Vogliamo parlare del valore affettivo di indumenti e accessori che non riusciamo proprio a buttare?!?

Oggi, mi sono reso conto che i miei jeans da "battaglia" sono arrivati al capolinea (uno strappo che è sempre meno trandy e sempre più di cattivo gusto sul cavallo...). Jeans che ho indossato in molte occasioni e che mi hanno "accompagnato" in viaggio molto spesso...Non voglio buttarli insomma, ma hanno fatto il loro tempo e devo!!!!!!

Eppure, quelle rare volte che ho speso parecchio per una maglia, un paio di scarpe, una giacca, non ho avuto le stesse soddisfazioni di un banale capo d'abbigliamento pagato, magari, pochissimo!

A cosa siete, o siete stati, particolarmente affezionati tanto da rammaricarvene una volta eliminato quel "leader" del vostro guardaroba?!E perchè ha (o aveva) quel significato?

Buona serata a tutti!

13 risposte

Classificazione
  • Stefy
    Lv 7
    10 anni fa
    Migliore risposta

    Valore affettivo...ho tenuto un armadio pieno di valore affettivo, per oltre 10 anni, non riuscivo a svuotarlo mi faceva star male....un gìorno l'ho aperto e mi sono detta che dovevo farlo, ormai era passato troppo tempo, anche il profumo di quella persona non c'era piu' ed era inutile tenere quel tesoro di ricordi ma non ce l'ho fatta e ho pianto, ho richiuso l'armadio a chiave!

    Poi come spesso capita, ho trovato le mie emozioni descritte da qualcuno piu' bravo di me a farlo.... ho letto un diario in un blog che mi ha convinta a buttare tutto :

    """"Hai l’abitudine di accumulare oggetti inutili, pensando che un giorno, forse, potrebbero esserti utili? Accumuli danaro senza spenderlo, per paura che un giorno potresti ritrovartene senza? Hai l’abitudine di conservare abiti, scarpe, utensili che non usi più da tempo? E dentro di te…? Hai l’abitudine di conservare rancori, rimproveri, risentimenti, paure, tristezze ed altro? Non fare questo, vai contro la tua prosperità! E’ necessario che lasci uno spazio, un vuoto, affinché cose nuove, possano arrivare nella tua vita, e’ necessario che ti disfi di tante cose inutili che sono in te, e nella tua vita, affinché la prosperità arrivi!

    La forza di questo vuoto, è quella che assorbirà ed attrarrà, tutto quello che desideri!

    Finché stai materialmente o emozionalmente, caricando sentimenti vecchi ed inutili, non avrai spazio per nuove opportunità. I beni devono circolare: pulisci i cassetti, gli armadi, le stanze, il garage. Dai quello che non usi più, a chi potrebbe usarlo. L’atteggiamento di conservare cose inutili, incatena la tua vita. Non sono gli oggetti conservati, quelli che stagnano la tua vita, bensì il significato dell’atteggiamento di conservare. Quando si conserva, si considera la possibilità “di mancanza, di carenza”, si crede che domani potrà mancare, e che non si avrà maniera di sopperire a quella necessità! Con questa idea, stai inviando due messaggi al tuo cervello ed alla tua vita: che non ti fidi del domani, e che pensi che il nuovo ed il migliore, non siano per te… per questo motivo, ti consoli conservando cose vecchie ed inutili. Disfati di quello che ha perso colore, lucentezza e brillantezza, lascia entrare il nuovo in casa tua, e dentro te stesso.

    Che la prosperità, la serenità e la pace, colmino la tua casa ed il tuo cuore """"

    Ho conservato solo un maglione... tutto il resto l'ho portato via...ho lasciato posto al nuovo, perche' il ricordo di una persona non e' dentro un oggetto ho deciso di guardare avanti, perche' e' giusto cosi..anche lei lo vorrebbe! Anche le tutine dei bimbi o quel paio di pantaloni che mi ricorda un periodo magico...tutto via...rimane il ricordo quello non c'e' nessun cestino abbastanza capiente che possa raccoglierlo!

    nessun pentimento, mi sono anche sentita stupidamente fiera di me.

    ....un abbraccio!

  • Sofia
    Lv 4
    10 anni fa

    non credo di essere attaccata a indumenti particolari. passata la fase di loro utilizzabilità, me ne disfo facilmente e senza rimpianti.

    a casa, però, abbiamo un armadio pieno zeppo dei miei vestiti di danza, dal primissimo tutù verde e minuscolo all'ultimo, bellissimo, della variazione del Don Chisciotte, passando per i costumi più strambi di quando si mettevano in scena le fiabe della Disney e nei bozzetti delle scenografie che ultimamente revisionavo.

    per me hanno lo stesso valore delle fotografie, solo che occupano più spazio. ma mai, mai mi sognerei di buttarli via, nemmeno quando mi prendono i raptus-bisogna fare ordine.

    (detto tra noi, credo che il valore aggiunto del contenuto di quell'armadio risieda in tutte le nottate che ho passato/fatto passare a mia madre ad attaccare paillettes su tulle e corpetti; in tutte le volte che mi ci appiccicavo le dita con la colla e nelle volte in cui la colla non andava bene e le benedette paillettes si dovevano attaccare con ago e filo; nelle mille prove e proposte per perfezionarli anche quando erano preconfezionati e andavano già bene così; nei piccoli "furti" in casa di cose che potevamo riutilizzare negli spettacoli.. e nelle rogne che mi procuravano una volta sgamata.. ;)

  • 10 anni fa

    i miei anfibi. perchè me li comprò mio padre e mi disse: finalmente hai un paio di scarpe decenti :)

    lo zainetto che ho comprato ad Amsterdam e che non butterò mai e poi mai. tu capisci no?

    ^^

  • 10 anni fa

    Ho una t-shirt della Standa con la foto in bianco e nero del muso di un cagnone che mia zia mi ha regalato il giorno degli orali dell'esame di terza media (1993) e che ho messo quel giorno stesso. Era, ed è, assolutamente gigantesca e adesso è lisa, bucata (ho cercato di chiudere i buchi più piccoli con l'Attack) ma ancora in un mio cassetto.

    Mia zia mi ha raccontato, a distanza di anni, che voleva regalarmi qualcosa di buon augurio, le era piaciuta quella maglia ma era l'ultima, e me la prese ugualmente senza pensare che me la sarei messa subito: sembrava avessi una tunica, con le mezze maniche che mi arrivavano ai polsi e un metro di maglietta arrotolata nei jeans! Questo ricordo credo sia la ragione per cui quello straccio a forma di t-shirt oggi è ancora tra noi.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 anni fa

    Ho ancora jeans che usavo all'università... qui per me non è valore affettivo ma patologia vera e propria...

    ;-)

    Fonte/i: e parlando di università, parliamo all'incirca del pleistocene...
  • Anonimo
    10 anni fa

    una camicia...

    ed una felpa...

    non li butto

    sebbene siano distrutte

  • Anonimo
    10 anni fa

    una volta dovevo buttare uno Shotz che avevo messo quando ho conosciuto la mia migliore amica e i suoi bei tempi li aveva fatti...

  • Anonimo
    10 anni fa

    Anche io ho avuto difficoltà a buttare un paio di jeans ( pensa te,pagati 20 euro al mercato! )...e infatti non l'ho fatto! Li ho appesi all'anta dell'armadio XD

    Mi hanno accompagnato in praticamente tutto: concerti,viaggi,vita di tutti i giorni ecc.

  • Anonimo
    10 anni fa

    più ke altro sono affezionata a un paio di orecchini....che porto sempre durante le occasioni importanti...perchè mi sono stati regalati ,quando sono ,da mia nonna(che non ho mai conosciuto)

  • Sinceramente un vestito x me ha valore 0....se non avesse una storia in se...L'unica cosa ke non ho avuto il coraggio di buttare via è la mia vekia tutina da sci anke se ormai la metà di me....Ma ha un valore affettivo non da poco....e suscita molti + ricordi di una foto....(=

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.