Ro
Lv 7
Ro ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Chi ad un "ti amo", pur amando, risponde col Silenzio...?

...cosa sta facendo?

Sta forse sacrificando qualcosa all'altare della Convenienza?

Tutte le Ragioni del Mondo non dovrebbero essere zittite di fronte all'Amore? O c'e' qualcosa di piu' importante?

Aggiornamento:

Ho parlato di Silenzio; non di silenzio complice, non di sguardo, non di altra forma di comunicazione.

Silenzio. Lo "scegliere di non rispondere" di Barthes.

Ed ho detto "pur amando" perche' non ho interpretato il Silenzio: mi sono basata su altro che ritengo ancora degno di fiducia.

Anche se non bisogna mai essere sicuri di nulla, mi rendo conto.

17 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il Silenzio è la risposta di chi crede, forse ingenuamente, che, finché l'amore non è detto, definito, "formalizzato", non possa mettere in discussione il "resto", e si possa continuare a coltivarlo senza sentirsi troppo colpevoli.

    Un sotterfugio formale.

    Atteggiamento che mi è appartenuto, e proprio con la persona che ho più amato.

    Ho risposto infinite volte con il silenzio perché tutte le altre ragioni (ragioni che, oggi, scrivo con l'iniziale minuscola) mi impedivano di dire "Ti amo". Ho risposto col silenzio perché dirlo mi avrebbe messa nella situazione di dover trasformare radicalmente la mia vita, e affrontare pesi e prese di posizione per i quali non ero pronta: a un "ti amo" doveva coerentemente seguire un cambiamento.

    Sarebbero state parole vacue, senza la testimonianza dei Fatti.

    E ho risposto col silenzio perché, tanto, sapevo che lui conosceva i miei sentimenti, che mi perdonava quella debolezza, che mi comprendeva.

    Dire "Ti amo" mi avrebbe fatta sentire piccola, meschina, ipocrita. Incoerente.

    Non avrei potuto sopportarlo, mi sarei disprezzata.

    Quando, finalmente, l'ho detto, ero Libera di farlo. Libera di dimostrarlo.

    Tutte le ragioni del mondo non dovrebbero essere zittite di fronte all'Amore? tu chiedi.

    Sì, dovrebbero, sì, Devono. Ma zittite dai Fatti, prima ancora che dalle parole.

  • ?
    Lv 7
    1 decennio fa

    "Ti amo" disse il pescatore al pesce.

    E il pesce?

    Muto

    Fonte/i: Apologo Zen
  • 1 decennio fa

    ...Ro, sono una donna che parla e manifesta poco, e che ha un grande pudore dei propri sentimenti...e proprio per questo ti dico che, a volte, dietro il silenzio si nascondono un mondo di emozioni...che fuggono le parole...e ci lasciano immobili, impientriti, afoni...anche quando vorremmo urlare...

    a volte le parole non bastano a racchiudere quello che sentiamo...e, a volte, c'è molto più amore dentro chi tace che dentro a chi parla...

    interpreta il silenzio...spesso si parla anche non dicendo nulla.

    Un caro saluto

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non è il Silenzio d'innanzi ad un Ti Amo che "uccide" una relazione. Bensì il lasciarla morire in quel silenzio........

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Sta dando troppo (o tanto) spazio alla razionalità...

    E non è per niente vero, che di fronte all'amore non esiste razionalità, ci sono persone talmente razionali, che pur perdendone parecchia di fronte ad un sentimento come l'amore, riescono comunque a mantenerne intatta una quantità allucinante, e un silenzio in quel caso, può scaturire perché le parole magari si fermano dietro quel muro fatto di razionalità.

    E non credo nemmeno sia vero che quel sentimento, vada sempre chiaramente dichiarato, nemmeno credo sia vero, che ogni cosa vada messa "da parte" per lasciare spazio a quel sentimento, sono convinto che in un certo modo, chi di fronte all'amore riesce a mantenere un pizzico di ragione, chi riesce a non farsi trascinare completamente, in qualche modo, ha qualcosa in più dalla sua parte, perché molto spesso, le parole, Quelle parole, potrebbero essere usate con leggerezza, senza pensarci, e si rischia da fare più danni che altro, magari corri il rischio di ritrovarti in una situazione che per quello che provi non sei in grado poi di sostenere e rischi anche di mettere l'altra persona in una situazione piuttosto complicata e in teoria ti faresti del male due volte, per te, e anche per il "dolore" che hai dato all'altra persona.

    L'amore non è facilmente catalogabile, molto spesso, l'amore non è semplicemente un "Ti amo", molto spesso quelle parole non riescono a racchiudere tutto quello che si prova per una persona, magari quelle parole possono essere riduttive, possono essere esagerate, possono essere anche fuori luogo, possono anche non riuscire a descrivere un qualcosa di più "strano", in qualche modo, si può anche dire, che è un limite definire un qualcosa come l'amore, con un "Ti amo", ed è un limite che puoi darti solo riesci totalmente a lasciarti andare, solo se senti la sicurezza che non c'è niente più di quelle parole che possa essere sacrificato, ma allo stesso tempo sai che proprio quelle parole non vorresti mai sacrificarle, è un qualcosa che secondo me, puoi fare liberamente, quando sai che in teoria non hai "niente da perdere", perché già hai tutto e niente, puoi farlo solo quando sai che quella persona a cui dici quelle parole, è la persona più importante, ma è anche quella per cui puoi "mettere da parte" quel sentimento, proprio per "preservare" la sua importanza.

    Ecco, personalmente credo che quel silenzio, può essere "semplicemente" condizionato, dal non volersi o non potersi dare quel limite, e in un certo senso, se manca quella sicurezza che ti porta anche a "sopportare" quel limite, te ne accorgi, si nota quando manca quel qualcosa, quindi, molto probabilmente, anche se dette, di fronte a quelle parole, ci si renderebbe conto, che comunque manca qualcosa, vuoi perché dopo, quella persona sarebbe presa dalle insicurezze, dai dubbi, dalle paure, e tu che hai di fronte quella persona, te ne renderesti conto, e te ne renderesti conto anche chiaramente, perché tu dall'altra parte, quel limite sei riuscito a dartelo, quindi noti molto facilmente che invece la persona che hai di fronte quel limite non ha ancora voglia, o per meglio dire, non ha la possibilità di darselo, e in quel caso è molto meglio il silenzio, piuttosto che vedersi e sentirsi dire parole che non sono guidate da qualcosa che può essere definito "giusto".

    (Mmmhhh spero di non aver fatto troppa confusione e che il senso della risposta sia vagamente intuibile..)

  • 1 decennio fa

    "Pur amando".

    (Siamo sicuri? Il silenzio è convenientemente interpretabile)

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Delle volte pur amando non si ricambia il ti amo, ma questo non perchè non lo si sente o non lo si prova. Dipende dalle circostanze, dal momento in cui viene detto...dal motivo per cui viene detto (tipo per addolcire un momento spinoso) Per dirselo reciprocamente occorre essere sulla stessa frequenza, non avere pensieri che distolgono e sentirsi sereni nei riguardi del partner. Il silenzio dopo un ti amo non è sinonimo di non amore, può succedere per i motivi più svariati.

  • 1 decennio fa

    Non serve dire 100 volte ti amo,quando fra due persone c'è una magia unica ,un intesa che va oltre i confini dell'anima.kiss

  • 1 decennio fa

    L'amore è il sentimento più bello che un individuo possa provare.

    E' stupendo amare, è stupendo essere amati.

    Sentirsi parte di un "noi" che va al di là di qualsiasi contingenza, quel punto fermo in cui trovare ristoro, trovare un nido sicuro..trovare l'equilibrio tra corpo, mente e spirito.

    Credo che quel "chi" riesce a non rispondere, pensa di poter fare a meno dell'amore o per lo meno, metterlo per un attimo in secondo piano perchè la convenienza del momento lo suggerisce.

    Purtroppo però Amore va anche preso per mano, coccolato e rassicurato.

    Quando questo non avviene, poi scivola via.. ed il tempo passa, ci guardiamo indietro e non sempre siamo di fronte ad un gioco a somma zero.

    La maturità dell'individuo implica il non rinunciare ai propri successi ma anche al non vedere l'amore come qualcosa che ne sia estraneo.

    Il sostegno di chi ci ama e di chi amiamo può dare un brio indescrivibile.. ma solo in pochi hanno il coraggio di prenderlo perchè Amore è anche alchimia..è condivisione, è un fidarsi talmente tanto da sapere che puoi toccare il cielo con un dito e finire nelle cavità più profonde.

    Nel silenzio che segue ad un "ti amo" a volte c'è un "come posso fare?" assillante che martella la mente. Non è detto che si stia sacrificando all'altare della Convenienza.. ma è molto probabile che dei legacci ci siano a stringere quelle caviglie che vorrebbero invece correre assieme ad Amore..

  • .
    Lv 7
    1 decennio fa

    Non dobbiamo pretendere che tutti ragionino con la nostra testa.. ma se si ama, il silenzio del quale parli, è molto eloquente, e se si è riamati lo si comprende chiaramente da tutto il resto che fa dfa corolla all'amore vissuto..

    Mick

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.