promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

ma i mulini a vento e i pannolini solari ci renderanno indipendenti sul fronte energetico?

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Pannelli solari, si dice pannelli.

    No, purtroppo l'eolico e il solare possono bastare solo per una frazione del fabbisogno (10% circa ma senza strabilità e continuità) e con costi, purtroppo, di quasi 10 volte rispetto al nucleare.

    In un'ottica di 25 anni di durata di un impianto (eolico, solare o nucleare), ogni singolo kwh costa 4 centesimi con il nucleare e circa 35 con il solare.

    E questi sono dati scientifici. Il resto è polemica.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    In Danimarca il 20% dell'energia prodotta è energia rinnovabile.

    Non è un'utopia

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Insieme ad altre fonti intelligenti (tra cui non c'è il nucleare) si.Hanno quasi finito di inventare una vernice solare che aumenterà incredibilmente la resa energetica,e potrà essere spruzzata su tutte le superfici,anche sul tuo fondoschiena che immagino avrà bisogno di una discreta energia per assolvere le sue funzioni.Con gli investimenti giusti si risolve tutto.E finalmente i liberist-nuclearisti smetteranno di parassitare guadagno dall'energia e andranno a parassitare altrove.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Beh, nonostante il loro potenziale rispetto all'area occupata sia estremamente minore rispetto a quello del nucleare, se si tratta di percentuali non esagerate, un buon grado di indipendenza effettiva possono garantirlo. Attualmente l'Italia sta migliorando molto grazie all'iniziativa privata, ma con impegno da parte dello stato, sono convinto che il rinnovabile possa tranquillamente arrivare a coprire il 30% del fabbisogno, in un paese come il nostro che ha un enorme potenziale, come la Spagna, dove l'eolico sa garantire oltre il 40% del fabbisogno, da solo. E' vero, noi non abbiamo i venti atlantici, ma con una buona integrazione di eolico, fotovoltaico, biomasse, solare termodinamico e anche geotermico...faremmo moltissimo.

    http://www.elpais.com/articulo/sociedad/eolica/bat...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • La Beghelli sa il fatto suo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Geotermico, energia eolica, solare (termico,fotovoltaico,termodinamico), casa passiva, risparmio energetico, kitegen e l'energia elettrica la potremmo vendere alla francia che si ritrova un parco nucleare in parte vecchio e obsoleto ( e infatti punta, incredibile, a raggiungere il 23% del fabbisogno con le rinnovabili).

    La Danimarca punta al 50% del fabbisogno con l'eolico.

    E' stato calcolato che se solo il 20% delle lampadine in Italia fossero a risparmio energetico si avrebbe una centrale nucleare virtuale di 1500MW.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    beh si dovrebbe cercare di cambiare mentalita' capitalista,......bisogna vivere con meno sprechi(cosa impossibile in italia)...allora l'energia solare e i mulini a vento ci potrebbero aiutare.........ma se partiamo col nucleare,perche' dobbiamo consumare sempre al massimo...faremo una brutta fine,........

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Si e no xke no coprono tutto il far bisogno nazionale.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.