Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Mi taglio ... ç_ç ... aiuto...?

Ragazzi,state per leggere una cosa un po scioccante,quindi per favore,evitate le critiche,ci sto DAVVERO male :(((

Ho 15 anni.La mia famiglia fa schifo,un padre stro*** che non gliene è fregato MAI niente di me,una madre che farebbe di tutto per vedermi felice e che mi vuole bene...e un fratello ingenuo. Non c'è lavoro,i miei sono separati da quando ero neonata. Vivo con mia madre e mio fratello. Io non so più cosa fare! Non so come spiegare ç_çç_çç_ç...sto piangendo e ho paura....Ieri è c'è stata una litigata con mia madre e mio fratello che ha fatto scoppiare tutto quello che ho sempre tenuto dentro.

Ho tantissimi amici che mi vogliono bene,ma in famiglia le cose vanno sempre più giu. Non posso spiegare proprio tutto,però è successo che dopo la litigata di ieri,mi sono messa a piangere veramente tanto tanto e anche molto forte. Mi stavo sentendo in colpa per tutto,mi sentivo cattiva,non ce la faccio più a vivere,volevo scappare............continuavo a piangere e piangere e piangere! Non so,stavo pensando a cose di cui ho sempre avuto paura e che non avrei MAI fatto! Mi sentivo una rabbia incontrollabile dentro di me che cresceva e mi diceva di uccidermi! Non riuscivo più a stare calma,allora sono andata in bagno mi sono chiusa e ho preso delle forbici molto taglienti..............si,mi sono letteralmente scorticata il braccio,continuavo a graffiare con le forbici e non riuscivo a fermarmi,mi sentivo sempre più in colpa e arrabbiata!Così continuavo,fino a quando avevo tutto sangue che mi colava....cosi ho cominciato ad urlare,sembravo un mostro,mia madre tentava di entrare ma non le aprivo,poi le ho aperto mentre continuavo ad urlare e sie lei che mio fratello appena mi hanno vista si sono messi a piangere,e ad abbracciarmi e urlavano anche loro perchè erano terrorizzati! E lo ero anche io! Ero per terra che non riuscivo ad alzarmi,piangevo,mi strappavo i capelli,mi sentivo sempre più arrabbiata e volevo uccidermi! Mi misero sul letto,e da li sono stata circa per un ora intera a piangere,mi sono venute le convulsioni e scatti nervosi....non riuscivo a calmarmi,tremavo tutta e volevo continuare,mi sembrava di vedere qualcuno che ce l'aveva con me e voleva farmi del male....lo stomaco sentiva che si rimpiccoliva,le gambe erano elettriche,e sudavo tanto! Volevo calmarmi ma non riuscivo! Una parte di me mi diceva di uccidermi invece l'altra mi diceva basta! Non mi controllavo più...sembravo un mostro. Facevo delle voci strane,mi mancava il respiro a tratti.....mi sentivo il corpo troppo indolenzita per calmarmi. Avevo allucinazioni. Mia madre e mio fratello erano sconvolti.

Io non sono pazza.Non prendo farmaci e non li ho mai presi. Non ho mai pensato a cose del genere,io non voglio morire,ma qualcosa mi diceva che dovevo! Ultimamente ho avuto incubi,e mi svegliavo ogni giorno con dei crampi dolorosi! Ripeto che sto vivendo un periodo di un casino enorme! Ma mica per dei litigi con amici o ragazzi....sono cose da grandi a cui devo pensare anche io e sento di non farcela più. Adesso mi sto guardando il braccio,che è pieno di croste e cicatrici e brucia. Mi sento stupida,ma non me lo so spiegare. Io ho sempre avuto paura di tagliarmi,e non avrei mai osato farlo,non capivo quando delle ragazze dicevano che si tagliavano,...pensavo fossero malate,ma non è così! Non so se siete in grado di capire. Io sto bene! Non ho problemi psicologici ne mentali! Ma ieri ho accumulato l'intera rabbia della mia vita che non ho mai sfogato e è stata una cosa istintiva quella di tagliarmi,non ci ho pensato. Non si è malati se ci si taglia,ci sono dei problemi che spingono a farlo.

Sono a pezzi :(

Non sono voluta andare in ospedale o da qualcun'altro perchè mi avrebbero preso per pazza se avrei detto che qualcosa di cattivo mi diceva di farlo!

Non voglio rifarlo e non l'ho fatto per punirmi.Ripeto che l'ho fatto perchè mi sono sfogata.

è la prima volta che succede in tutta la mia vita,che penso in questo modo,che mi sento così strana.

Avevo paura di tagliarmi,ma l'ho fatto.Ho paura di morire,......

Vi prego,non siate cattivi.Grazie

11 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Em... ciao... la tua è una storia interessante... comincio col dirti che credo di aver capito che intendi con i tuoi problemi... se vuoi ti racconto un pò di me... e poi confrontiamo un pò.... allora... anche i miei sn separati... da anni... e ciliegina sulla torta prp ieri mio padre ha kiesto il divorzio... quello stro... si vuole sposare... immaginati la faccia mia e di mio fratello di 8 anni -.-'

    inutile dirti che mia madre continua a soffrirci come un cane...

    lavoro non ce n'è... non ce n'è mai stato.... io ormai non esco neanche più il sabato... non ne ho voglia.... sono diventata un pò apatica alla società....

    spero di cambiare questo mio umore xò.... xk mi sono stufata anche di me stessa....

    Nella mia famiglia sai quante persone si sono separate e o divorziate? vuoi prp saperlo? 12 coppie o.O e sai questo è il motivo x cui non credo nel matrimonio.... io mi sposerò si,... sai quando? nel duemilaMAI.... e poi sai,... qui... bo forse la mia famiglia è sfortunata... o forse sfortunata lo sono proprio io...nel giro di 3 anni ho perso 5 persone a me carissime... che son volate in cielo... la morte.... uno dei problemi più grandi della vita... l'unica cosa k vince sulla felicità e sull'amore... LA MORTE -.-'

    Tornando al punto dei tagli... io lo feci una volta.... era un periodo molto duro x me... (bèè... ogni giorno x me è duro... devo affrontare tutti quei problemi che i miei coetanei non affrontano... io invece ho tutte le responsabilità di un adulto... xò non ne ho i diritti e le possibilità stesse... solo i doveri uguali.) Bè... un giorno non so... dopo una litigata orribile... con mia madre in cui quasi quasi ci prendevamo a pugni.... mi chiusi in camera... e presi il rasoio... bo... non so xk lo feci.... quella grande stupidaggine! x cui porto ancora i segni... e non rifarei mai più nella vita... ma in fondo mi è servito.... sai a cosa? da lì.... da quel giorno in cui avevo solo 12 anni.... ho capito cosa era la vita.... che cos'è il dolore fisico... il dolore emotivo... il dolore punto.... ho capito che cos'è la realtà.... la società... da allora ho fatto caso a tutto.. tutto ciò che mi circonda.... cercando sempre di non entrare troppo nei fatti altrui... x il fatto che sono molto emotiva e qualsiasi cosa ingiusta mi prende nel profondo anche se non riguarda me... come questo tuo post.... mi ha preso nel profondo... anche se non so chi sei....

    La vita... la vita è questa... è il mondo.... molte volte ti troverai in situazioni più grandi di te.... che ti procureranno tanto dolore... ma è la realtà... bisogna andare avanti... bisogna sapere che è la realtà... che le cose in famiglia spesso saranno dure... ma è la tua famiglia... e sono le UNICHE e ricordaaa le UNICHE che qualsiasi cosa tu faccia QUALSIASI ti saranno vicine.... ricordatelo... xk magari ora può sembrarti stupido... ma fra 20 anni.... quando la tua vita sarà stupenda... oppure sarà uno schifo.... loro saranno con te comunque! a prescindere da ciò che fai! ed è questa l'unica cosa che ti importerà....

    Non tagliarti... capisco... capisco che ci si libera.... te l'ho detto... una volta l'ho fatto anche io....

    capisco che tutti i problemi che hanno i tuoi coetanei come il ragazzetto che li lascia o stupidate varie possono non essere niente in confronto ai tuoi problemi... ma tu sii forte... sempre... resisti... persisti....

    Non dare agli altri la soddisfazione di vederti cedere.... mostra un sorriso.... dimostra che sei forte... che anche se le hai passate tutte sei ancora in piedi! dimostra chi sei!

    Non so se ti farà riflettere quest'altra cosa che ti dico... io sono più piccola di te.... e sono capace di sopportare tante di quelle cose che tu neanche immagini.... che i miei coetanei neanche li passa per l'anticamera del cervello....

    Bé se una tredicenne ti ha scritto tutte queste cose.... davvero con il cuore... cercandoti di dimostrare che la realtà è così... e lo sarà per sempre... ma se vogliamo non è la realtà che ci fot*e ma siamo noi a fot*ere lei pensi che magari potrai fermarti ogni tanto a riflettere su una di queste piccole cose che ti ho detto?

    Stai bene ^_^ dimostra alla vita chi sei :)

    Fonte/i: me :)
  • 1 decennio fa

    Tranquilla è solo un periodo e ti assicuro che poi passa, appena il tuo cervello arriva a capire che non è quello il modo per far uscire il dolore vedrai che non succederà più. Come dice "colochan" non tenere tutto dentro, cerca di rompere il dolore che hai e sfogarlo piano piano, magari ora con il bel tempo comincia a fare un pò di attività tipo qualche passeggiata.

    S

  • Anonimo
    1 decennio fa

    il mio consiglio e non tenerti mai la rabbia dentro, sfogala piangendo, parlandone con qualcuno, urlando, picchiando un muro... se tieni tutto dentro poi arriva all'orlo e scoppia, e ti succede una crisi isterica come quella che hai raccontato... la vita è dura e se non ti sfoghi e tieni tutto dentro poi scoppi...

  • Anonimo
    4 anni fa

    in step with un momento ho pensato che stessi cambiando sponda, ora non riesco a smettere di ridere!!! Sei troppo good factor! :) Cmq il fatto è che ogni character è unica, quindi se una tonalità di smalto sta bene advert una tua amica non significa che stia bene anche a te, ognuno ha il suo modo di essere e il suo stile, una felpa potrebbe stare benissimo a te e malissimo advert un'altra, si tratta anche di forma fisica e in step with il taglio di capelli è la stessa identica cosa, dipende tutto dalla forma del viso.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Pazza???noo assolutamente no! ti comprendo anche io quando succedono cose simili faccio cose assurde o tento di farne! Una volta dopo un litigio furioso stavo davvero per buttarmi di sotto!! Oppure durante una lite con mio fratello lo stavo per accoltellare!!! Eppure io come te stò benissimo a scuola ho il massimo dei voti e tante amiche! Ma anche la mia famiglia non è che sia delle peggiori ma ci sono quei momenti nei quali accumuli tanta tantaaa rabbia, dolore tutto il male lo assorbi tu ! Io ormai se la cosa non mi riguarda cambio stanza e faccio altro a costo di sembrare menefreghista, anche se poi piango nel letto, se invece la discussione mi riguarda + da vicino urlo come una matta , mi sfogo csì e poi vado subito a dormire ! a me funziona inftt quando mi sveglio stò meglio, cmq per evitare di farti del male la pross volta ricla la rabbia tipo se sono arrabbiata lo scrivo in una poesia o cmq lo scrivo o lo potresti rappresentare disegnando , urlando nel cuscino, facendoti una passeggiata (snz fare cs stupide) magari kiamando un amika ke conosce la situazione ed è pronta a correre da te! Le soluzioni sono tante e io le applico sempre perchè nemmen io voglio morire anche se quando mi capitano certe cs la sensazione è quella! TRANQUILLAAA ^_^ sono con te =)))) in bocca al lupoo kissss PACE!

  • 1 decennio fa

    Oh mamma, mi dispiace molto. Non so se ci crederai, ma mi è scesa una lacrima da un occhio..

    Dicendo la verità non so cosa dirti, perché non mi trovo nella tua situazione, e sappiamo bene che è facile parlare se non viviamo la cosa!

    Io direi di non fare così comunque, anche se la tua testa ti dice di farlo.

    Cerca di stare tranquilla.. lo so che non ti sto aiutando per niente, ma vorrei incoraggiarti.

    Non tagliarti mai più, perchè non concludi niente! Ti fai male e basta! E fai soffrire anche tua madre e tuo fratello! Io davvero non so cosa dirti, di certo non ti prendo per pazza, perchè ho fatto qualcosa del genere, ma meeenograve di questa.. se tua madre e tuo fratello ti hanno perdonata (e credo lo abbiano fatto) non sentirti in colpa, in momenti di rabbia tutti dicono ciò che non vorrebbero dire, ma che a volte è vero..

    Per il lavoro che non c'è non so che dirti, mi dispiace.. =(

    Cerca di non pensare alle assurdità che ti passano per la testa (tagliarti, per esempio) e pensa che comunque hai una mamma e un fratello che ti vogliono bene.. per il resto non so che dirti, mi dispiace.. So che non ho concluso niente, era solo un consiglio.. spero che i tuoi trovino presto lavoro.. ciao

  • 1 decennio fa

    hai avuto uno scatto nervoso di rabbia

    calmati

    chiedi aiuto perché non si ripeta piu': hai bisogno di qualcuno che ti ascolti e guidi

    se anche avessi bisogno di farmaci calmanti o antidepressivi non vuol dire che sei pazza!!!

    vai alla tua ausl: ci sono medici psichiatri e psicologi che ti ascoltano. paghi solo il ticket senza passare dal tuo medico di base.

    vacci come ho fatto io!!!

    poi mettiti sotto la guida di un padre spirituale di qualsiasi religione: se sei cattolica ti dico vai da un sacerdote magari esorcista (non scherzo!!!) E FATTI DARE UN ABENEDIZIONE SPECIALE: non sei indiavolata, ma queste benedizioni ci proteggono molto !!!

    io l'ho fatto.

    ciao

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ora chiediti: date le poche informazioni su tuo padre, se ti avesse visto in quello stato, cosa avrebbe fatto/pensato?

    Te lo chiedo per farti riflettere: sei sicura che a tuo padre non gliene frega niente di te?

    Se fosse così, allora LUI è il pazzo, perché una figlia DEVE essere tutto per un padre, altrimenti che padre sarebbe?

    Il tuo sfogo non è pazzia, ma esaurimento (la parola ci sta se cerchi nel dizionario)!

    Non puoi continuare a tenerti tutto dentro, altrimenti scatti come quelli (e non le forbici, non le allucinazioni, neppure i dolori; ma io sto parlando di tutto l’insieme di queste cose) saranno sempre più frequenti e più pericolosi.

    Le soluzioni possibili non sono molte purtroppo:

    • O ti affidi, tra tutti gli amici che hai, a uno in particolare del quale ti “fidi particolarmente”. E ciò che hai dentro lo tiri fuori con il suo aiuto, senza danni fisici e mentali;

    • Oppure la miglior scelta è uno di quegli psicologi che prendono il lavoro seriamente.

    È sbagliato pensare che lo psicologo sia per pazzi: egli aiuta le persone, interpreta le loro parole, e cerca di capire il problema cercando pure di trovare una soluzione.

    Non posso riuscire a capirti, certo mi davo pugni in faccia quando non mi connetteva a internet, ma i tuoi problemi sono molto pesanti, e poche persone saprebbero sopportarli!

    Sii una donna forte; Abbi la forza di andare avanti; e Ti auguro molta fortuna, perché di essa ne avrai davvero bisogno!!

    Un’ultima cosa: tuo fratello sarà ingenuo, ma ti vuole bene; te lo assicuro!

  • Clunga
    Lv 4
    1 decennio fa

    credo che in fondo all'animo, tu abbia capito che lo sfogo ti abbia fatto bene, ma certamente quella non è la maniera! ( anche perché se continua, perderai credibilità ed ascolto.

    Hai pure capito che chiedevi anche un poco di attenzione. Provo a suggerirti vari rimedi, partendo dal più blando , ma praticabile adesso, fino all'estremo, che non credo attenga al caso tuo.

    1) L' aggressività diminuisce notevolmente con la fatica. A sere alterne, senza saltarne una, tu mangi carboidrati alle 7 e alle 9 incominci a correre , prefiggendoti una meta, che aumenti piani piano.Corri dove ti senti sicura, può essere anche intorno al tuo isolato, basta che tu raggiunga la doccia a mala pena, ti fai la doccia sfinita e vai a dormire entro le 10,30- Tanto sonno.

    2) Fai lunghe conversazioni con tua madre e tuo fratello. Se ti interrompono, prendi tastiera e pc e scrivi lettere da lasciare sotto il loro cuscino in modo da iniziare un dialogo sano.

    3) Eviti preti, tranne che non ti diano sollievo e allora li frequenti quanto ti pare.

    4) Se hai fatto 1 - 2 - 3 e non risolvi, vai dallo psicologo EVITI ASSOLUTAMENTE LO PSICHIATRA, ti ci manderà lo psicologo se fosse il caso e deciderà da quale tu debba andare.

    Se 1 2 3 non li accetti o non li fai seriamente, passa assolutamente al 4, ma.. sarà più dura.

    Auguri

  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa

    io la faccio un po' semplice perchè non è il posto migliore per parlare di queste cose e quindi non so se mi spiegherò bene....io sono dell'idea che la separazione dei genitori sia il peggior trauma che un bambino possa subire...se capita bisogna andare avanti e non fermarsi (anche se sembro cinica è così)...

    in questo periodo i problemi economici sono una grave piaga, l'unica cosa che puoi fare tu è aiutare con i lavori domestici e se hai voglia puoi aiutare a casa con qualche lavoretto extra..

    da quello che ho capito mamma e fratello ti vogliono bene quindi stagli vicino...

    tuo fratello può essere ingenuo come modo per difendersi dalle paure che sicuramente ha anche lui...ti consoglio di coltivare la relazione con tuo fratello in due è più facile affrontare le siutuazioni...in più penso che tuo fratello sia più piccolo di te quindi cerca di stargli vicono e proteggerlo, vedrai che così aiuterai anche te stessa...

    per i tagli, in quel momento eri sconvolta, e hai perso il controllo...non aspettarti che ti dica che hai fatto bene...anzi, hai fatto proprio una caz*ata....

    è vero che non sei in una bella situazione e per questo devi cresciere più in fretta, ma non pensare mica di essere l'unica....se ti succede ancora prendi una canzone che ti piace, mettila sullo stereo e falla pompare al massimo, elimina tutti i suoni da te, lascia che la canzone ti arrivi al cuore e piangi più che puoi....

    la senzazione di rabbia la puoi sfogare anche senza tagliarti, in questa società tagliarsi per la rabbia o paura è normale, quindi penso che buona parte della tua reazione sia dovuta all'influsso dei media...

    trova un modo tuo per sfogarti, se sai suonare suona, picchia la mano contro un muro con il dorso (con questo metodo ritorni alla realtà subito se eri sotto shock), ascolta musica, fai una corsa, quello che vuoi basta che non ti tagli più che dopo diventa un'abitudine...

    e stai tranquilla che se quardi il mondo con nuovi occhi non è così male, e cerca di ritrovare la speranza e la gioia di vivere...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.