L'agire del saggio e' semplicemente un traboccare del suo essere...?

Un uomo cosiffatto e' incomprensibile alla mente ordinaria....?

Grazie a tutti

6 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    E' cosi'. Il saggio non ha piu' niente da dfendere, niente con cui identificarsi, niente da reclamare per sè, non ha piu' futuro nè, passato.. è ritornato all'infanzia, alla emplicita' del legno grezzo. In un certo senso egli non ha scelta, è diventato una canna di bambù vuota e l'esistenza se ne serve come di un flauto, sunando attraverso di lui, la sua melodia. Per questo il saggio agisce senza far nulla e insegna senza parole...Agisce senza appropriarsi di nulla e non si sofferma sui risultati della sua opera e per questo essi sono durevoli...

    Alba

  • Cloclo
    Lv 7
    1 decennio fa

    il saggio non agisce

    col suo esempio spinge gli altri ad agire per il meglio

    (perché mi viene in mente il Brucaliffo?)

  • Anonimo
    1 decennio fa

    il saggio è comprensibile,e quello che si innalza a saggio che diventa fumoso.

  • 1 decennio fa

    Direi che è un tradimento del suo essere. Perché il saggio sa che ogni azione è fondamentalmente inutile.

    Agire comporta uscire dall'ombra del giudice e rendersi interprete di uno spettacolo di irresistibile, tremenda assurdità. In altri termini, forse, vivere.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    xk traboccare?se è saggio è logico k agisca da saggio

  • Anonimo
    1 decennio fa

    eppure un saggio agli occhi di uno stolto può non essere tale,dov'è la certezza?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.