amelie ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

Una definizione bella e chiara di prospettiva aerea e sfumato leonardesco?

Mi interesserebbe anche qualche link che spieghi in modo conciso ma sufficientemente "poetico" Leonardo...baci!

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    LA prospettiva aerea, come ogni forma di prospettiva, è un tentativo di rappresentare sulla superficie piana di un'opera pittorica lo spazio tridimensionale.

    La prospettiva aerea, i cui studi furono iniziati soprattutto da Leonardo da Vinci, si fonda sulla scoperta che l'aria non è un mezzo del tutto trasparente, ma con l'aumentare della distanza dal punto di osservazione essa rende i contorni più sfumati, i colori sempre meno nitidi e la loro gamma tendente verso l'azzurro. Infatti Leonardo tende a distinguere ulteriormente una "prospettiva aerea" propriamente detta, in cui si applica lo sfumato a seconda della distanza degli oggetti raffigurati, da una "prospettiva del colore" che invece teorizza il cambiamento del colore delle cose in ragione della loro lontananza.

    Secondo gli studi di ottica di Leonardo, inoltre, l'aria è più densa («una aria grossa più che le altre») quanto più è vicina al suolo, mentre diventa più trasparente con l'altezza. Quindi soprattutto gli elementi di paesaggio che si sviluppano in altezza, come le montagne, appaiono più nitidi nelle parti più alte. «Adunque tu, pittore, quando fai le montagne, fa' che di colle in colle sempre le bassezze sieno più chiare che le altezze, e quanto vòi fare più lontana l'una dall'altra, fa' le bassezze più chiare; e quanto più si leverà in alto, più mostrerà la verità della forma e del colore» (manoscritto A, risalente al 1492 circa, foglio 98 recto).

    Tra le opere portate spesso come esempi di applicazione della prospettiva aerea ci sono due quadri della maturità dello stesso Leonardo: la Gioconda e la Vergine con Sant'Anna e il Bambino.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.