il te fa bene o male?

naturalmente poco zuccherato (1 cucchiaino massimo)

pro e contro?

quanto se ne dovrebbe bere al massimo in un giorno?

8 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    è la bibita più diffusa nel mondo dopo l'acqua.

    I sei tipi base di tè sono: il tè nero, il tè verde, il tè oolong, il tè bianco, il tè giallo ed il tè postfermentato. Tutte le diverse varietà derivano dalle foglie della medesima pianta, ma sono create attraverso trattamenti differenti e presentano diversi gradi di ossidazione (comunemente chiamata "fermentazione"). I tè neri sono tè "fermentati", i verdi sono tè "non fermentati" e gli oolong sono "semifermentati". Una volta essiccato il tè può essere ulteriormente lavorato per dare vita a: tè aromatizzato, il tè pressato e tè decaffeninato (deteinato).

    Il termine "tisana" si riferisce talvolta ad un'infusione che contiene frutta o erbe piuttosto che estratti di Camelia Sinensis. Il termine "tè rosso" si riferisce anche all'infusione di rooibos del Sudafrica che non contiene Camellia Sinensis.

    http://www.prodotti-dimagranti.com/the-verde.php

    Oltre a combattere le malattia di cuore, il cancro e ad altre malattie, un nuovo studio mostra che bere the verde può anche combattere il grasso superfluo. Uno studio ha mostrato che chi ha bevuto una bottiglia di the contenente un estratto di the verde ogni giorno per tre mesi ha perso più grasso di coloro che ha bevuto una bottiglia dl the normale.

    http://it.wikipedia.org/wiki/T%C3%A8_verde

    I benefici del tè verde corrispondono in massima parte ai benefici delle catechine che contiene, ovvero in particolare l'EGCG. La principale attività dell'EGCG è quella di potenziare le difese antiossidanti (catalasi, superossido dismutasi e glutatione perossidasi) e quindi diminuire il danno cellulare.

    Questo produce effetti salutari su tutti i tessuti.

    Vedi il sito, qui riassumo:

    Cancro

    Apparato cardiovascolare

    Apparato digerente

    Il tè verde (almeno una tazza al giorno per sei mesi), nelle donne, riduceva del 27% il rischio di calcoli biliari, del 44% il rischio di cancro della colecisti e del 35% il rischio di cancro delle vie biliari. Negli uomini questo rischio era ridotto ma non in maniera così netta, probabilmente per il maggior consumo di sigarette.

    * Metabolismo dei grassi e degli zuccheri

    La somministrazione quotidiana di un estratto di tè verde arricchito in teaflavina, sotto forma di capsule da 375 mg, provocava in 12 settimane una diminuzione significativa del colesterolo totale e del colesterolo LDL. Risultati simili sono stati pubblicati in studi condotti da un gruppo di ricerca di Tokio.

    Il tè verde ha proprietà termogeniche e promuove l'ossidazione dei grassi in maniera superiore a quella provocata dal suo contenuto in caffeina di per sè.

    Questo, insieme all'inibizione della lipasi pancreatica (l'enzima pancreatico che digerisce i grassi) e al conseguente rallentamento con cui questi grassi vengono assorbiti per via linfatica dopo il pasto, rende conto dell'effetto ipotrigliceridemizzante (riduce i livelli di trigliceridi ematici circolanti).

    Inoltre il tè verde favorisce l'ossidazione dei grassi rispetto a quella degli zuccheri durante l'esercizio fisico moderato, e può migliorare la sensibilità all'insulina e la tolleranza al glucosio nel giovane adulto sano.

    * Sistema nervoso

    Il tè verde ha globalmente un potente effetto neuroprotettivo.

    1. Potrebbe avere un ruolo nella prevenzione e nel trattamento di malattie neurodegenerative: Parkinson e Alzheimer.

    2. L'epigallocatechina (EGCG) sopprime fortemente l'insorgenza e/o il danno neuronale da encefalite sperimentale autoimmune (modello animale della sclerosi multipla) indotta dalla proteina 139-151.

    3. Un consumo maggiore di tè verde è associato ad una minore prevalenza di disturbi cognitivi nell'uomo.

    4. È possibile che la L-teanina (amminoacido contenuto nel tè verde) possa avere un effetto anti-stress, inibendo l'eccitazione dei neuroni corticali.

    5. I polifenoli del tè verde combattono i deficit cerebrali cognitivi dovuti alla sindrome da apnee ostruttive notturne (OSAS), caratterizzata da ipossia intermittente (le apnee notturne riducono l'apporto di ossigeno necessario al cervello durante il sonno).

    * Malattie infiammatorie, autoimmuni e da radiazioni

    I polifenoli del tè verde possono prevenire l'artrite reumatoide nei ratti, oppure ne diminuiscono la severità dei sintomi, e riducono i sintomi in un modello murino di sindrome di Sjögren .

    1. Il tè verde ha un potenziale applicativo nella prevenzione e nel trattamento di malattie infiammatorie, in quanto inibisce (oltre alla DOPA decarbossilasi) la istidina decarbossilasi, l'enzima che produce istamina[40].

    2. Il tè verde potrebbe rappresentare un importante approccio farmacologico contro le malattie autoimmuni nell'uomo: oltre i noti effetti antinfiammatori ed antiapoptotici, in vitro ha dimostrato di inibire la trascrizione e la traduzione di diversi autoantigeni (SSB/La, SSA/Ro, DNA topoisomerasi I e altri)[41].

    3. Un estratto di tè verde filtrato in acqua calda, applicato sulla cute per dieci minuti, tre vol

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    A dire il vero la teina è molto meno forte della caffeina. Poi che q aucluno faccia un effetto diverso, questo non lo so. Ma Per bere tanta teina, quanta la caffeina contenuta in una tazzina, dovresti berti diverse tazze di tè...

    Il tè fa bene, se non sei intollerante al tè stesso, ovvio...

    IL tè VERDE in modo particolare è una sorta di toccasana ed è scientificamente provato. Questo è dovuto al fatto che è ricco di antiossidanti. Studi recenti dimostrano anche che, chi beve abitualmente tè verde, ha meno probabilità di sviluppare tumori, rispetto a chi non ne beve. Inoltre aiuta a diminuire i livelli di colesterolo nel sangue. Sembra ci sia anche una relazione tra il consumo di tè Verde e la perdita di peso, in quanto pare abbia un effetto drenante e che acceleri il metabolismo. Da qualche parte, mi pare di avere letto anche che apporti benefici pure all'apparato cardiovascolare...

    Insomma, il tè verde è una vera dritta! Il problema è che magari il palato va un poco abituato, dato che è un tantino amarognolo. Però c'è di buono che, sei vai in un negozio di tè, ci sono moltissimi tipi di tè verde (sia sotto l'aspetto dell'aroma sia sotto quel del... prezzo!) e puoi quindi provarli un pò alla volta, finchè non ne trovi uno che ti soddisfi.

    Fonte/i: Amo il tè e ne consumo tantissimo da anni. Inoltre: http://www.alimentazione-salute.it/alimentazione/7...
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Marina
    Lv 7
    1 decennio fa

    2 tazze

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Fa bene, sgonfia e purifica; compra il te' VERDE!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Bere tre tazze di tè al giorno basterebbe a ridurre del 21% il rischio di ictus ischemico.

    Lo ha sancito uno studio dell’Università della California che ha analizzato oltre quattromila persone.

    I dati positivi sono stati infatti registrati tra i bevitori abituali di tè, nero o verde, ma non tra chi consuma tisane.

    Dunque una pausa per consumare del tè risulterebbe non soltanto un piacevole momento di relax ma soprattutto un momento in cui si fa qualcosa di importante per la propria salute.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Pro: è buono lo adoro e mi da l'impressione del rilassamento

    Contro: contiene teina un eccitante piu forte della caffeina

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    DIPENDE...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Tutte le cose con la quale si esagera, alimentari e nn alimentari x intenderci, fanno male e bisogna sex farne uso. Chao e in bocca al lupo!

    P. S.

    Com1que 1 telefonatina, così a titolo informativo, ad 1 buon dietologo o anke al tuo medico nn fa x niente male.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.