Gay vs Omosessuale: c'è tanta differenza?

Gli americani sostengono la presenza di omosessuali nell'arma?

Ciò dipende dal modo con vui viene posta la domanda.... o più precisamente dal termine che si utilizza per indicare le persone LGBT.

In effetti, nell'attuale contesto di tentare di abrogare la legge militare statunitense Don't ask, Don't tell (Non chiedere, non dire), che vieta dal 1993 a tutti i militari americani di parlare della propria omosessualità, la CBS News e il New York Times hanno congiuntamente realizzato un sondaggio per conoscere l'opinione degli Americani.

Il modo di porre la domanda influenza la risposta. Ciò che è più sorprendente di questa inchiesta è la presenza di una parola, una sola, "omosessuale", che riesce addirittura a modificare i risultati di un sondaggio.

In questo sondaggio il 59% delle persone interrogate dicono di sostenere la presenza di "omosessuali" nell'arma degli Stati Uniti, il 34% delle persone sono fortemente favorevoli, 10% si oppongono, il 19% sono fortemente contrari.

Ma questi risultati cambiano drasticamente se al posto di impiegare la parola "omosessuale", si utilizza il termine "gay men and lesbians", ovvero gay e lesbiche.. Le persone interrogate sono improvissamente favorevoli per il 70% a sostenere la loro presenza nell'arma, 51% sono fortemente favorevoli, solo il 7% contrari eil 12% si oppongono fortemente.

http://www.yagg.com/wp-content/blogs.dir/1/files//...

Si domanda in seguito agli stessi se i militari possono parlare apertamente della loro omosessualità. Cbs news e New York Times utilizzano di nuovo le due parole. Quando nella domanda è presente la parola "omosessuale", il 44% è favorevole, e quando si usa l'espressione "gay e lesbiche" la percentuale sale al 58%.

http://www.yagg.com/wp-content/blogs.dir/1/files//...

Questa domanda prende spunto da un articolo francese nel quale viene in seguito spiegato che la parola "omosessuale" rinvia a una percezione negativa e dell'atto sessuale, a differenza delle parole gay e lesbica che fanno pensare alle persone tali come le conosciamo.

Non a caso le associazioni anti-gay americane usano sempre la parola "omosessuale" (a parte quando usano gli insulti) per indicare le persone LGBT.

Domande:

1) Siete sorpresi da questa oggettiva differenza di approccio delle persone intervistate?

2) Secondo voi la parola "omosessuale" ha davvero un senso peggiorativo per indicare le persone LGBT rispetto alle parole "gay e lesbica"?

Ringrazio in anticipo per le eventuali risposte.

20 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Migliore risposta

    Devi calcolare secondo me che questo è uno studio americano quindi ha poco senso porsi la domanda in italiano. Le associazioni emotive che abbiamo in relazione a determinati vocaboli non si traducono facilmente. Specialmente, secondo me, in questo caso per una serie di fattori.

    (1) Innanzitutto come "semibilingue" italiano/inglese ti posso garantire che in inglese c'è più diffidenza dei termini complessi, composti e di origine latina/greca. In inglese si ama ricorrere al termine anglosassone se possibile o usare sigle proprio perché i termini complessi provocano una certo malessere. In italiano parliamo di elettrocardiogramma che inglesi e americani chiamano ECG, l'ortopanoramica diventa OPG, e così via, quindi il termine "homosexual" già risente di questo effetto. L'AIDS lo chiamiamo così secondo me solamente perché i primi studi si sono diffusi nel campo scientifico americano altrimenti noi saremmo felicissimi di chiamarla la sindrome da immunodeficienza acquisita - una formula capace di traumatizzare un qualsiasi anglofono. E LGBT? Chi pensi abbia tirato fuori questa dicitura?

    (2) L'uso della componente "-sexual" già predispone male molti conservatori e puritani che ritengono che la sessualità non dovrebbe essere qualcosa da discutere in pubblico, o comunque da spiattellare ai quattro venti. Lo stesso problema non sussiste con gli altri termini.

    (3) Il termine gay ha inglese originariamente un'accezione più positiva è meno minaccioso che "homosexual" e questo non puoi paragonarlo con il termine "gay" in italiano che è un termine d'importazione e usato solo e unicamente per parlare di omosessuali. Anche se oggi giorno i giovani negli Stati Uniti usano il termine gay in senso negativo (e senza nessuna connessione all'omosessualità per dire che una cosa è stupida) è un uso che non si è diffuso alle fasce di età più alte.

    (4) Con "lesbian" è ancora più marcata questa differenza. In inglese "lesbian" è un termine completamente innocuo mentre in italiano "lesbica" è stato utilizzato per talmente tanti anni con un'accezione negativa (un po' come fròcio) che per quanto sia rivendicato attualmente dalla comunità omosessuale, per quel che riguarda persone di tutte le età, ha ancora un'accezione secondo me più negativizzata in italiano di quanto non abbia in inglese. Così come queer ha all'origine un'accezione negativa in inglese ma è stato ripreso dalla comunità LGBT tuttavia mantenendo per il resto della popolazione un'accezione negativa.

    Tutto questo per dirti che capisco benissimo la differenza di risultati negli Stati Uniti, ma non credo sia possibile porre la domanda in italiano ed ottenere una medesima percezione di queste differenze.

  • Anonimo
    10 anni fa

    Sono semplicemente più propensa ad utilizzare la parola omosessuale, piuttosto che gay. La nostra vasta lingua ci ha fornito questo termine, perchè adottare tutti questi prestiti quando in realtà le parole ce le abbiamo benissimo?

    Non prendetemi per una sorta di Mussolini, ma sono più propensa ad utilizzare la parola omosessuale. Trovo assurdo che ci sia questo diverso "rimandare" mentale per due parole che vogliono dire la stessa cosa. Sarà, ma a me la parola omosessuale m'ha sempre dato quel che di scientifico, oggettivo e meno dispregiativo. Il contrario del sondaggio dunque.

  • Shaina
    Lv 6
    10 anni fa

    Personalmente non ci trovo molta differenza, ma chiaro che la cosa mi sorprenda un po'.

    Anche perchè siamo abituati a sentire termini come "gay e lesbica" spesso come parole "offensive" e scoprire che per molte persone invece è "omosessuale" la parola che fa più "paura" mi stranisce un po'...

  • 10 anni fa

    son d'accordo con la mia shaina, credo che la parola "omosessuale" sia molto più elegante e sobria rispetto a "gay/lesbica" che cmq non sono offese ma magari sono più del gergo comune..

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • gay suena sexy :) me gusta

  • Anonimo
    10 anni fa

    è lo stesso, preferisco dire gay...non mi piace dire omosessuale

  • Anonimo
    10 anni fa

    Mmm... decisamente interessante...

    1) Sì, sono assolutamente sorpreso perché i due termini non indicano significati diversi.

    2) Una possibile spiegazione di questo fatto potrebbe essere che il termine "omosessuale" è più antico rispetto agli altri termini, è quello utilizzato anche in tempi in cui l'omosessualità era universalmente demonizzata, proibita per legge, duramente repressa, etc.

    I termini "gay" e "lesbica", invece, si sono formati e diffusi nel lessico comune a partire dalla liberazione sessuale degli anni 1968-9, quindi sono stati recepiti dal parlante in un clima culturale almeno in linea di massima mutato e spostato decisamente verso una considerazione più positiva dell'omosessualità.

    Non so, altre spiegazioni non mi vengono in mente...

    Ganimedes

  • 10 anni fa

    Omosessuale rispecchia tutte le persone della categoria, credo sia più appropriato, ma non capisco come possa essere "meno rassicurante" di gay e lesbiche!

  • Non me ne intendo molto di cultura americana, ma per quanto ho visto il sesso è ancora un tabù, o perlomeno qualcosa di cui non si parla o che viene tirato fuori per fare scandalo, per denigrare, per rovinare qualcuno. Il termine omosessuale quindi, proprio perchè richiama il sesso (anche se non è così ma il nostro cervello fa spesso associazioni strane di cui nemmeno ci accorgiamo), stimola un tipo di risposta e una sorta di ritrosia. Se (come dici tu) si usano termini che in prima istanza richiamano a delle persone automaticamente ci si sente meno vincolati dal dare un parere positivo...

    Ripeto, penso che siano processi mentali automatici di cui non ci si rende nemmeno conto...

    Però a livello di semantica/reazioni mentali, trovo questa indagine molto interessante!

  • Anonimo
    10 anni fa

    in teoria e la stessa cosa.. solo so che gay e la sigla di good as you ossia buono come te.. e forse e piu corretto dire omosessuale

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.