Il 4 maggio 2021 il sito di Yahoo Answers chiuderà definitivamente. Yahoo Answers è ora accessibile in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altri siti o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Meggie ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

quando Hitler rubò il coniglio rosa!!!!????????????

salve.......... mi servirebbe una trama dettagliata il più possibile ed immaginabile del libro "QUANDO HITLER RUBO' IL CONIGLIO ROSA"

grz in anticipo

ciao

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Anna e Max sono due bambini berlinesi di origine Ebrea, benestanti. Hanno circa 10 e 12 anni. La loro famiglia vive in una grande casa a Berlino con le cameriere che aiutano la madre in tutte le faccende domestiche. La vita in città segue tranquilla col padre, famoso scrittore tedesco, che manda avanti senza difficoltà alcuna quel tenore di vita, la madre che passa le giornate suonando il pianoforte e i bambini che frequentano le migliori scuole berlinesi. La storia inizia la settimana prima delle elezioni in Germania e Anna tornando da scuola incrocia numerosi cartelloni propagandistici dai quali si affaccia il volto di Hitler. Tornata a casa Anna vede Max e il suo migliore amico Ghunter giocare in giardino alla guerra contro i nazisti e questi le raccontano la lotta nata quella mattina a scuola tra i ragazzi nazisti e quelli non. Il padre di Anna in quei giorni è costretto in casa con l'influenza ma una sera riceve una telefonata da un poliziotto suo ammiratore. Egli lo avvisa che dopo le elezioni i nazisti avevano già in programma di ritirare i passaporti agli ebrei e consiglia allo scrittore di lasciare in fretta la Germania. Cosi durante la notte il padre organizza il suo viaggio e parte per la Svizzera. Nei giorni seguenti la mamma di Anna raccomanda a lei e a suo fratello di non far parola con nessuno della partenza del padre. Inoltre organizza il viaggio per sè e per i figli, imballando i mobili e molte scatole con tutto ciò che sarebbe stato spedito in Svizzera. Anna col suo piccolo bagaglio si trova costretta a prendere una terribile decisione: portare con sè il suo vecchio peluche, un coniglio rosa malandato e con gli occhi cuciti dato che aveva perduto quelli di vetro, o portare con sè il nuovo cagnolino di peluche che aveva ricevuto per Natale. Opta per il cagnolino sapendo che presto avrebbero spedito tutto in Svizzera e avrebbe rivisto il suo coniglio rosa. La scelta davanti la quale si trova la bambina può sembrare sciocca ma è una metafora per far capire come Hitler ha costretto molte persone a prendere difficili decisioni, come quella del padre di lasciare la propria patria o quella presa dallo "Zio Julius" di rimanere in Germania. A soli un paio di giorni dalle elezioni Anna, Max e la mamma prendono il treno per Zurigo e per tutto il viaggio la madre tormenta la borsa con le mani e rimane agitata. Anna prende questa fuga come una cosa piacevole, si rende conto della gravità della situazione ma allo stesso tempo è eccitata perché sta per scoprire cose nuove. Il viaggio in treno la stanca molto anche perché né la mamma né Max sono in vena di parlare ma rimane comunque soddisfatta di tutto ciò che vede fuori dal finestrino e soprattutto non vede l'ora di riabbracciare il padre che li ha preceduti in Svizzera. Alla frontiera la madre in preda alla paura di venire fermata, mostra i passaporti alla guardia tedesca la quale li osserva attentamente per poi ridarglieli, forse malvolentieri. Arrivati a Zurigo e riunitisi al padre, alloggiano in un bell'albergo ma Anna si ammala e resta a letto per quasi due mesi. Una volta guarita la famiglia è costretta a trovare una sistemazione più economica trasferendosi cosi alla pensione degli Zwirn. Questa famiglia svizzera li ospiterà per circa un anno, li Anna e Max faranno amicizia con Vreneli e Franz e frequenteranno le loro stesse scuole. In Svizzera i due bambini non hanno grande difficoltà ad ambientarsi dato che parlano tutti la loro stessa lingua ma certo all'inizio notano molte differenze con le scuole di Berlino. Iniziano soprattutto a convivere con una realtà economica molto diversa da quella cui erano abituati in germania, perché li nessun giornale vuole pubblicare gli articoli del padre dato che essendo apertamente e notoriamente antinazista potrebbe intaccare la neutralità del paese. A Zurigo ricevono la visita di Omama (la nonna di Anna e Max) e di Zio Julius, quest'ultimo, che all'inizio scherzava un po' della decisione della famiglia di lasciare la Germania, ora si rende conto di quanto abbiano fatto bene, anche perché sulla testa del padre pende una taglia di 1000 marchi. Arriva inoltre la notizia della confisca di tutti i loro beni e Anna si rende conto che non avrebbe mai piu rivisto il suo coniglio rosa e se la prende con sè stessa della sciocca decisione di essersi portata il peluche che non legava a nessun ricordo. Max dal canto suo si addolora della scatola dei giochi che aveva ricevuto per natale e che non rivedrà mai più. Il giorno del decimo compleanno di Anna il padre le annuncia che si sarebbero trasferiti a Parigi dove aveva trovato un giornale che avrebbe pubblicato i suoi articoli. Cosi Anna e Max si ritrovano nuovamente a fare i bagagli e ad iniziare un'altra nuova vita in Francia.anna era felicissima Durante il viaggio verso Parigi Anna,Max e il padre devono cambiare treno a Basilea, chiedono aiuto a un facchino il quale li accomapagna su di un convoglio ma una volta saliti Anna si rende conto che è il treno sbagliato, e ch

  • 1 decennio fa

    Anna e' la protagonista del libro: ha 9 anni. Vive in Germania col

    babbo, la madre e il fratello. Sono ebrei, la loro vita scorre serena.. Di

    colpo sono costretti a fuggire in svizzera e poi in Francia a causa del

    razzismo. Scappano dalla loro vita tranquilla e vanno a vivere

    poveramente come esuli. Alla famiglia Kerr non importa molto essere

    poveri perche' a loro importa piu' la vita e soprattutto il futuro dei

    loro figli. A causa delle molte persecuzioni la famiglia si deve

    trasferire per la terza volta andando a vivere in Inghilterra.

    Dall'Inghilterra non si spostano piu' perche' li', anche se sono ebrei,

    vivono molto bene come una famiglia normale.

    Questo libro e' molto bello: la parte piu' interessante e' quando la

    famiglia si trasferisce dalla Germania alla svizzera perche' deve

    superare i controlli delle guardie di frontiera. Il lettore e' sempre in

    suspence perche' non sa mai se la famiglia riesce a superarli o no.

    Di questo libro non mi e' piaciuto il finale, perche' l'autrice ha scritto

    solo che i Kerr sono arrivati in Inghilterra, ma non spiega come la

    famiglia si trovi in quel nuovo stato, se i bambini si trovano bene e

    soprattutto se la famiglia, una volta la', puo' vivere tranquilla.

    Anche se a me personalmente non e' piaciuto il finale pero'

    ugualmente consiglierei di leggerlo. Il messaggio di questo libro e'

    molto importante: l'uguaglianza delle persone. Anche oggi a distanza

    di anni forse un po' di razzismo e' rimasto ma io spero che la gente

    capisca che noi siamo tutti uguali e spero che il razzismo sparisca

  • 1 decennio fa

    noi lo stiamo leggendo a scuola scusa ma tu in ke scuola vai?cmq parla di una tizia (anna) e di suo fratello (max) ke se ne devono andare dalla germani in svizera e poi in francia e delle loro vicende...

    fa skifo quel libro!

  • 1 decennio fa

    fa schifo quel libro

    vabbè comunque sono generosa e ti aiuto (si fa per dire)

    c'è sta anna del cavolo (in realtà la storia sarebbe quella della scrittrice judith kerr ma vallo a capire perché ha cambiato nome nel libro) ed è ebrea e vive nella germania di hitler (ma guarda un po'...) e suo padre è un giornalista. la sua famiglia è benestante, quasi ricca dato che hanno la colf (che si chiama heimpi se non erro) e i camerieri e una stanza con il pianoforte, perché la madre di sta tizia è una nulla facente e allora suona il piano tutto il giorno... prima che hitler prenda il potere e stia per fare le leggi razziali e "tutta quella roba lì" il padre di anna (di cui ora mi sfugge il nome) sa già cosa sta per fare e quindi decide di trasferirsi con la famiglia in un altro stato... prima però fa una prova lui (nel senso che parte per 1 mese in svizzera per vedere se il suo piano è fattibile) quando ritorna in germania dice alla famiglia che si trasferiranno (nel periodo della sua assenza anna, la moglie e il figlio max avevano detto ad amici e parenti che il padre era ammalato) la madre prima partire aveva detto ai figli di prendere 1 solo gioco e anna decide di portare con sé il suo nuovo giocattolo invece che del coniglio rosa, che poi diventerà il simbolo della sua infanzia, appunto rubata da hitler... in questo paese anna si fa molti amici tra cui una che si chiama colette (o almeno credo) e ha anche molti ammiratori (solo perché fa la ruota davanti ai ragazzi, cosa che le altre bambine non osavano nemmeno immaginare) e c'è un episodio della vicenda nel quale tutti i ragazzi (compreso 'il rosso', il tipo che piace a colette) le tirano dietro sassi perché quello era un modo per dire 'mi piaci'... anna bisticcia con colette, ma poi si riappacificano... dopo qualche anno però la famiglia si trasferisce a parigi e per anna è un vero trauma perché all'inizio lei non sa il francese e questo le dà molto fastidio... la madre all' inzio chiama un'insegnate privata per fare imparare ai figli la lingua (il padre la conosceva già perché la colf che lo aveva cresciuto era francese, mentre quella della madre era inglese) poi quando hanno imparato a parlare un po' cerca delle scuole... max va a scuola prima di anna (anche se a dire il vero non va molto bene e questo lo infastidisce non poco) e anna si lamenta perché anche lei ci vuole andare... poi la madre la inscrive ad una ecolè comunale (o come cavolo si scrive) e lei si lagna perché non è brava a scuola e addirittura una volta si arrabbia con la madre perché ha passato tutto il pomeriggio a scrivere "problemi" con le penne colorate, allora la madre la porta a fare un giro, le compra un pasticcino e le ritorna felice... poi c'è il suo compleanno e anche qui un'altra scenata perché non ha tanti regali come suo fratello alla sua età (e che pretendi?) ma fa solo una gita in barca e le regalano delle matite, un astuccio, una capretta di legno (dalla sua famiglia) e una cartolina dallo zio julius (che in realtà non è uno zio, ma solo amico del padre ed uno scrittore)... poi farà visita alla famiglia omama (la madre della madre che detesta il padre di anna) e lei ha un cagnolino che farà una brutta fine, cadendo in un fiume (o qualcosa di simile)... la nonna poi racconta di un letterato che era stato portato in un campo di concentramento e lo avevano attaccato ad una cuccia come se fosse un cane, gli davano da bere e mangiare nelle ciotole da cani, lo costringevano ad abbaiare tanto che alla fine quest'uomo si comporterà da cane. anna sarà traumatizzata da questa storia...

    poi arriva una lettera che parla della morte dello zio julius e la famiglia decide di trasferirsi nuovamente, questa volta in inghilterra... prima di partire festeggiano la festa nazionale francese con una famiglia di loro conoscenza... poi partono per l'inghilterra e gli accoglie un bell'acquazzone (tanto per cambiare) e la storia finisce così

    bella vero??? a me ha fatto venire gli incubi-___-

    Fonte/i: l'ho letto (purtroppo)
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.