Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Perché i riti cattolici sono cosi tetri?

Mi rifaccio a qualcosa che lessi chissá dove...

Ci si inginocchia di fronte ad un antico strumento di tortura.

Si consumano cibi e bevande considerti simbolicamente carne e sangue umano.

Bisogna chiedere perdono, perdono, perdono, perdono...

Parla solo uno, tutti gli altri zitti ad aobbedire.

E poi in generale sono piuttoso cupi e per niente divertenti.

Magari avevano senso nel medioevo, ma adesso? Perché i cattolici non vivono la loro fede attraverso dei riti un pó piú allegri?

Se credessi in dio... mi scieglierei una chiesa stile gospell.

Aggiornamento:

@ Pappo Sileno

Complimenti per la tua risposta cosí inteligente!!!!! Bravo!!!!!!!!

14 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Le ragioni sono molteplici.

    Mi pare che fosse frud che diceva che l'idea che si ha di Dio rispecchia l'idea che si ha della società circostante.

    Il Cristianesimo (dico Cristianesimo e non cattolicesimo) nasce come una dottrina di liberazione: dei poveri, degli afflitti, ma anche degli uomini di buona volontà contro coloro che riducevano la religione a puro ritualismo, magari con finalità politiche (la lotta contro i romani). I questo Geù si rifaceva alla tradizione ebraica dei profeti, che non erano-come si crede ora-uomini che "vedevano il futuro" ma predicatori che si scandalizzavano delle ingiustizie, in primo luogo sociali, e dell'uso della religione per finalità di bottega (famose le invettive contro re David scagliate dal profeta Elia, perchè David voleva costruire un Templio per "imprigionare Dio", mentre il Dio degli ebrei stava per tradizione in una tenda e ne poteva entrare ed uscire quando voleva, poichè era un Dio liberatore che era andato contro il faraone d'Egitto...)

    Per questo, all'inizio, la croce non era il simbolo di un'astratta "redenzione" operata da dio in modo mistico ma il simbolo del fatto che il cristianesimo era la religione degli schiavi e degli oppressi: infatti i cittadini romani non potevano essere crocifissi per quanto grave fosse le loro colpa. Se vuoi un gesto di sfida, come sputare negli occhi ai padroni: come se i nobili durante la rivoluzione francese avessero scelto come simbolo la ghigliottina per mostrare il proprio disprezzo verso chi li decapitava...

    Poi però il Cristianesimo è diventato (con Costantino) Cattolicesimo, una religione di stato (l'Impero Romano, e in seguito gli "stati" medievali), e quindi non è stata più una religione di protesta e librazione ma una religione che serviva a mantenere lo status quo, che poi era ciò a cui aspirava "S." Paolo di Tarso fin dall'inizio. Quindi

    1) la comunione da simbolo di festa (mangiamo e beviamo insieme per riconoscerci parte della stessa comunità: una cena tra amici insomma) diventa, come tu giustamente dici, un cannibalismo rituale il cui significato piacevole si è perso dietro una cortina di misticismo insensato

    2) si è inventata la confessione, che era un potentissimo mezzo per tenere sotto controllo le coscienze

    3) si è inventata una rigidissima morale sessuale, che nel vangelo era completamente assente (ancora una volta, grazie Paolo, che dio ti...perdoni!) perchè controllare la sessualità delle persone significa tenerle per i ... ( o per le ovaie, nel caso di donne)...come dice Orwell, tutti i regimi totalitari sono puritani, perchè quando fai l'amore poi stai bene e non te ne fr.e.g.a più niente di tutte le loro s.t.r.o.n.z.a.t.e., e per di più il sesso costruisce un universo in cui nessun altro che chi ci prende parte può entrare, e questo il potere non lo può sopportare

    4) la messa, da assemblea della comunità è diventata luogo monocratico in cui il prete predica dall'altare (che sta più in alto) e tutti gli altri, che valgono meno di lui e quindi stanno più in basso, devono stare ad ascoltare...

    Non a caso questi sono proprio i punti su cui si sono scagliati i più grossi oppositori del cattolicesimo di stampo liberatore (il primo lutero, prima della sua svolta contro i contadini e a favore dei principi, e gran parte delle sette riformate: NON invece ortodossi ed anglicani che volevano solo avere dei padroni diversi)...e non a caso tu li hai individuati molto bene.

    Ora, esistono realtà cattoliche "di base", composte di fedeli che si oppongono a questo stato di cose. Pur essendo ateo, ne conosco parecchi e trovo che siano persone molto in gamba ma sbagliano perchè non si rendono conto che la chiesa è e resta, finchè ci sarà una distinzione tra preti e laici, tra preti e vescovi, tra vescovi e cardinali e tra cardinali e papa, niente altro che un meccanismo di potere di una cricca in cui ci possono anche essere persone meravigliose e perfino preti meravigliosi e perfino qualche vescovo in gamba (soprattutto in sudamerica...buon vecchio samuel ruiz) ma il grosso del sistema è intrinsecamente sbagliato, essendo stato concepito a fini di potere. Poi che ora tutto quel potere di una volta non ce l'abbiano più è un altro discorso...(ma ne hanno sempre troppo), la struttura è quella e queste sono le motivazioni ai fenomeni che hai elencato...

    Fonte/i: son stato a scuola dai preti, ne avevo un paio in gamba e queste cose me le hanno insegnate loro, due in paticolare...uno è morto, l'altro si è spretato.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    continuano a ripetere

    "siamo tutti peccatori" " non siamo degni di stare alla tua mensa" "maledetto l' uomo che confida nell' altro uomo"

    poi parlano del dio dell' amore......ma se son li a darsi martellate sulle gengive tutti i giorni!!!

  • Mauro
    Lv 5
    1 decennio fa

    Per il semplice motivo che il cattolicesimo è interamente calcolato al fine di farti sentire un essere "sporco" , inetto e inutile e che senza la mediazione della chiesa non potrai accostarti a Dio .

    Per fortuna la Bibbia ci insegna che non è così .

    Ciao

    Mauro

  • 1 decennio fa

    potresti anche organizzare un rave party già che ci sei dai :) facciamo festaaaaaaaaaaa!!!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    è una cosa che non concepisco, la mia ragazza poi è una praticante di 1 categoria, mi chiede sempre di andare a smorzare qualche candela, ma io mi scoccio

  • Anonimo
    1 decennio fa

    per questo mi piacciono di più le religioni pagane,nei loro riti si divertivano parecchio!

  • 1 decennio fa

    XD è vero me lo dico sempre anchio.. quando vedo i film come sister act non so se hai presente penso che sicuramente c'è molta piu gioia se sei credente a credere in quel modo perchè senno a messa le persone ci vanno solo se obbligate!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Poi guarda le facce alle uscite di messa, tu pensi che sia stato celebrato un funerale ma invece era la messa della domenica.

  • 1 decennio fa

    Che male c'è??? Adoro il goth!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Perché Erich Zann é cosí tetro senza andare a messa? Mistero della Fede.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.