Ki
Lv 6
Ki ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

Scheda libro Ragazzo negroo ???10 punti assicurati?

ciao a tutti devo fare per lunedì la scheda del libro di jamnes wright "ragazzo negro"

mi serve sapere: il contesto storico e letterario, un breve riassunto del libro, i temi principali e i personaggi

10PUNTI ASSICURATIIIIII

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Richard Wright, nativo del Mississippi, ha quattro anni quando, non potendo schiamazzare per non disturbare la nonna gravemente malata, si diverte incendiando gli sterpi di una scopa e dà fuoco alla casa. Per questo, viene frustato furiosamente, rischiando di morire. La famiglia si trasferisce poi a Memphis e il padre abbandona i suoi due figli e la moglie, andando a vivere con un’altra donna. Intanto Richard comincia ad andare a scuola e a porre numerose domande, mentre la madre è costretta a lavorare duramente per mantenere i figli che soffrono continuamente la fame. Perciò, Richard e suo fratello sono affidati ad un orfanotrofio, ma finalmente la famiglia riesce a trasferirsi da una zia in Elaine nell’Arkansas. Qui il cibo non manca, ma alcuni bianchi uccidono lo zio, agognando al suo fiorente commercio di liquori, e promettono poi di uccidere tutti i suoi famigliari; essi sono così costretti a trasferirsi dalla nonna a Jackson. Ma la mamma, stanca delle abitudini rigidamente religiose della nonna, decide di ritornare nel West Helena insieme alla zia che presto ripartirà. Intanto Richard comincia a frequentare una banda di ragazzini nella città e, per essere ammesso, deve appoggiare sentimenti razziali nei confronti dei bianchi, combattendo battaglie a suon di sassi contro i ragazzi bianchi del quartiere. Intanto, la mamma si ammala gravemente, colpita da una paralisi. Così devono trasferirsi tutti nuovamente dalla nonna, ma, poiché ella non può prendersi cura dei bambini, Richard è affidato allo zio Clark a Greenwood, mentre suo fratello va a vivere dalla zia Maggie a Detroit. Ben presto però, non trovandosi bene dallo zio, Richard ritornerà dalla nonna, costretto a sottostare alle sue rigide regole della chiesa Avventista del Settimo Giorno: Richard viene iscritto ad una scuola religiosa e la sua insegnante è zia Addie. Cominciano così i contrasti tra Richard e la famiglia: egli è forzato ad adorare un Dio nel quale non crede e vorrebbe anche cercarsi un lavoro, ma la nonna è contraria perché il sabato, sabba del Signore è il giorno di riposo ed è proibito lavorare. Però decide, finalmente con l’approvazione della nonna, di guadagnare un po’ di soldi vendendo giornali. Ma quando un signore gli fa notare che il giornale che andava vendendo predicava le dottrine del Ku Klux Klan, inorridito, smette immediatamente di venderli. In effetti, il ragazzo ha ormai 14 anni e inizia a rendersi conto delle difficili condizioni nelle quali sono costretti a vivere i neri. In seguito, accetta il battesimo da una chiesa metodista del quartiere per volere della madre, ma ormai etichettato come peccatore dal resto della famiglia, e non senza discussioni con la nonna, egli cerca lavoro nelle case dei bianchi, o in negozi, sempre continuando ad andare a scuola, riportando anche buoni risultati. Tramite dialoghi e semplici fatti di vita quotidiana, l’autore mostra, spiega e analizza la condizione dei negri sottomessi dai bianchi, sfruttati e trattati come cani. Così, Richard, assistendo con odio sempre crescente alle brutalità riservate ai “negri”, decide di spostarsi più verso nord, dove le condizioni sono migliori per le persone di colore. Per guadagnarsi più velocemente i soldi necessari al viaggio egli ruba. Arrivato a Memphis si sistema subito in un piccolo alloggio di proprietà di una donna mulatta, la signora Moss. [credo ti interessi da qui:]

    Quest’ultima lo aiuta molto e cerca anche di fargli piacere la figlia, perché si accorge della prontezza e dell’intelligenza del ragazzo. Trovato lavoro in un laboratorio di occhiali, con l’appoggio del suo datore, un uomo bianco proveniente dal nord, egli riesce a guadagnare abbastanza denaro da far venire a vivere con lui anche la madre, il fratello e la zia. Richard decide infine di recarsi a nord, di costruirsi una nuova vita e di mettere su famiglia: “Con occhi attenti e con cicatrici visibili e non, mi diressi a nord, pieno di una oscura nozione che la vita poteva essere vissuta con dignità, che l’altrui personalità non deve essere violata, che gli uomini debbono essere in grado di guardare in faccia gli altri senza timore o vergogna, e che se gli uomini sono fortunati nella loro vita in terra possono trovare qualche riscattante significato per aver lottato e sofferto quaggiù, sotto le stelle”.

    ho trovato solo qst...ciao ^.^

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Caratteristiche tecniche

    EAN: 9788806185183

    Tipologia del prodotto: Libro in brossura

    Categoria commerciale: tascabile

    Autore: Richard Wright

    Traduttore: B. Fonzi

    Numero totale di pagine: 324

    Alice Classification: LETTERATURE STRANIERE: TESTI

    Editore: Einaudi

    Data di pubblicazione: 2006

    Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati

    Descrizione del fabbricante del prodotto

    Un racconto aggrappato alla realtà, "vissuto alla giornata": la lenta maturazione d'un giovane solo e arrabbiato, avido di conoscere, affamato di parole e di libri. Ragazzo negro, quasi un romanzo di formazione, è l'autobiografia simbolica di Richard Wright, scrittore negro nativo del Mississippi, dapprima sguattero, spazzino, spalatore, poi impiegato alle poste, agente di assicurazioni, disoccupato, infine narratore di brevi racconti pagati pochi dollari a cartella. L'esperienza di vivere nelle cose, scoprire le parole come arma di liberazione: il coraggio di progettare la propria esistenza proiettandola verso il viaggio dell'utopia come scelta d'una fuga che non è più passiva sconfitta.

    è questo? se no ,buona fortuna

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.