Arwelyn ha chiesto in Matematica e scienzeAgricoltura · 1 decennio fa

Agricoltura integrata - biologica:?

Che differenza c'è fra agricoltura integrata e biologica?

Mi potreste dare una definizione delle due?

Grazie!

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    definizioni sintetiche? agricoltura integrata: agricoltra che utilizza TUTTI gli strumenti tecnici esistenti, ma perseguendo il minor impatto ambientale e la migliore qualità dei prodotti, ricorre prioritariamente ai metodi di coltivazione e alle tecnologie di ridotto impatto ambientale (es: usa i fitofarmaci di sintesi solo se la lotta biologica è impossibile o eccessivamente onerosa.). E' importante notare che MEDIAMENTE i prodotti dell'agricoltura integrata sono migliori dal punto di vista qualitativo rispetto a quelli di una agricoltura industriale NON attenta all'ambiente.

    l'agricoltura biologica ha un obiettivo più ambizioso, ovvero eliminare totalmente determinate categorie di fitofarmaci (sono in pratica permessi solo quelli di origine biologica o vecchie formulazioni di basso impatto ambientale (sali di rame, zolfo...) ) ed eliminazione anche dei concimi di sintesi.naturalmente ha un maggior costo.

  • Angie
    Lv 6
    1 decennio fa

    -lotta INTEGRATA: è quella che viene seguita maggiormente ed è presente nella grende maggioranza dei protocolli d'intesa. questa lotta mette insieme molti fattori: la difesa della coltura con i prodotti fitosanitari quando si presentano danni, la prevenzione del formarsi di popolazioni dannose con lavorazioni agronomiche e utilizzo di prodotti di profilassi, difesa delle colture e degli insetti utili presenti in essa, preservazione della biodiversità del campo per favorire lo sviluppo di condizioni di autodifesa, utilizzo di colture resistenti a determinate malattie e insetti, lavorazioni del terreno per renderlo più "accogliente" per le colture (che risultano essere più resistenti), potature verdi per ridurre la superficie teoricamente colpibile dei patogeni, potatura secca per rendere la pianta in primavera nelle condizioni ideali per essere forte, fornire concimi possibilmente animali i quali apportano maggiori quantità di sostanza organica, integrare con i concimi chimici dopo apposita analisi del terreno, irrigare solo quando la pianta necessita di liquidi, effettuare pacciamature per proteggere il terreno e la sua fauna microbiologica, utilizzare (ove possibile) prodotti a basso impatto ambientale e che danno i minori residui sul prodotto finale, possibilità di utilizzo di prodotti fitosanitari quando le infezioni o le infestazioni sono considerevoli.

    -lotta BIOLOGICA: è uguale alla integrata solo che non vengono mai utilizzati prodotti fitosanitari (ad eccezione di quelli indicati sul protocollo d'intesa)

    Fonte/i: perito agrario
  • 1 decennio fa

    La lotta biologica è una tecnica che sfrutta i rapporti di antagonismo fra gli organismi viventi per contenere le popolazioni di quelli dannosi.Pensare che la lotta biologica possa risolvere, da sola, il problema della difesa fitosanitaria in modo definitivo è un approccio sbagliato.La lotta biologica non è in grado di controllare efficacemente qualsiasi organismo dannoso.Ad esempio, negli ambienti mediterranei la Ceratitis capitata ha un elevato potere riproduttivo che non si riesce assolutamente a controllare con i suoi nemici naturali pur essendo questi presenti negli agrosistemi.La lotta biologica non garantisce il mantenimento delle infestazioni sotto la soglia economica di danno.La lotta biologica ha efficacia solo se attuata in un ambito regionale o, almeno, comprensoriale, mentre ha un'efficacia pressoché nulla in un ambito aziendale(cioè se sei sl tu ad attuare lotta biologica e il tuo vicino attua la lotta chimica i tuoi prodotti verrebbero contaminati e quindi nn sarebbero più biologici).

    La lotta integrata invece è una pratica di difesa delle colture che prevede una drastica riduzione dell'uso di fitofarmaci. Detta integrata xkè include tt i metodi di lotta cm quella agronomica,chimica,fisica ecc..tra i vari accorgimenti ci sono :l'uso di fitofarmaci poco o per niente tossici per l'uomo e per gli insetti utili(cm le api),l’uso di varietà colturali maggiormente resistenti,la lotta agli insetti dannosi tramite la confusione sessuale (uso di diffusori di ferormoni).

    Il suo obiettivo è quello di mantenere l'organismo dannoso entro una soglia limite oltre al quale l'organismo stesso crea danno economico (non vuole arrivare all'eradicazione, ma al contenimento in quanto l'eradicazione è quasi impossibile se parliamo di campo aperto).

    Fonte/i: Laureando in agraria(Bari)
  • 1 decennio fa

    quella integrata usa pesticidi e prodotti chimici mentre in quella biologica tutte queste cose non vengono usate

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.