Storia horror(inventata)breve?

Grazie a tutti per le risposte...

6 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    La luna pian piano saliva per in quel che sembrava una normale serata.

    Tv, patatine fritte al momento e un pacchetto di sigarette avrebbero reso la serata di Giorgia un particolare momento di riposo e relax. Il suo ragazzo sarebbe arrivato a momenti, e di certo munito con il suo attesissimo regalo di compleanno. Il fratello più piccolo era a dormire a casa dei suoi stupidi amici, e quindi fuori dai piedi tutta la notte. Cosa c'era di meglio da desiderare? Cosa avrebbe rovinato una serata così perfetta come quella del suo 20° compleanno?L'inimmaginabile.

    Già ,inimmaginabile. Chi è quella persona che sa, in uno dei momento sicuramente migliore della sua vita, che sarebbe a poco avvenuta una tragedia?

    Le 21 erano appena passati da un pezzo. "Caspita", continuava a ripetersi, "eppure le strade non erano trafficate mezz'ora fa... Perchè tarda così tanto?". Già perchè. Cosa stava dividendo Federik dalla sua amata? Qual'era la causa del suo ritardo?La sua morte.

    Le 21e 30.La calma quiete di Giorgia diventava stava diventando sempre più un infuocato stress, analogamente a quanto accadeva con le patatine che friggevano sul fuoco. Uno squillo. Il telefono. "Federik!", pensò lei, "E' lui! Chissà che scusa si inventerà per giustificare il ritardo!". Da quel maledetto momento in cui Giorgia alzò il telefono e rispose inizò quel che era il peggior giorno mai vissuto. Una voce. Una voce spaventata e assai turbata. Una voce disperata. Era quella di Marah, la migliore amica del fratello. "Giorgia! Giorgia devi correre subito qui! Tuo fratello, il fucile di papà... Giorgia devi correre, ho paura!". La telefonata si staccò con un urlo proveniente dall'altra parte della strada. Giorgia iniziò a correre verso la casa di Alex, il ragazzino che aveva programmato una festa notturna con tutta la classe di Fabri, il fratellino più piccolo e rompi di Giorgia. La porta era aperta, e davanti c'era parcheggiata un'autoambulanza. Due infermieri cercavano disperatamente di salvare un ragazzo , gicente sul verde prato che era diventato in breve una pozzanghera di sangue. Giorgia iniziò a piangere forte, come non aveva mai fatto. Stringeva forte a sè quel ragazzo ferito, allontanata bruscamente dagli infermieri impauriti. Non c'era possibilità. Marah e Alex, bianchi più della luna di quella maledetta serata, cercavano ad ogni costo di allontanare la povera Giorgia, sporca del sangue del defunto fratello. La disperazione era forte tanto da temere che la gioia fosse un emozione ormai incomprensibile per la povera ragazza. Ma quella disperazione si trasformò presto in follia. Follia. Quale sarebbe la reazione di una povera ragazza che corre verso il fiume del piccolo paesino, disperata dalla morte del fratello, e vedere proprio lì il corpo galleggiante del suo ragazzo? La follia. Era impossibile. Era inimmaginabile. Era un incubo stringere per la seconda volta nello stesso instante una persona tanto amata morta improvvisamente. Il pianto quasi mozzava la voce della ragazza, che continuava a girdare in quella fredda notte ai piedi del fiume, stringendo il povero fidanzato morto annegato qualche ora prima. Alzando lo sguardo Giorgia vide la macchina del ragazzo fumante ai bordi del fiume, uscita fuori strada dopo un brusco incidente e finita per metà bruciata e metà annegata nel nero fiume della città. Il dolore era forte. Il dolore era enorme. Il dolore era tale da sentir bruciare forte sulla pelle...come lanciarsi in un grande rogo infuocato... Giorgia stava aprendo appena gli occhi e vedeva la sua casa bruciare, le sue pareti bruciare, il suo corpo bruciare.

    "E' stato tutto un sogno! Mi ero addormentata, e ho lasciato il gas acceso!". Questi sono stati gli ultimi pensieri della povera Giorgia, trovata carbonizzata nella sua casa dal fratello e dal ragazzo proprio nella sera del suo compleanno.

    NB: se vuoi allungare la storia per il compito puoi fare descrizioni ben dettagliate dei personaggi, della casa e dei suoi stati d'animo... Il gioco è fatto! Mi raccomando, non fare brutti sogni!

    Fonte/i: Vista da qui: - http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=200... Ha preso Ottimo quella che ha inviato la domanda, ti consiglio di prenderla questa che ti ho dato, perchè è bella.
  • questa storia è successa veramente...qui...in italia...per essere precisi tratta di una famiglia, che viveva in una vlla chiamata Ginella sita in codogno:apparentemente una famiglia tranquilla e normalissima, padre, madre e due figli, un maschio e una femmina.

    Una sera il pdre tornò a casa ubriaco e si mise a litigare violentemente con a moglie, prese poi, in preda ad un raptus di pazzia, il suo fucile e le sparò a bruciapelo; poi, sempre in preda alla pazzia, entrò in camera dei figli e sparò anche a loro,prese i corpi e li seppellì in cantina e la chiuse a chiave, si diresse verso il suo studio e si suicidò, sparandosi in bocca.

    negli anni novanta la villa fu messa in vendita, una famiglia benestante l'acquistò e andò ad abitarci dopo averla messa a posto; la prima notte sentirono dei rumori di grida e pianti che provenivano dalle stanze degli omicidi...scesero in cucina...si accostarono alla porta e video una pozza di sangue; terrorizzati scapparono di sopra per chiudersi in camera ma...entrarono in quella dove erano stati ccisi i bambini, il marito si lasciò la porta ciusa dietro di sè e quando alzò lo sguardo si trovò faccia a faccia con il fantasma dei bambini...ma la loro figura mostrava chiaramente il buco che avevano in mezzo al torace, uscirono di corsa e cercarono rifugio altrove...si chiusero nel bagno...ma dietro di loro c'era il fantasma dl padre col fucile in mano che gli gridò: " QUESTA E' CASA MIA!!! DOVETE ANDARVENE ADESSO, OPPURE, RIMARRETE QUI......PER SEMPRE!!! AHAHAHAHAHAH"

    I due traumatizzati e terrorizzati scapparono via senza badare a dove andassero e si trovarono davanti alla porta della cantina, dalla quale si sentiva sbattere e grattare...fuggirono finalmente fuori dalla villa e andarono in albergo.

    il giorno dopo annullarono tutto spiegando il fatto, ma vennero scherniti; dopo di loro scapparono altre due famiglie da lì e da allora la villa è stata sigillata e resa proprietà del comune.

    tanti andarono ad esplorarla ma tutti fuggivano in preda al panico...ora c'è un quartiere in quel lotto di terreno...ma nessuno vuole abitarci.

    Fonte/i: scs ma nn è troppo breve ma mi puoi dare 10 punti ??M grz kiss kisss
  • 1 decennio fa

    Barbara d'Urso struccata.

  • 7 anni fa

    Quella di yes_imcrazy_directioner mi ha davvero colpito davero drammatica...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    New Orleans. Dei ragazzi che si ritrovano on-line per passare il tempo con un gioco a sfondo horror, non hanno la minima idea di quello a cui andranno incontro.. Infatti il gioco virtuale diventa realtà, quando, ogni volta che i loro personaggi muoiono, muoiono pure loro...

    guardalo ti sciali però il top!!! è Disturbia

    ttp://www.cinemadelsilenzio.it/index.php?mod=movie&id=5405

    qua la trama!

  • 1 decennio fa

    questa l' ho presentata come compiti x casa in 3 media ahaha:

    una coppia è molto povera, e allora chiede un prestito molto sostanzioso alla banca, e questa glielo concede...

    La coppia quindi decide di aprire un negozio(spacciare) droga, soldi falsi,e cose simili, quindi diventano ricchissimi e si comprano tutte le persone dell' america, poi si comprano una navicella spaziale, e tutto il combustibile presente nella Terra;infine comprano delle testate nucleari e tutte le bombe esistenti...

    quindi partono nello spazio e dopo che sono abbastanza lontani dalla Terra, fanno esplodere questa con le testate nucleri e bombe comprate in precedenza dopodichè vanno nel Sole e si sciolgono!

    Fonte/i: la mia immaginazione
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.