gatti maschi castrati tendenzialmente abbiano una vita più lunga di diversi anni rispetto a quelli non castrati. Castrandolo inoltre annulli la possibilità che sviluppi un tumore ai t****coli e minimizzi la possibilità di patologie prostatiche quando sarà più vecchio. Questi sono essenzialmente i vantaggi per il gatto.

    Veniamo ai vantaggi per te: il gatto castrato non marca il territorio con l'urina, mentre quello non castrato sì, lo fa, è un fatto per lui assolutamente naturale (molto meno per chi deve pulire costantemente e sincerarsi di non usare prodotti all'ammoniaca, altrimenti il micio, sentendo un odore simile a quello dell'urina, lo interpreta come un incentivo a urinare nuovamente in quel posto).

    Svantaggi per te: nessuno. Svantaggi per il gatto: l'unico svantaggio, di fatto, è che il gatto non può procreare, ma tieni anche conto che per il gatto l'istinto riproduttivo non è come per gli umani; il gatto vive benissimo anche senza partner, e non sente la castrazione come una menomazione (schiere di comportamentisti potrebbero confermartelo).

    Il problema dell'ingrassamento è più dovuto al minore movimento che all'intervento in sé: se offri cmq al gatto degli stimoli (opportunità di gioco se sta in casa; un giardino dove arrampicarsi e giocare da solo se sta fuori) non ingrasserà se mantieni un'alimentazione equilibrata come dovresti fare in ogni caso anche con un gatto intero.

    L'intervento è semplice e sicuro: vedrai che il gatto si riprenderà completamente in tempi brevissimi (per le femmine l'intervento è un po' più pesante, ma i maschi il giorno dopo di norma stanno già benone).

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Ciao Giorgio, anche io avevo le tue stesse paure.

    Ma ti devo dire che il mio gatto ha solo avuto cose positive dalla castrazione e ovviamente anche noi.

    E' vero i gatti maschi marcano il territorio quando sentono le gatte in calore, perdono proprio il senno, un gatto che avevo quando ero piccola scappava anche per mesi e quando tornava... era in condizioni tremende.

    La castrazione sui gatti maschi è assolutamente innocua, non ci sono tagli ne ferite evidenti come nelle povere micine, il mio gatto il pomeriggio stesso dell'intervento (fatto la mattina) mangiava e si comportava come nulla fosse.

    Lato negativo? Aumenta un pò di peso.... ti diventa un vero Micio bambacione.... però ciò non sempre è negativo!

    Io ti consiglio di farlo, per il suo bene soprattutto!

    Evita il contagio di tante brutte malattie.

    Però sei un pò in ritardo, io l'ho fatto a 6 mesi. In bocca al lupo

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Io ho castrato il mio prima che andasse in calore.......

    PRO: anche il mio vuole uscire, ma solo per farsi un giretto e inseguire le lucertole, delle gatte non gli interessa nulla. Una volta si è incrociato con un gatto enorme...il mio è scappato dentro casa altro che lotta!

    Non mi ha mai marcato il territorio. Finora non è nemmeno ingrassato come dicono molti...è rimasto del suo peso.

    CONTRO: secondo me non ci sono contro nella castrazione, a meno che tu non voglia fare cucciolate. Il gatto non soffre per l'intervento.

    Per i gatti l'atto dell'accoppiamento non produce ""piacere""", se lo castri a lui non cambia niente in fatto di sesso. Anzi, il mio diventa più tranquillo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Risa
    Lv 4
    1 decennio fa

    anche io ho un gatto castrato. Io ti propongo di castrarlo ora che ha 10 mesi e deve conoscere il sesso: finché non lo conosce non saprà mai cosa si perde. :)

    i pro: non scappa di casa per seguire le gatte in calore, quindi non c'è il rischio che si butti dal balcone o che finisca sotto una macchina. Inoltre non ti piscia in casa.

    i contro: probabilmente sentirà il bisogno di colmare il vuoto sessuale col cibo: non abituarlo a mangiare troppo se no ti diventa obeso (come il mio :\ ), e poi va beh, non conoscerà il sesso che è una cosa molto bella.

    Spero di averti dato una mano. Auguri al tuo gattino! :)

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.