Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneScuole primarie e secondarie · 1 decennio fa

urgentissimo....ricerca o tesina pronta su stati uniti....10 punti assicurati?

ps. GRAZIE MILLE.........RISPONDETE IN FRETTA

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    STATI UNITI D’AMERICA

    (United States of America, U.S.A.) Stato dell'America Settentrionale, che occupa quasi metà della superficie del subcontinente, tra il Canada a Nord e il Messico a Sud; politicamente include altre due vaste regioni, l'Alaska (estremità nord-occid. del Canada, affacciata al Mar Glaciale Artico) e l'arcipelago delle Hawaii, in Oceania.

    Il territorio continentale a Sud del confine canadese ha una duplice apertura oceanica, essendo bagnato ad Est dall'Oceano Atlantico, ad Ovest dal Pacifico; verso Sud è delimitato dalle coste del Golfo del Messico e dal confine col Messico, che per un lungo tratto corrisponde al corso del Rio Grande.

    Gli U.S.A. formano una delle più estese unità politiche del globo, ma soprattutto dal punto di vista della potenza economica e dello sviluppo industriale hanno una posizione egemonica.

    IL TERRITORIO E LE GRANDI UNITÀ REGIONALI

    Il territorio statunitense trae i suoi elementi fondamentali dai grandi complessi strutturali dell'America Settentrionale; generalmente orientati in senso meridiano, essi sono, da Est ad Ovest, il sistema degli Appalachi, le Pianure Centrali, la cordigliera delle Montagne Rocciose con gli altopiani connessi e le catene costiere prospicienti l'Oceano Pacifico.

    Tutta la sezione orient. degli U.S.A. è dominata dalla presenza degli Appalachi, monti di altitudine modesta in quanto di antiche origini e dunque lungamente erosi dagli agenti esogeni. Le Pianure Centrali si presentano come una successione di ripiani degradanti che diventano, pian piano, piatte e infine paludose. Il sistema montuoso delle Montagne Rocciose è formato da rilievi giovani, con versanti scoscesi e taglienti e cime piuttosto elevate (quella più alta è il monte Mc Kinley, in Alaska). I tre principali altopiani inclusi nel territorio statunitense sono quelli detti del Columbia e del Colorado, dal nome dei fiumi che li solcano, e il Gran Bacino.

    L'ultimo grande elemento strutturale del territorio statunitense è rappresentato dalle catene costiere che dominano la facciata del Pacifico; sviluppate dall'Alaska al Messico, rappresentano forse l'elemento morfologico più straordinario dell'America Settentrionale.

    ECONOMIA

    Gli U.S.A. sono la massima potenza del mondo occidentale. Due sono stati i fattori determinanti: la piena disponibilità di uno spazio esteso e ricchissimo di risorse naturali e l'afflusso da ogni parte del mondo di decine e decine di milioni di individui che hanno popolato tali vastissimi territori,

    conquistando sempre nuove terre e nuove risorse.

    ECONOMIA: LA GEOGRAFIA PRODUTTIVA, LE ATTIVITA’ DELLE DIVERSE AREE GEOGRAFICHE

    Dal punto di vista produttivo gli U.S.A. sono divisi in zone, dette belt, cioè fasce. Ogni fascia si caratterizza rispetto alle altre in quanto dedicata ad una precisa attività produttiva.

    Il Nord-est è tradizionalmente occupato dalla Manufacturing Belt, cioè l’area industriale. Attorno ai Grandi Laghi si trova la Dairy Belt, la fascia lattiero-casearia che ha il compito di fornire i prodotti alimentari alle metropoli che si affacciano sull’Atlantico. Nel Kentucky è tuttora presente la Tobacco Belt, cioè le coltivazioni di tabacco. In Texas si trova la Sun Belt (la fascia del sole), dove si produce frutta subtropicale. Nelle pianure centrali trovano posto la Corn Soy Belt, la fascia del mais, della soia, delle colture foraggiere i dell’allevamento.

    ECONOMIA: L’INDUSTRIA

    Un notevole posto nell’economia nordamericana occupa l’industria che negli USA ha raggiunto i più alti livelli mondiali. Il Nordamerica rimane l’area più industrializzata del mondo, comprendendo i maggiori complessi produttivi e detenendo il primato in vari settori, soprattutto in quelli a più elevata tecnologia, il cui sviluppo è stato favorito dai programmi spaziali e militari. Particolarmente massiccia è la presenza nel settore delle costruzioni aeree e in quello del trasporto aereo. Per quanto in regresso, anche il settore automobilistico occupa tuttora una posizione di primo piano nel panorama industriale americano.

    ECONOMIA: L’ ENORME SVILUPPO DEL TERZIARIO

    Il settore dei servizi si è modernizzato sempre di più. Nel terziario spiccano la rete di trasporti, le attività assicurative e finanziarie, le telecomunicazioni e l’industria del tempo libero (musica,

    cinema e turismo.

    Lo sviluppo della rete di comunicazione è sempre stato determinato dalla necessità di avere a disposizione i mezzi più rapidi: si spiega così lo scarso sviluppo della rete stradale, che è sempre stata in subordine rispetto alle linee di navigazione interna, alla linea ferroviaria (ca. dieci linee transcontinentali) e negli ultimi decenni alla navigazione aerea.

    LA POPOLAZIONE, LE CITTA’ E LA SOCIETA’

    Gli Stati Uniti sono una Repubblica Federale composta da 50 Stati, più un distretto dove sorge la capitale Washington. La popolazione statunitense non è numericamente molto elevata ma essa gode in generale di condizioni di vita privilegiate. In quanto grande potenza, gl

  • 1 decennio fa

    se stai cercando una ricerca ecco qua:

    Gli Stati Uniti d'America, comunemente abbreviati in Stati Uniti (o States), anche conosciuti con l'acronimo USA (United States of America), sono una repubblica federale con sistema rappresentativo dell'America settentrionale composta da 50 stati e un distretto federale. Confinano a nord con il Canada e a sud con il Messico, mentre ad est e ad ovest sono bagnati rispettivamente dall'oceano Atlantico e dall'oceano Pacifico. Le acque territoriali dell'Alaska - lo stato più vasto - confinano con la Russia (Stretto di Bering). Lo stato delle Hawaii è formato da un arcipelago localizzato nel centro dell'oceano Pacifico. Il paese possiede anche alcuni territori e zone insulari, sparsi tra il mar dei Caraibi e il Pacifico.

    Con una superficie di oltre 9,83 milioni di km² e con più di 300 milioni di abitanti, gli Stati Uniti sono il quarto paese più esteso al mondo, e il terzo più popolato. Gli Stati Uniti sono uno dei paesi con la maggior diversità etnica e la sua multiculturalità è il prodotto di un'immigrazione su larga scala dai più svariati paesi dei diversi continenti.[3] L'economia statunitense è la più grande del mondo, con una stima del prodotto interno lordo (PIL) nel 2008 di 14.300 miliardi di $ (che rappresenta il 23% del totale mondiale basato sul PIL nominale e quasi il 21% del PIL calcolato a parità di potere d'acquisto).[2][4]

    La federazione è stata fondata da tredici colonie del Regno Unito situate lungo la costa atlantica. Il 4 luglio 1776, con la Dichiarazione di indipendenza, hanno proclamato la loro indipendenza dalla Gran Bretagna. Gli stati si ribellarono e sconfissero i britannici nella guerra di indipendenza americana, prima grande colonia a rivoltarsi con successo contro le leggi coloniali.[5] Una Convenzione Federale (Convenzione di Filadelfia) adottò l'attuale Costituzione degli Stati Uniti d'America il 17 settembre 1787; con la ratifica, l'anno successivo nasceva una repubblica con un forte governo centrale. La Carta dei Diritti, che comprendeva dieci emendamenti costituzionali per garantire molti diritti civili fondamentali e libertà, venne ratificata nel 1791.

    Nel corso del XIX secolo gli Stati Uniti acquisirono nuovi territori da Francia, Spagna, Regno Unito, Messico e Russia, annettendo la Repubblica del Texas e la Repubblica di Hawaii. Le controversie tra il Sud agrario e il Nord industriale sull'affermazione dei diritti e l'espansione dell'istituzione della schiavitù provocarono la guerra di secessione americana del 1861. Il Nord impedì una scissione del paese e portò la fine della schiavitù legale negli Stati Uniti. La guerra ispano-americana e la prima guerra mondiale confermarono lo status di potenza militare. Nel 1945 gli Stati Uniti emersero dalla seconda guerra mondiale come il primo paese dotato di armi nucleari, membro permanente del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, e un membro fondatore della NATO. La fine della guerra fredda, e il conseguente crollo dell'Unione Sovietica, lasciarono gli Stati Uniti come unica superpotenza. Ad oggi gli accademici stanno discutendo se gli Usa stiano perdendo od abbiano già perso lo status di superpotenza in un mondo multipolare.Le popolazioni indigene del continente americano, tra cui i nativi dell'Alaska, migrarono dall'Asia in una data variabile, a secondo della ricerca, tra i 12.000 e i 40.000 anni fa.[9] Alcune civiltà precolombiane svilupparono un'avanzata agricoltura, una grande architettura, ed un alto livello di società. Nel 1492, l'esploratore genovese Cristoforo Colombo, sotto la corona spagnola, raggiunse diverse isole dei Caraibi, contribuendo al primo contatto dell'uomo bianco con le popolazioni indigene. Milioni di indigeni americani morirono in seguito a causa delle epidemie portate dagli europei.[10]

    La Mayflower con i Padri Pellegrini nel 1620.Il 2 aprile 1513 il conquistatore spagnolo Juan Ponce de León sbarcò in una regione che chiamò "La Florida", il primo contatto europeo documentato su quello che sarebbero diventati gli Stati Uniti. Degli insediamenti spagnoli nella regione, rimane solo St. Augustine, fondata nel 1565. Altri insediamenti spagnoli vennero creati nell'odierno sud degli Stati Uniti, attirando migliaia di persone attraverso il Messico. I commercianti di pellicce francesi stabilirono avamposti nella Nuova Francia nella regione dei Grandi Laghi; successivamente la Francia si impadronì di gran parte del Nord America, penetrando fino al Golfo del Messico. La prima colonia inglese di una certa entità fu Jamestown, Virginia, fondata nel 1607. Nel 1628 venne fondata la Massachusetts Bay Colony da parte dei Puritani che portò ad un'ondata migratoria; nel 1634 nella Nuova Inghilterra erano insediati circa 10.000 Puritani. Tra la fine degli anni '10 del 1600 e la Rivoluzione Americana, vennero spediti circa 50.000 detenuti nelle colonie americane britanniche.[11] Nel 1614 venne fondato un insediamento olandese lungo il fiume Hudson inferiore, includendo New Ams

  • 1 decennio fa

    Anch'io la sto facendo >__<

    Geografia: Stati uniti

    Scienze: Effetto serra

    Storia: Discriminazione razziale negli Stati Uniti

    Inglese: Martin Luther King

    Letteratura: I have a dream

    Tecnica: Centrale elettronucleare

    Fisica: Football americano

    Musica: Bob Marley

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.