C E ha chiesto in Casa e giardinoManutenzione e riparazione · 1 decennio fa

Caldaia a condensazione con termosifoni in ghisa SI o NO ?

Salve a tutti,

devo sostituire la mia caldaia,

mi si pone la scelta tra quella a condensazione e quella classica,

qualcuno del settore mi sa dire se realmente è logico e conviene far funzionare una caldaia a condensazione con i termosifoni in ghisa?

Grazie mille

Aggiornamento:

Aggiungo inoltre che il mio appartamento è di circa 100mq e le tubazioni sono abbastanza recenti, sono in plastica o pvc, non so di preciso il nome specifico, sono di colore blu, ed avvolte esternamente con una sorta di isolante spugnoso, queste passano sotto il solaio e si vedono, visto che sotto c'è il garage...

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    no non conviene la caldaia a condensazione se lavora in alta temperatura quindi come il tuo impianto ha un rendimento teorico massimo del 90% nel migliore dei casi al pari di una caldaia comune, pertanto il risparmio teorico che ne viene rispetto alla caldaia a condensazione è di circa il 10/12 % questo salvo che il tuo appartamento non sia un colabrodo termico in tal caso i lrisparmio è nullo e non avrai vantaggi tangibili.

    conta che già il passaggio dei tubi con i lloro semplice isolante in un locale non riscaldato come il garage dove sono a vista rappresenta una notevole dispersione. personalmente ti consiglio prima di decidere di sostituire la caldaia di controllare con una termografia lo stato della tua abitazione e successivamente intraprendere le vere opere che possano garantirti un autentico risparmio, ovvero tappare i buchi di dispersione.

    Ricorda che la bolletta del gas la paghi tu e non chi ti vende la caldaia

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non la sfrutti al massimo in quanto i termosifoni funzionano ad alte temperature(70-80gradi)mentre la caldaia a condensazione da il massimo risparmio a 40-50 gradi.

    Risparmi sempre sul fattore consumo mensile,ma il costo della caldaia non riusciresti ad ammortizzarlo in un breve periodo.

    Come inquinamento le emissioni di una caldaia a condensazione sono molto meglio di una caldaia classica(anche se quelle nuove sono molto basse)

    Puoi valutare tu :spendere un po di piu all' inizio anche se non sfrutti al massimo la caldaia, alla lunga avrai risparmiato(e non inquinato)oppure spendere meno all' inizio e quello risparmiato spenderlo in bollette.

    Le linee del riscaldamento sono in fusotherm isolato(avrai i caloriferi in rame)

    Se i tubi del calorifero sono dello stesso materiale allora è multistrato(sembra plastica esternamente ma è:plastica/alluminio/plastica)

    Non so perchè si vedono le tubature magari esigenze di tragitto o di spazio puoi sempre coprirle con un cassonetto in cartongesso accessibile(cosi puoi ispezionare a causa di problemi)

  • 1 decennio fa

    Se si installa una caldaietta a combustione, tradizionale (post miscelazione aria/gas) ad alto rendimento, i rendimenti ottimizzati della caldaia possono raggiungere, max 90 % indipendentemente dai corpi radianti, ghisa/alluminio/lamiera o ventil convettori e tubazioni di adduzione i corpi medesimi (radianti e non disperdenti anch'essi) Il tutto risulterà un buon lavoro in rapporto a qualità/benefici e prezzo. Altra cosa, è se si installa una caldaia a condensazione, in questo caso, non toccando nulla della situazione impiantistica esistente (tubazioni e corpi radianti)

    il rendimento massimo raggiungibile, con parametri elettronici ottimizzati, lavorando a temperature "scorrevoli, il massimo di rendimento della caldaia è di circa il 100 % (non il 107+o-108 %) che si raggiungerebbe con impianto scaldante a pannelli radianti che funzionano a basse temperature+30/35 C°. In entrambi i casi, è con la PECUNIA che devi regolarti, oltre che all'intervento, molto invasivo, per realizzare un impianto a pannelli radianti inglobati sotto i pavimenti.

    Fonte/i: E' il mio pane quotidiano, particolarmente, nell'assistenza tecnica.
  • 1 decennio fa

    Bisognerebbe sapere se l'impianto di tubazione è di vecchio tipo (dato che ci sono i termosifoni in ghisa penso sia così) e la metratura della casa. Se così fosse acquistare una caldaia a condensazione sarebbe una contraddizione; infatti questo tipo di caldaia raggiunge oltre il 100% di rendimento ma se le tubazioni sono vecchie e mal isolate si può arrivare ad un 90% di rendimento. Ciò significa perdere più del 10% di potere calorico. Quindi il problema non sono i termosifoni in ghisa (che funzionano bene lo stesso anche se ce ne sono molti altri di tipo tubolare con più rendimento calorico), ma i tubi ormai obsoleti. Meglio sarebbe sostituire tutta la tubazione e quindi anche i termosifoni. Però se si vuole mantenere la tubazione sarebbe inutile cambiare i caloriferi.

    Consiglio personale? Cambiare la caldaia con una a condensazione e pure i termosifoni in prospettiva di sostituire le tubazioni.

    PS: un'altra soluzione è il riscaldamento a pavimento che garantisce una perfetta distribuzione del calore e rendimenti pari a quelli della caldaia a condensazione, ma ciò implicherebbe un lavoro non indifferente.

    Spero di essere stato utile. =)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.