Gommalacca su mobili neri dell'800 rovinata dall'acqua, come risolvere?

Salve Ragazzi,

sono disperato...

In ufficio ho dei mobili dell’ottocento, recentemente restaurati, di colore nero trattati con gommalacca.

Inavvertitamente mia madre li ha puliti usando uno straccio leggermente umido.

Si sono quindi formate superficialmente delle striature di colore biancastro...non sembra rovinata la vernice, ma in controluce queste striature sono alquanto evidenti.

Ho chiamato il restauratore, che molto gentilmente mi ha detto che per risolvere il problema ci sono degli olii e delle cere particolari, immagino di colore nero, che possono risolvere tutto.

Siccome sono impaziente, vorrei sapere, possibilmente da qualcuno del mestiere, se tali prodotti sono reperibili anche in rete.

Altro problema: a forza di pulirli in corrispondenza degli spigoli sta affiorando il colore più chiaro del legno...

Mi chiedo quindi se anche questo secondo problema può essere risolto allo stesso modo delle striature, cioè con olii e cere.

Fatemi sapere...

Mille grazie.

Pao

Aggiornamento:

Con la cera normale per mobili, nulla da fare...le striature restano.

Esiste della cera nera? Non vedo altre possibili soluzioni...altrimenti dovrò far rifare l'intera libreria...

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Ti elenco il metodo che utilizzo per lucidare la gommalacca.

    Da non utilizzare da neofiti oppure da chi non ha mai utilizzato questa "vernice" i risultati sono impredicabili. (proprio ...ieri nella fretta durante la verniciatura a tampone con gommalacca, per non avere rispettato i tempi di asciugatura ho bruciato una parte della superficie di una vecchia rasiera che stavo restaurando, inoltre mi è caduta così sia è anche ammaccata!...

    A) Un tampone è costituito da una specie di cuscinetto, utilizzando una pezzuola di lana oppure un battutolo di cotone idrofilo che ne costituisce "l' anima", si avvolgono in una tela bianca di cotone e lino, (meglio cotone fine) si mettono alcune gocce di alcol a 98 °all'interno, mentre e all'esterno si distribuisce in modo uniforme un paio di gocce di olio paglierino. Si lascia penetrare il tutto.

    B) Col tampone si passa velocemente con dei movimenti a forma di 8 continui senza mai soffermarsi a lungo sulla superficie. Lasci asciugare ..meglio una giornata .

    C) Quindi stendi della cera per mobili attendi un poco e lucidi con un panno morbidissimo

    Per il tuo mobile......

    Il mio consiglio e l' operazione che dovresti effettuare è il punto c)

    Semplicemente stendi della cera e lucidi, le striature spariscono .

    Per quanto riguarda gli spigoli scolorati) (vi sono due metodi)

    A) Dovresti acquistare degli stik in cera del colore del mordente (che è stato dato al mobile ) lo applichi sui punti incriminati, il colore dello stik dovrebbe rimediare al piccolo danno. Poi stendi della cera e lucidi ..

    B) Applichi della cera "colorata" e lucidi (anche in questo caso il danno dovrebbe scomparire)

    Vi è una terza soluzione (col pennellino devi eseguire dei ritocchi con del mordente ,,,,,,riuscire a ripristinare il colore precedente è una impresa da esperti, devi possedere molti mordenti colorati oppure devi sapientemente dosarli, sapendo che il successivo trattamento (cera ) modificherà leggermente la tonalità.

    Solitamente inizio con un mordente leggermente più chiaro e man mano con ripetute colorazioni o con altri mordenti raggiungo il colore desiderato ......poi applico della cera ....()

    La gomma lacca è magnifica ma molto delicata, per la pulizia panno morbido stop , in casi di problemi cera professionale , oppure qualche goccia d'olio paglierino.quindi lucidatura finale con panno morbidissimo....ciao

    Aggiornamento....

    permettimi una riserva: tua madre deve aver effettuato l'operazione con qualche spugna tipo, scotch brite grana grossa oppure ha utiizzato come liquido dell' alcol: altrimenti non si spiega come si possano creare delle striature, semplicemente passando un panno umido su di una superficie laccata!

    Ieri sera, ho rilavorato la mia vastringa rasiera; lana d'acciaio grana 1000 passata su tutta la superficie , tampone cera lacca diluita 10% applicato 2 mani è già diventata da ammirare... assomiglia ad una degli attrezzi del link sotto

    (molto molto vecchia e perfettamente funzionante...)

    Questa sera altre due mani di gommalacca ...

    http://images.google.it/imgres?imgurl=http://farm4...

    Questa è l'operazione che a questo punto andrebbe effettuata sulla tua libreria..

    Esistono delle cere molto scure; ne ho utilizzata una nella fase finale di una restaurazione di un guerriero alato cinese laccato nero, altezza 1, 2 mt.

    La stessa cera l'o' utilizzata sempre per restauro di 2 elefanti laccati neri scolpiti in un tronco.... magnifici...come il guerriero alato.

    Spiego il metodo utilizzato; trattamento anti tarme, stuccatura, spagliettatura con lana d'acciaio grana 1000 ritocchi con mordente all'alcol .> 10 mani di gomma lacca ...lucidatura finale quindi cera e lucidatura finale...

    tempo impiegato 4 ore totali, durata intervento 10 giorni. >Tutto gratis , "il cliente" mi ha regalato un libro con foto di tutte le foreste del globo.... ciao

  • 4 anni fa

    Ora puoi facilmente curare l'acne grazie a questo sistema http://eliminareacne.netint.info/?8g33

    L'acne è un problema tipico per gli adolescenti ma che può protrarsi in età adulta, sollecitato anche da situazioni di ansia o stress.

  • Adel G
    Lv 5
    1 decennio fa

    Bene, procurati dell'alcool etilico, delle pagliette d'acciaio molto fini e della carta vetrata molto fine.

    Imbevi la paglietta d'acciaio di alcool e comincia a strofinare il piano da pulire, strofina con movimenti circolari e lungo le fibre, ma non pigiare troppo, potresti lasciare dei segni sulla superficie del legno.

    A questo punto potrai scegliere se lucidarlo a gommalacca col tampone oppure se passare comunque qualche mano di gommalacca e poi finirlo a cera.

    Se desideri invece una lucidatura a cera inizia a passare con un pennello piatto una soluzione non molto concentrata di gommalacca (anche 80 gr per litro di alcool dovrebbe andare bene). Tira bene le pennellate e non fermarti a pensare! Occhio ai bordi dove vi sono forti possibilità che la gommalacca possa ristagnare e formare delle orribili gocce dure, passate allora una pennellata lungo i bordi in modo da evitare ciò. Dopo aver dato la prima mano e lasciato asciugare (15 minuti- mezz'ora) passa una mano di carta vetrata finissima senza premere, come se volesti accarezzare il mobile. Poi ripassa un'altra mano di gommalacca e ricarteggia e passane un'altra ancora.

    Fatto questo avrai un mobiletto pronto per essere lucidato. Ti indico anche il procedimento x la cera...Una delle fasi conclusive della lucidatura di un mobile è quella dell'applicazione della cera. Per avere una cera capace di dare dei buoni risultati è di estrema importanza che la prepariate voi! Non è difficile, anzi, può risultare addirittura divertente! Si deve acquistare della cera vergine, cera d'api, nei colorifici, negozi di belle arti, meglio sarebbe da un apicultore (comincia però a diventare complicata la cosa...!). Questa è di un colore giallo scuro. Poi acquistate della cera di Carnauba (qui a sinistra nell'immagine) che serve per dare un po' di brillantezza in più al prodotto finale e elemento di innalzamento del punto di fusione. Normalmente si usano 150 grammi di cera di Carnauba per kg di cera d'api. Poi comprate dell'essenza di trementina, il solvente che serve affinché la cera acquisti quell'aspetto pastoso...

    Preparazione

    Bisogna riscaldare a fuoco lento in una vecchia pentola oppure a bagnomaria circa 250-300 gr di cera vergine con della cera di Carnauba. Quando questa è liquida si toglie il recipiente dal fuoco e vi si aggiunge un litro di essenza di trementina, si mescola e si lascia raffreddare.

    Ecco, avete la cera!

    Applicazione

    Si cosparge con un pennello piatto la cera fluida sulla superficie da trattare (fatene un po' per volta). Dopo averla lasciata agire per un po' (non troppo però, altrimenti diventa dura e difficile da lucidare) con un panno possibilmente caldo si strofina energicamente fino a quando comincia ad apparire quella classica lucentezza morbida e diffusa propria della lucidatura a cera.

    Note

    Non c'è una dose precisa di cera vergine da sciogliere con l'essenza di trementina. Dipende da noi, si fanno alcune prove e si valuta la concentrazione migliore, normalmente si usano dai 250 ai 300 gr di cera per litro di essenza di trementina.

    Una cosa da ricordare è che un mobile lucidato a cera perde facilmente la sua brillantezza perché la cera per lo sfregamento, il tempo, ecc. si consuma, per cui si dovrebbe ogni tanto provvedere ad un rinvigorimento del mobile con un'altra lucidatura.

    Alla fine ci vorrebbe dell'olio di gomito (non chiedermi dove si procura...), con questo riuscirai a lucidare il mobiletto tanto da farlo splendere!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.