? ha chiesto in Arte e culturaArte e cultura - Altro · 1 decennio fa

Ho sentito parlare qualcuno di grès, di cosa si tratta?

10pt al più veloce

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Si tratta di una ceramica a pasta compatta e dura, colorata, non porosa; è il risultato di un impasto di argilla magra, poco refrattaria, cotta al forno (1200-1400 oC) fino a raggiungere uno stato di vetrificazione non porosa e l'impermeabilità. Il grès deriva dalle terrecotte: l'argilla, se di determinati tipi o se corretta con fondenti, quando è cotta ad alte temperature perde la porosità. Questo sviluppo si è verificato sia in Oriente sia in Occidente. Il grès è noto in Europa già nel tardo Medioevo. Nel sec. XVI fu introdotto l'uso di stampi per la foggiatura e, di recente, la colatura. La produzione artistica più antica è cinese e risale al III sec. a.C. Una varietà rosso-bruna prodotta in Cina durante il periodo Ming e diffusa in Europa dai portoghesi con il nome di búcaro fu molto imitata dal sec. XVII in Inghilterra, Olanda e Germania. Si dette il nome di bucchero anche alla ceramica nera, lavorata al tornio e lucidata, tipica della civiltà etrusca. Vedi ceramica. Ciao

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Si tratta di una ceramica a pasta compatta e dura, colorata, non porosa; è il risultato di un impasto di argilla magra, poco refrattaria, cotta al forno (1200-1400 oC) fino a raggiungere uno stato di vetrificazione non porosa e l'impermeabilità. Il grès deriva dalle terrecotte: l'argilla, se di determinati tipi o se corretta con fondenti, quando è cotta ad alte temperature perde la porosità. Questo sviluppo si è verificato sia in Oriente sia in Occidente. Il grès è noto in Europa già nel tardo Medioevo. Nel sec. XVI fu introdotto l'uso di stampi per la foggiatura e, di recente, la colatura. La produzione artistica più antica è cinese e risale al III sec. a.C. Una varietà rosso-bruna prodotta in Cina durante il periodo Ming e diffusa in Europa dai portoghesi con il nome di búcaro fu molto imitata dal sec. XVII in Inghilterra, Olanda e Germania. Si dette il nome di bucchero anche alla ceramica nera, lavorata al tornio e lucidata, tipica della civiltà etrusca. Vedi ceramica. Ciao

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.