Non vi sembra strano che quello che Dio "crea" è sempre quello che succederebbe se l’evoluzione fosse vera?

Prima avevo postato così: Dio può fare quello che vuole? e mi hanno eliminato la domanda come offensiva. Provo un'altra volta. Dettagli aggiuntivi: La frase dei creazionisti “Dio può fare quello che vuole“ sembra che giustifichi qualsiasi stranezza nella "creazione" dell'uomo (e non solo uomo),... visualizza altro Prima avevo postato così: Dio può fare quello che vuole? e mi hanno eliminato la domanda come offensiva. Provo un'altra volta.
Dettagli aggiuntivi: La frase dei creazionisti “Dio può fare quello che vuole“ sembra che giustifichi qualsiasi stranezza nella "creazione" dell'uomo (e non solo uomo), ma è interessante notare che “quello che vuole” è sempre quello che succederebbe se l’evoluzione fosse vera. Se si trovassero animali che usano diversi modi per codificare gli amminoacidi significherebbe che non sono imparentati tra loro. Non si trovano! Fino ad ora, tutti seguono lo stesso codice universale. Perché un Progettista intelligente avrebbe agito esattamente come ci aspettiamo dalla teoria evolutiva? Perché la retina dell’occhio è invertita, formando un punto cieco? L’occhio ha rimediato successivamente con piccoli aggiustamenti, come previsto dalla teoria dell’evoluzione. Dio sarebbe potuto tornare al tavolo da disegno e riprogettare per bene l’occhio per intero. Stessa cosa per il nervo laringeo: dal momento che discendiamo dai pesci, che avevano bisogno che passasse per le branchie e si caricasse di ossigeno, anche nell’uomo questo fa una deviazione incredibile: si infila nel petto, gira attorno ad un’arteria, e torna alla sua destinazione lungo il collo, anziché trovarsi direttamente lì. Nella giraffa questo ha risultati paradossali, con il nervo laringeo lungo diversi metri inutilmente. I nervi che noi usiamo nella respirazione non sono mai stati creati appositamente per gli esseri umani, li abbiamo ereditati dai pesci: il nervo vago e il nervo frenico. Essi vanno dalla base del cranio nella cavità toracica attraversando il diaframma, eseguendo un cammino assai tortuoso, dovuto al fatto che la crescita durante l’evoluzione millenaria ha allungato il corpo dei pesci, spostando il muso sempre più in avanti. La conseguenza di questa evoluzione è evidente: qualsiasi cosa che interrompa il percorso dei nervi può far partire il singhiozzo. I nostri progenitori – pesci - avevano branchie vicine al collo. Il movimento muscolare era instaurato nel momento dell’uscita in massa dei pesci dall’oceano, quando essi diventavano anfibi, che sapevano respirare in due modi. Quelle creature avevano sviluppato un meccanismo perfetto: il singhiozzo, che permetteva di pompare l’acqua nella bocca e nella gola per farla deviare verso le branchie, ma non nei polmoni. Così anche gli anfibi di oggi hanno il singhiozzo che impedisce all’acqua di entrare nei polmoni, perciò gli anfibi usano sia i polmoni sia le branchie. A loro questo meccanismo serve ancora per salvare la vita, ma a noi esseri umani, non serve più, in quanto siamo sprovvisti di branchie. Le nostre branchie erano atrofizzate per disuso, ma le tracce delle branchie rimangono ancora nell’embrione dell’uomo. Per quale motivo esiste il singhiozzo secondo i creazionisti? Non lo sanno. Anche i ********* sono collegati al pene dall’interno attraverso un percorso ridicolmente lungo e scomodo, facendo una deviazione lungo l’uretere anziché cercare la via più breve. Accettando la nostra discendenza dai pesci diventa tutto chiaro, ma se è stato progettato, che progetto stupido può essere? La nostra storia evolutiva ha fatto sì che i nostri progenitori fossero quadrupedi, mentre noi, bipedi, non abbiamo ancora adattato sufficientemente la schiena a questa vita, provocandoci vari dolori e problemi. Sempre riguardo a questo, i seni mascellari sono messi in una posizione irrazionale: cavità situate dietro le guance, ai lati della faccia, che hanno l’orifizio di drenaggio sulla sommità; questo non permette di sfruttare la gravità per favorire il deflusso del liquido. In un quadrupede la sommità è la parte anteriore, quindi la posizione dell’orifizio ha molto più senso. Ancora una volta abbiamo la conferma di discendere da animali quadrupedi. Perché se osserviamo il ghepardo e la gazzella la teoria evolutiva viene ancora una volta confermata, mostrando una “corsa agli armamenti” dispendiosa per entrambi ma necessaria alla sopravvivenza? E perché se invece pensiamo ad un Progettista, vediamo che il ghepardo è progettato nel modo più perfetto per predare la gazzella, e guardando che la gazzella è esattamente quella che dovrebbe essere se dovesse sfuggire al ghepardo nel migliore dei modi?
Aggiorna: Prete, l'unica cosa che approvo è questo tuo consiglio: "stai attenta a non dare una visione "antropomorfa" dell'evoluzione. Si tende alle volte a rendere l'evoluzione un soggetto pensante, come se fosse "lei" il progettista di cui parli. Pensa ad esempio alla frase:... visualizza altro Prete, l'unica cosa che approvo è questo tuo consiglio: "stai attenta a non dare una visione "antropomorfa" dell'evoluzione. Si tende alle volte a rendere l'evoluzione un soggetto pensante, come se fosse "lei" il progettista di cui parli. Pensa ad esempio alla frase: "L’occhio ha rimediato successivamente...". L'occhio non ha fatto un bel niente....
Hai ragione, ma siccome ho fatto copia-incolla non volevo cambiare niente. Penso che tutti sappiano come vengono "aggiustate" le cose che non vanno in natura: sopravvive quello che si adatta di più. Cioè nessuno fa niente a proposito, semplicemente non sopravvive, invece il sopravvissuto tramanda i suoi geni e la specie si moltiplica. Questo addattamento continuo si potrebbe interpretare come il rimedio, ma ne siamo consapevoli che non si parla di nessun rimedio premeditato e finalistico. Tutto decide il caso!
Aggiorna 2: Panter, sei dell'opinione che un Creatore, un'energia permanente nel nulla capace di dar consistenza ad esso nulla, abbia dato origine a quell'energia tangibile destinata ad evolversi, ma non sai se per volontà o spontaneità.... Non ti piace la rottura della simmetria come concetto-chiave? Senza nessuna... visualizza altro Panter, sei dell'opinione che un Creatore, un'energia permanente nel nulla capace di dar consistenza ad esso nulla, abbia dato origine a quell'energia tangibile destinata ad evolversi, ma non sai se per volontà o spontaneità.... Non ti piace la rottura della simmetria come concetto-chiave? Senza nessuna volonta ma spontaneamente?
Aggiorna 3: Azhazel: non sono d'accordo, l'evoluzione dell'uomo moderno non è affatto un mistero. Nell’evoluzione della specie umana l’uomo ha subito e subisce continuamente modificazioni dei vari aspetti morfologici/somatici/psico/neurologici. Certamente prima queste modificazioni furono maggiori rispetto all’uomo... visualizza altro Azhazel: non sono d'accordo, l'evoluzione dell'uomo moderno non è affatto un mistero. Nell’evoluzione della specie umana l’uomo ha subito e subisce continuamente modificazioni dei vari aspetti morfologici/somatici/psico/neurologici. Certamente prima queste modificazioni furono maggiori rispetto all’uomo moderno. L’Uomo primordiale infatti dovette adattare il suo organismo alle situazioni ostili, l’alimentazione del periodo delle caverne era soltanto carnivora, e questo significava che l’organismo si adattava a quelle circostanze, con un preciso metabolismo, oltre alle modificazioni somatiche particolari come ad esempio la dentatura diversa (più canini per lacerare le carni). A poco a poco, con l’evoluzione, l’uomo scoprì l’agricoltura e il suo metabolismo si modificò, per adattarsi alle nuove esigenze, tanto che alcuni popoli riescono a digerire il latte fino alla vecchiaia.
L’uomo moderno di ultimi 100 anni ha vissuto processi di trasformazione biologica della sua specie non solo
Aggiorna 4: sotto l’aspetto morfo-costituzionale, ma anche nell’aspetto della funzionalità degli apparati. Modificazioni negli ultimi 60 anni sono state a dir poco enormi. Basta riflettere su come erano le nostre ragazze dei 13/17 anni di soli 70/90 anni fa, per rimanere impressionati dalle differenze enormi in termini di... visualizza altro sotto l’aspetto morfo-costituzionale, ma anche nell’aspetto della funzionalità degli apparati. Modificazioni negli ultimi 60 anni sono state a dir poco enormi. Basta riflettere su come erano le nostre ragazze dei 13/17 anni di soli 70/90 anni fa, per rimanere impressionati dalle differenze enormi in termini di statura, bellezza, eleganza e maturità del corpo. Adesso, negli ultimi dieci anni si cambia addiritura il pollice della generazione che usa i telefoni cellulari per manovrarli, diventando più flessibile. Alle modificazioni “macroscopiche” (apparato intestinale) si aggiungono quelle “microscopiche“ che sono tutte le modificazioni biologiche, biochimiche e fisiche che il nostro organismo ha registrato.
Oggi, purtroppo l’uomo non ha soltanto benefici dal progresso medico e tecnologico ma anche inconvenienze: sono cambiate le capacità reattive dei nostri organismi alle malattie e sono modificate le reazioni che l’organismo. L'uomo moderno ha l'organismo molto più debole, purtroppo
Aggiorna 5: Panter, anche a me va bene lo stesso, tanto... alla rottura della simmetria è morto anche quel Dio che alcuni lo vorrebbero burattinaio. Ed è questo il punto! Sono assolutamente d'accordo con te, nessuno per il momento può chiarire questo momento, ecco perché Einstein diceva "credo in dio di Spinoza".
14 risposte 14