Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

Perché, nei dibattiti sul nucleare si parla sempre della pericolosità degli impianti, ma...?

...mai della scarsezza di uranio?

In dieci anni, le scorte di uranio si esauriranno definitivamente, allora la domanda che sorge spontanea è: "a quale scopo si costruiscono le centrali nucleari, senza la materia indispensabile, l'uranio?"

Non è che qui c'è sempre il marcio degli appalti che sta venendo a galla in questo periodo? Non è che gli amichetti di qualcuno, vogliano far costruire impianti inutili, per poi intascarsi i soldini degli appalti, magari affidati alla ditta dell'amico?

7 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Beh, in effetti di solito le persone sono più sensibili ai temi a breve termine che a quelli a lungo termine.

    La prospettiva che mi nasca un bambino con due teste l'anno prossimo ha più presa che un ragionamento di economicità a lungo termine.

    Anche perchè ci sono due cose da dire:

    -L'uranio che si esaurirà entro dieci anni sarà quello economicamente sfruttabile con le tecnologie estrattive attuali. Potrebbe essere che si sviluppino modi per estrarre in maniera conveniente dell'altro uranio

    -E' possibile usare l'uranio e il plutonio delle testate nucleari, se gli stati che le posseggono sono d'accordo nello smantellare il loro arsenale (la russia sta già vendendo le sue testate alla Francia per uso civile).

    -Una volta che si saranno sviluppati i FBR (ovvero il famoso nucleare di IV generazione, cosa che comunque non avverrà prima di 10/20 anni) il problema sarà largamente ridimensionato.

    Personalmente, sarei dell'opinione di investire in diversificazione delle fonti con largo uso dell'energie alternative e nel frattempo concentrare gli sforzi sulla concretizzazione della IV gen e della fusione, piuttosto che sprecare combustibile nucleare in processi relativamente inefficenti.

    @Il castigatore: in umbria ci sono giacimenti sufficienti per l'italia e per mezza europa? Presto! Corri a dirlo alle autorità, perchè non lo sa nessuno!

    Pensa, quei poveri pirla non se ne sono mai accorti.

    I geologi italiani sono ancora convinti che gli unici giacimenti degni di nota siano in Piemonte e in val Brembana e comunque siano assolutamente irrisori.

    La tua è una scoperta eccezionale!

    già che ci sono ti faccio notare un altro paio di cazzàte che hai detto: un grammo di uranio non equivale a 3000 tep. è una tonnellata di uranio che equivale a tale misura. C'è una bella differenza.

    Poi non si ricava uranio dal torio. Hai linkato una pagina, ma ti sei scordato di leggerla. Il torio potrà - teoricamente - essere usato come combustibile in un eventuale reattore di IV generazione detto "rubbiatron", ma stiamo parlando di cose molto in là da venire, ancora.

    @Giustiziere: estrarre uranio dall'acqua di mare, al livello tecnologico attuale, comporta un consumo energetico di vari ordini di grandezza superiore alla resa energetica che potrai avere dall'uranio estratto.

    Le fonti rinnovabili anno costi/kw che stanno calando rapidamente. Alcune (idroelettrico, geotermico) sono già convenienti da tempo senza alcun tipo di incentivo. Altre (solare termico, eolico, biomasse) lo stanno per diventare. Per altre (solare fotovoltaico, altre forme diverse) ci vorrà ancora qualche tempo, ma non c'è dubbio che lo diventeranno a breve.

    In ogni caso, non è un problema, perchè proprio NON C'E' abbastanza combustibile nucleare fissile per far funzionare il mondo col nucleare di terza generazione. E' inutile che vi illudiate. La percentuale di energia elettrica prodotta da nucleare è ridicola, persino in Francia che è il paese che più sfrutta questa energia. Il futuro passa necessariamente dalle alternative, finchè non saremo in grado di controllare la fusione e/o i FBR .

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    perchè la scarsezza dell' uranio è stata piu volte contesta, non è vero che stà finendo, di uranio ce n'è molto anche nell' acqua di mare, se mai il problema è il costo di estrazione, certo che questo vale anche per il pertrolio anche questo si destinato ad esaurirsi nei prossimi 30-50 anni.

    invece non si parla mai del costo delle cosiddette energie rinnovabili, solare fotovoltaico ed eolico, queste si assai costose e poco efficenti, prova a fare un inpianto fotovoltaico senza incentivi del governo...

    senza contare le limitazioni di tempo per il fotovoltaico,(ore centrali della giornata) e di luogo (per l'eolico ci vuole vento costante)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    La mania delle grandi opere di berlusconi è collegata al mondo delle lobby del cemento che sono i suoi più grandi sostenitori, in primis Impregilo dei benton, gavio e ligresti (anche questa inchiesta ha origine su fatti che vedono la presenza di Ligresti). Questo succede perché concentrare gli interventi in poche opere, ma con grandi investimenti, si ha una maggiore possibilità di mettere in pratica la corruzione. Le centrali nucleari sono il massimo per ottenere questo risultato, oltretutto saranno sottoposte al segreto di stato in modo che neppure la conte dei Conti potrà ficcarci il naso.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Naturalmente quello che descrivi te è solo una delle parti negative legate al ritorno al nucleare ovvero che il fatto che l'uranio finirà prima o poi.

    berlusconi e anche udc annunciano che non possiamo essere dipendenti dagli altri paesi riguardo l'energia.e questo è giusto,poi è anche vero che noi essendo un paese che non possiede giacimenti (come la russia con il gas o il petrolio ecc.)dobbiamo per forsa importare l'energia o comprarla altrove e portarla in italia per lavorarla dato che non possiamo estrarla nel nostro territorio e sfruttarla sul posto.

    ma ci sono enormi lati negativi riguardo la faccenda.i francesi che hanno le centrali pagano molto l'energia nucleare nella loro bolletta energetica e nella cartella delle tasse.

    -uranio finirà prima o poi

    -per costruire una centrale ci vogliono minimo 15 anni

    -l'uranio così come estratto da una miniera non puoi prenderlo e buttarlo in un forno ma devi arricchirlo e da moltissimi chili di uranio preso da terra puoi ricavare solo una piccolissima percentuale di uranio arricchito

    _estrarre uranio crea un grande danno ambientale come estrarre oro

    -le centrali nucleari non sarammo mai sicure ci sarà sempre una percentuale di rischio

    -se propio sono sicurissime allora perchè un assicurazione non si prende in gestione una centrale nucleare?dato che sono sicurissime come il governo afferma non ci saranno mai perdite per le assicurazioni

    -il problema delle scorie è altissimo non si ha ancora oggi un luogo sicuro nel quale smaltirle

    -l'italia ha detto no al nucleare tramite referendum

    _poi ci sono i grandi interessi che girano intorno al nucleare purtroppo.

    -anche se ci costruissimo una centrale nucleare a casa nostra essa contribuirebbe con pochissima percentuale al fabbisogno energetico del paese

    l'unico sistema di avere energia oggi è guardare al futuro e usare un energia a lunga durata ottenendola da fonti rinnovabili come l'eolico e il solare di cui l'italia è ricca

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    La mania delle grandi opere di berlusconi è collegata al mondo delle lobby del cemento che sono i suoi più grandi sostenitori, in primis Impregilo dei benton, gavio e ligresti (anche questa inchiesta ha origine su fatti che vedono la presenza di Ligresti). Questo succede perché concentrare gli interventi in poche opere, ma con grandi investimenti, si ha una maggiore possibilità di mettere in pratica la corruzione. Le centrali nucleari sono il massimo per ottenere questo risultato, oltretutto saranno sottoposte al segreto di stato in modo che neppure la conte dei Conti potrà ficcarci il naso.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    non vorrei sbagliare ma l'Uranio e' da sempre venduto dal Iran,e' il maggior giacimento che sia esistito e'c'e' ne molto.comunque si trova anche su dei pianeti se sulla nostra terra finisce.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Quello che dici è FALSO!

    Primo: le scorie non rappresentano un problema.

    Le centrali di III generazione producono scorie radioattive che possono servire da combustibile nucleare per quelle di IV!

    Secondo: in Umbria ci sono giacimenti molto ricchi di Uranio che possono servire per l'Italia e mezza Europa.

    Terzo, per la fissione di ogni chilogrammo di Uranio fissile (isotopo 235) si produce energia pari a 3000 tonnellate di carbon fossile.

    Per l'industria meccanica, chimica e siderurgica, dove occorrono centinaia di megavatt di corrente, il nucleare è l'unica soluzione!

    Per le città piccole e per i paesi e quindi per le utenze domestiche, è meglio il fotovoltaico e l'eolico.

    Quindi tutto va valutato a seconda dei casi REALI (e non sulla base di utopie!).

    Comunque, se ci fosse un referendum, il popolo sarebbe favorevole sia al nucleare che al rinnovabile.

    L'uranio NON è in esaurimento!

    Inoltre la prima centrale in Italia di terza generazione sarà pronta entro il 2020 e non entro il 2025!

    Inoltre l'uranio per far funzionare le centrali atomiche, si può produrre dal Torio, un elemento chimico 4 volte più diffuso dell'uranio nella crosta terrestre. Per informazioni sul Torio:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Torio

    @all'utente pulci e libertà.

    Informati meglio, le dici tu le stupidaggini!

    1 chilogrammo di uranio fissile produce energia come 3000 tonnellate di carbone fossile!

    Studia la fisica invece che leggere quotidiani di sinistra!

    Io ho un bel libro di minerali e rocce che dice PALESEMENTE che in Umbra ci sono miniere di rocce contenente uranite.

    Non è detto che siano facilmente sfruttabili, ma in Umbria di Uranite ce ne è a tonnellete!

    Dato che tu IGNORI LE SCIENZE CONOSCIUTE, l'Uranite è il Biossido di Uranio (UO2), che si comporta come un metallo, infatti per estrarre l'uranio dall'uranite, bisogna trasformarlo in tetrafluoruro di uranio (UF4).

    Quindi vai a studiare invece che militare a sinistra!

    Leggiti bene wikipedia e prova a leggerti qualcosa di Impianti Nucleari prima di fare brutte figure su Answers!

    Per l'energia equivalente prodotta dall'Uranio, guarda questo link:

    http://www.museoenergia.it/museo.php?stanza=3&ppos...

    Ah, dimenticavo, il referimento all'articolo pubblicato dal Resto del Carlino a cui fa riferimento l'utente Pulci e libertà:

    1) Non è firmato;

    2) Da come è stato scritto, si vede chiaramente che l'autore è un giornalista che non capisce niente di scienza e che riporta notizie sulla base di un "discorso preconfezionato".

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.