ragazzi 10 punti alla risposta piu veloce ed esaudiente !!!?

xfavore aiutatemi domani ho compito di arte e nn so nnt sui templi che vi sn ada agrigento e siracusa....la prof vuole sapere sopratutto la struttura fisica...sn in crisiii.... AIUTATEMIIIIIIIII!!!!! GRAZIEE!!

Aggiornamento:

si lo so grz x la velocità ma mi servono quelli a siracusa ed a Agrigento ..T.T...ke nn sia trp lunga xk la devo leggere e studiare tt gg!!

3 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Migliore risposta

    ciao! allora

    i templi che si trovano alla valle dei templi di agrigento sono tutti di stile dorico!

    http://lh6.ggpht.com/_cF3jRislStE/SXonuYte3eI/AAAA...

    è l'ordine più antico che oltre a diffondersi nell entroterra greco, si diffuse anche nelle colonie greche d,occidente, ovvero italia meridionale e sicilia!

    L'ultimo gradino è detto stilobate, in quanto vi poggia direttamente la colonna, priva di base, che in greco è detta Stilo

    Il capitello dorico era formato dall'echino, una specie di "cuscinetto rigonfio" a forma di guscio di riccio di mare, su cui poggiava l'abaco, che ha la forma di un parallelepipedo a base quadrata.

    Sopra il capitello si trova la trabeazione. Dal basso verso l'alto, in questo ordine essa è composta da un'architrave liscio formato da blocchi che si congiungono al centro della colonna per una maggiore stabilità, sopra poggia il fregio, suddiviso alternativamente in metope (b), spazi rettangolari che potevano essere lisci, scolpiti o dipinti, e triglifi (a), rettangoli solcati verticalmente

    Al di sopra della trabeazione è presente la cornice che racchiude il timpano, uno spazio triangolare che andrà ad accogliere le decorazioni frontonali

    La copertura dell'edificio era solitamente in tegole chiuse, talvolta in marmo. Il tetto era fornito di grondaia decorata sui lati lunghi con antefisse che avevano il doppio compito di scarico delle acque piovane e di evitare che l'acqua filtrasse sotto il tetto. Le estremità del tetto e la sommità dove iniziavano i due spioventi, erano decorati con imponenti acroteri.

    STRUTTURA INTERNA

    La peristàsi è un porticato colonnato, la maggior parte delle volte quadrangolare (ad eccezione del tempio a tholos e di quello monòptero, nei quali è circolare), che circonda, particolarmente nei templi greci, ma anche in quelli romani, il naos. Le file e il numero delle colonne che lo compongono differenziano i vari tipi di templi greci, come riassume lo schema seguente:

    Nome del tempio Numero di file di colonne

    Perìptero 1 (quadrangolare)

    Dìptero 2 (quadrangolare)

    Monòptero 1 (circolare)

    Tholos 1 (circolare)

    Il tempio pseudoperìptero ("pseudès" significa falso, quindi "falso-periptero") sembra che sia circondato da una peristàsi, ma in realtà le colonne sono solo metà, in quanto addossate alle pareti.

    Il tempio pseudodìptero, con lo stesso significato del precedente, è un tempio circondato da una sola fila di colonne, ma lo spazio tra la peristàsi e la cella potrebbe ospitare una seconda fila di colonne, come il tempio dìptero.

    Invece il numero delle colonne presente sul fronte definisce altri templi:

    Nome del tempio Numero di colonne sul fronte

    tetràstilo 4

    esàstilo 6

    eptàstilo 7

    octàstilo 8

    ennàstilo 9

    decàstilo 10

    dodecàstilo 12

    http://it.wikipedia.org/wiki/File:Peripteros.svg

    poi vi è la cella che può essere preseduta dal pronao( pro=prima naos=cella) e seguita dall opistodomo!!

    http://digilander.libero.it/F.I.S.A/fisanew/dizion...

    http://www.sicilyportal.com/sp/images/cultura3_big...

    http://www.sbngs.it/upload/contrib/c426801206b2145...

    http://www.altramusa.com/foto/sites/altramusa.com....

    ti ho messo alcune immagini per renderti chiara l'idea!

    io studio ad agrigento archeologia, ti ho fatto una spiegazione semplice e chiara così facile da memorizzare!

    spero di avere 10 punti! buono studio!

  • Tak
    Lv 4
    10 anni fa

    ci sono più templi...

    SIRACUSA:

    TEMPIO DI APOLLO (570-560) dorico, esempio di ingegno e limiti degli architetti greci occidentali. le proporzioni della pianta del tempio, esastilo, con 17 colonne sul fianco, sono allungate.sono presenti interessanti innovazioni: una doppia fila di colonne sul lato frontale e una scalinata secondaria. Sul lato posteriore era presente un vano chiuso , un adyton,

    AGRIGENTO:

    TEMPIO DI ZEUS OLIMPO (480-406) edificato per emulare gli enormi templi ionici dell'Asia Minore. L'ordine è dorico ma le colonne hanno basi ioniche

    potrei continuare all'infinito...ti lascio qualche link

    per gli ordini: http://ospitiweb.indire.it/~caps0001/Orru/008-ARTE...

    per i templi: AGRIGENTO http://it.wikipedia.org/wiki/Valle_dei_Templi

    SIRACUSA http://it.wikipedia.org/wiki/Tempio_di_Apollo_(Sir...

    http://www.casaoggi.it/eh/eh183.php

  • 10 anni fa

    se sono templi dorici questo potrà esserti d'aiuto.

    L’ordine architettonico rappresenta la più grande fra le novità che i Greci introducono nell’arte di costruire. Esso consiste in una serie di regole geometriche e matematiche mediante le quali le dimensioni di ogni elemento di un edificio sono costantemente messe in rapporto fra loro e con le dimensioni dell’edificio nel suo insieme.

    Tre sono gli ordini architettonici impiegati dai Greci:

    - Dorico

    - Ionico

    - Corinzio

    ORDINE DORICO

    L’ordine dorico è il più antico e il più maestoso dei tre.

    Viene impiegato esclusivamente per la costruzione dei templi.

    Il tempio dorico non poggia direttamente sul terreno ma su un basamento di pietra,il crepidòma o crepìdine.

    La parte superiore del crepidòma prende il nome di stilòbate e costituisce il piano orizzontale su cui poggiano tutte le colonne del tempio.

    La colonna del tempio dorico di compone di due elementi distinti, uno verticale chiamato fusto e uno di coronamento detto capitello. Fusto e capitello sono uniti fra loro tramite un collarino.

    Inizialmente le colonne dei templi dorici sono lignee e i fusti vengono dai un tronco unico,ma nel VI secolo il legno viene sostituito con la pietra o con il marmo.

    A questo punto il fusto cessa di essere monolitico ma è composto di più pezzi chiamati rocchi.

    Il fusto della colonna è rastremato verso l’alto, cioè il diametro alla base è maggiore di quello al collarino. Questa rastremazione non è uniforme perché a circa 1/3 della sua altezza la colonna presenta un leggero rigonfiamento,l’èntasi.

    La funzione dell’èntasi è principalmente quella di correggere la percezione ottica della colonna che altrimenti sembrerebbe innaturalmente sottile.

    Inoltre il fusto non è liscio,ma scanalato in quanto è percorso da delle scanalature (in genere 20)che accostate l’una di fianco all’altra creano degli spigoli vivi.

    Il capitello costituisce il vero e proprio coronamento della colonna.

    È formato da due elementi sovrapposti: l’abaco e l’echino.

    L’echino ha la forma di un catino circolare mentre l’abaco è un parallelepipedo molto basso.

    Sui capitelli si appoggiano un insieme di elementi strutturali e decorativi che prende il nome di trabeazione.

    Essa è formata da tre elementi.

    1. L’architrave che collega orizzontalmente fra loro le varie colonne del tempio e serve Da appoggio per le travi del tetto.

    2. Il fregio, separato tramite la tenia dall’architrave, che si sviluppa lungo l’intero perimetro del tempio con un ordinato alternarsi di metope (= lastre dipinte o decorate a bassorilievo) e di triglifi (= motivo decorativo costituito da 4 profonde scanalature.

    3. La cornice che protegge i bassorilievi dalla pioggia.

    Infine il manto di copertura del tetto è realizzato in tegole di terracotta piane o curve, fermate con delle antefisse.

    L’ultimo elemento del tempio è il frontone costituito dal timpano e dalla gronda.

    Alla sommità del frontone e ai suoi due vertici laterali sono avvolte collocati dele statue in terracotta aventi funzione decorativa,gli acrotèri.

    In origine tutti gli elementi architettonici del tempio in origine erano vivacemente colorati. ^_^

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.