Anonimo
Anonimo ha chiesto in Notizie ed eventiAttualità · 10 anni fa

Perchè i giornali scrivono titoli come "montagna assassina", "neve che uccide" e mai "alpinista cretino"?

La maggior parte degli incidenti in montagna sono causati dall'imprudenza di spacconi che bramano solo di scendere al rifugio a dileggiare i "fifoni" che rispettano le regole delle piste e i consigli del soccorso alpino.

Non sarebbe il caso di riservare la pietà alle disgrazie vere, non a quelle cercate?

23 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Migliore risposta

    Non si leggono spesso pensieri e domande "fuori dai denti" come la tua.

    Brava!

    Siamo in molti a pensarla come te e ne hai conferma dalle risposte che ricevi.

    Delle notizie e ancor più dei commenti che leggiamo sui giornali o sentiamo nei tg, diffidiamo sempre. Pur di scrivere o dire qualcosa,la maggioranza dei giornalisti,è disposta a qualsiasi compromesso anche a rinunciare alla loro libertà di pensiero e, così facendo, denigrano la categoria.

    Ne rispetto qualcuno, non ne amo nessuno.

    Ciao e buona giornata!

    x ...fede...

    Ti sbagli, io inizierei la lettura del giornale proprio con quel titolo. Ciao

  • Anonimo
    10 anni fa

    ...il fatto è che mettono in pericolo anche la vita dei soccorritori....se ci sono dei divieti vanno rispettati, tra le notizie degli ultimi giorni ho provato leggermente più pena per quei poveracci che sono morti nella centrale elettrica per guadagnarsi la pagnotta, non me ne vogliano gli altri...

  • €l!
    Lv 4
    10 anni fa

    è quello che dico sempre anche io! e per di più finisce che per salvare un cretino che non ha seguito le regole muoiono quelli del soccorso alpino. basterebbe semlicemente usare la testa ogni tanto!

  • purtroppo ti viene il pensiero arrabbiato quando senti queste notizie.

    Io penso che la troppa sicurezza, uccide.

    Sono sempre incidenti che succedono, come anche all'ex allenatore di ciclismo, Ballarini, morto mentre faceva rally.

    E' uomo di sport, può capitare che incappi in un incidente...

    Così come morì Patrick de Gayardon, noto ex paracadutista acrobatico.

    Oppure peggio ancora, come morì Steve Erwin, noto cacciatore di coccodrilli australiano. Una vita in mezzo ai coccodrilli e ai serpenti, e alla fine è morto per colpa di una puntura di un velenoso pesce tipo razza.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    10 anni fa

    hai ragione,si ostinano ad andarci nonostante gli avvertimenti..non capisco,probabilmente la passione e' piu' forte della ragione,quindi non critico oltre baci

  • 10 anni fa

    Sono d'accordo con te e non capisco, come in questo caso, inveire contro montagne e neve.

    Anzi, forse è il genere umano ad uccidere la natura.

    P.S. Quasi quasi tolgo quel "forse"...

  • 10 anni fa

    Non sarebbe il caso di rispettare la morte di persone come noi, e anche il dolore delle loro famiglie, quand'anche questa derivasse dalle loro imprudenze?

    No perchè, non so a voi, ma a me sentir definire "alpinisti cretini" delle persone che ci hanno appena rimesso la vita, mi fa un gran brutto effetto......

    La pietà, se ce l'hai, ce l'hai e basta.

    La pietà non è selettiva.

    Ed a me, la morte di qualcuno, mi sembra una disgrazia molto vera.

    Addendum:

    Tanto perchè si capisca che qui non si parla di esseri incorporei, sappiate che c'è un utente mio amico che conosceva quei due ragazzi di 20 e 17 anni.

    Ha letto questa domanda, ed il suo commento è stato:

    "... non erano cretini, erano ragazzini che hanno fatto nell'ora sbagliata quello che avevano sempre fatto nell'ora giusta."

    Questo è quanto.

    Ribadisco che di fronte alla morte di qualcuno, un po' di rispetto non guasterebbe.

  • 10 anni fa

    concordo...e poi ci vanno di mezzo i soccorritori che perdono la vita per cercare di salvare l'alpinista cretino!!

  • Anonimo
    10 anni fa

    Posso aver rispetto del dolore dei familiari, perchè purtroppo so cosa significa perdere un parente stretto così all'improvviso: il giudizio negativo, però, non può e non deve essere cancellato dalla morte.

    Certe caz.za.te non sono sdoganabili, nemmeno in una cassa da morto.

  • 10 anni fa

    concordo pienamente con te.. saran bravi a sciare, ma sono sempre degli idioti che vogliono fare più di quello che possono.. cretino mi sembra quasi un complimento

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.