La segregazione sessuale incentiva l'omosessualità?

Io considero la sessualità di ogni persona unica, nel senso che credo che una persona nasca in linea di massima etero/omosessuale/bisessuale ma, poi, ognuno possa andare alla ricerca del piacere sessuale un po' come gli va e come gli capita.

Secondo voi è giusto dire che la segregazione sessuale a cui siamo tutti soggetti fin da piccoli (fiocchi di colore diverso, i maschi giocano coi maschi e le femmine con le femmine, giochi diversi, classi separate, spogliatoi separati, bagni separati, sorprese separate nelle uova di pasqua...) può favorire la scoperta dell'omosessualità (dove c'è) o far nascere quantomeno una leggera bisessualità?

7 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    C'è un po di confusione. Se per "segregazione sessuale" intendi cinquanta uomini chiusi in una situazione nella quale vedono solo uomini e non hanno contatti di nessun tipo con donne questo può incentivare l'omosessualità. La risposta quindi sarebbe: SI. Questo succedeva ad esempio nei collegi maschili o femminili,dove per tutti gli anni della pubertà e dei primi istinti sessuali,i ragazzi erano reclusi con soli maschi e le ragazze con sole femmine. Questo non vuol dire che sono diventati gay o lesbiche,ma che sicuramente si instauravano rapporti tra di loro sul filo del rasoio di amore e amicizia. Sicuramente,nel caso dei maschi aumentavano i fenomeni di "cameratismo" maschile a componente omosessuale,tra cui la masturbazione di gruppo ad esempio,cosa che bene o male abbiamo provato in tanti ad esempio negli Scout ecc. Questo ripeto,non vuol dire essere gay o meno,vuol dire avere comportamenti sessuali in modo generico con persone dello stesso sesso. E' la stessa ragione per la quale ai giovani chiamati per il militare obbligatorio,veniva somministrata una sostanza inibente il desiderio sessuale,appena arrivati in caserma e spesso mischiata con cibo. Ovviamente per evitare che la sera,le camerate si trasformassero,soprattutto dopo mesi di astinenza,in circoli masturbatori.

    Invece per quanto riguarda le cose di cui parli tu,cioè la "separazione" tra i sessi non incentiva l'omosessualità;semai il contrario: avendo come esempio altre figure maschili,il bambino viene orientato più verso l'eterosessualità. Per chiarire,l'età in cui i bambini giocano con i bambini e le bambine con le bambine,viene definita in psicologia "Età omosessuale",ed è fondamentale per lo sviluppo di un'identità sessuale corretta (uomo che si sente uomo e donna che si sente donna) e per un orientamento eterosessuale,appunto perché gli altri del nostro stesso sesso fungono per noi da esempio. Io ad esempio non ebbi un'età omosessuale vera da piccolo e quindi sono omosessuale ora. Giocavo per intenderci con le bambine,con le Barbie ecc.... infatti prendendo loro come esempio ho anche "imparato" ad avere attrazione per gli uomini.

  • .
    Lv 6
    1 decennio fa

    Ma guarda che i motivi per cui i maschi giocano coi maschi e le femmine con le femmine è perché sono i bambini stessi ad andare in tal direzione. E io giocavo con le femmine e nessuno mi ha mai indirizzato verso i maschi. Nessuno impedisce ai bambini di giocare coi giocattoli che preferiscono. Tutto il tuo discorso è senza senso. E i bagni/spogliatoi... Ma perché dovrebbero essere unisex? xD Ma per favore...

    Fonte/i: Desiré O_O Ma sei fuori di testa?
  • 1 decennio fa

    No, come l' hai posta tu no. Però credo che i naturalemente bisex sono molti di più e che la segregazione, o meglio la categorizzazione netta cui la ns società ci pone, costringa a scegliere un ruolo. O sei etero. O sei gay. E l' ultima scelta spesso "costringe" anche al doversi comportare come le macchiette che ci propina la tv..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    no.

    per segregazione sessuale tu intendi molte cose, in realtà c'è quella che viene dall'esterno (es. i vestiti e i giocattoli comprati dai genitori, così come le norme sociali..) e quella che viene dall'interno (i bambini nel corso dello sviluppo sperimentano una fase in cui per fattori interni scelgono di giocare coi compagni dello stesso sesso!).

    cmq ripeto: no.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    secondo me no

  • secondo me incentiva la capacità di relazionarsi e di stare nella società una cosa del genre che di comnseguenza incentiva altre cose ma di sicuro nn la sessualità...la sessualità è una cosa innata dunque nn credo che appartenga allo stile di vita che una persona percorre...poi ci possono essere delle cose perosnali come delle fantasie sessuale che variano a seconda dell'individuo ma in linea di massima a tutti piacciono o le donne o gli uomini....allora tarzan nn si sarebbe innamorato di Jane ma di cita o di altri animali della giungla nn credi? XD

    Fonte/i: Naturalmente quella di Tarzan è una battuta
  • Liɐ
    Lv 6
    1 decennio fa

    per me la segregazione sessuale non è data da un fiocco rosa nè da spogliatoi separati.

    quindi no. assolutamente no.

    leggera bisessualità.... leggera in che senso? .... 0_0'

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.