Quali sono le opere principali, le tematiche affrontate da Iginio Ugo Tarchetti?

che cosa è stato pubblicato da un punto di vista della critica nei riguardi delle sue opere?

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Iginio Ugo Tarchetti (San Salvatore Monferrato, 29 giugno 1839 – Milano, 25 marzo 1869) è stato uno scrittore italiano. Occasionalmente fu anche poeta e giornalista: collaborò con le testate "Rivista minima", "Il Giornale per tutti", "La Settimana Illustrata", "Il gazzettino Rosa", "Il Pungolo", e tentò di lanciare senza successo un periodico proprio, il "Piccolo giornale"[1].

    Tarchetti fu uno dei più importanti esponenti della Scapigliatura milanese. Anticonformista e tendente alla malinconia e alle fantasie macabre, ha lasciato diverse opere tra romanzi, racconti e poesie. Si tratta in certi casi di opere di critica sociale, spesso supportanti tesi antimilitariste, altre volte di racconti che presentano un certo gusto per il macabro, l’abnorme e il patologico, frutto in particolare della lettura delle opere di Poe e Hoffmann. Il suo capolavoro è però il romanzo Fosca, pubblicato postumo e terminato dall’amico Salvatore Farina.

    ROMANZI,RACCONTI,POESIE

    Paolina. Misteri del coperto dei Figini, romanzo di critica sociale pubblicato in "Rivista minima" dal 30-11-1865 al 31-1-1866, Milano 1867

    Drammi di vita militare (1866), poi pubblicato con il titolo di Una nobile follia, romanzo antimilitarista pubblicato in "Il sole" dal 12-11-1866 al 27-3-1867, Milano 1869

    Storia di una gamba (1869), racconto lungo sul tema della morte

    Amore nell’arte (1869), tre racconti dedicati ai temi dell'arte, della musica e dell'amore

    L’innamorato della montagna. Impressioni di un viaggio, Milano 1869

    Fosca pubblicato in "Il pungolo" dal 21-2-1869 al 6-4.1869, poi in volume, Milano 1869 (romanzo incompiuto portato a termine da Salvatore Farina)

    Amore sull'arte, Milano 1869

    Racconti fantastici, Milano 1869

    Racconti umoristici, Milano 1869

    Disjecta, Bologna 1879 (postuma), raccolta di poesie.

    POESIA E MUSICA

    L'amor sen va - L'amor sen viene, versi di Iginio U. Tarchetti[6], musica di Francesco Paolo Frontini, A. Tedeschi musica e testo;

    Non me lo dir, versi di Iginio U. Tarchetti, musica di Francesco Paolo Frontini, Lucca, 1878.

    nei suoi scritti d'impegno sociale (Paolina, 1866; Una nobile follia, 1867) non riuscì a staccarsi da certo sentimentalismo, abbastanza usuale nella letteratura italiana dell'epoca. Più matura e convincente risulta invece la trattazione del tema della morte, ossessionante in Storia di una gamba (1867), nella raccolta di racconti Amore nell'arte (1869), nel romanzo Fosca, completato da S. Farina ed uscito postumo nel '69, così come nella raccolta di poesie Disjecta, anch'essa uscita postuma nel '79.

    MENTRE A QUESTO LINK TROVI LE CRITICHE ALLE SUE OPERE http://www.officinae.net/eclettica/?module=display...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.