...urgentissimo.... ricerca o tesina già pronta su colonialismo negli stati uniti?

p.s. (spagnoli e portoghesi) rix in tanti....e da non dimenticare....10 punti a ki rix bene e velocemente

2 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Migliore risposta

    Colonialismo Termine con cui si designa la politica di conquista di territori d’oltremare e risorse (materiali e umane) attuata dalle potenze europee a partire dal XV secolo. Indica inoltre l’insieme dei principi a sostegno di tale politica e, infine, l’organizzazione del sistema di dominio.

    Lo sviluppo del colonialismo può essere distinto in due fasi: una prima, che parte dal XV secolo per giungere fino alla metà del XIX secolo; una seconda, che parte dagli ultimi decenni del XIX secolo e termina a metà degli anni Settanta del Novecento con il crollo del sistema coloniale portoghese. Il colonialismo si sviluppò a partire dal Quattrocento, a seguito delle esplorazioni geografiche, e coinvolse soprattutto i territori asiatici e americani, fondando in Africa, in un primo tempo, solo delle stazioni commerciali (per l’approvvigionamento di oro, avorio e schiavi) e portuali, di supporto per le spedizioni marittime verso l’Asia. Nella prima fase, l’Europa occidentale, guidata da Spagna e Portogallo, attuò una politica espansionistica nelle Indie Orientali e in America centrale e meridionale. Nella seconda fase, la Gran Bretagna e la Francia guidarono l’espansione europea in America settentrionale, Asia, Africa e nell’oceano Pacifico. I portoghesi, grazie alla stabilità politica interna, alla favorevole posizione geografica e alle esplorazioni marittime, verso la fine del XV secolo furono i primi ad avventurarsi oltre il capo di Buona Speranza. Interessati principalmente al controllo del commercio delle spezie, crearono stazioni commerciali e piazzeforti. Verso la fine del XVI secolo il predominio portoghese fu però minacciato da inglesi e olandesi, che stabilirono una fitta rete di scambi commerciali (vedi Compagnie commerciali privilegiate).

    Agli inizi del XIX secolo il sistema di stazioni commerciali si era trasformato in un controllo politico del territorio, che, amministrato inizialmente tramite le Compagnie, passò in seguito sotto il diretto controllo degli stati europei. Nell’Ottocento gli olandesi controllavano Giava, Sumatra, le Molucche e il Borneo meridionale; gli inglesi controllavano l’India, l’Australia, le Maldive, le Seychelles, la Tasmania e Ceylon (l’attuale Sri Lanka), tolta agli olandesi; i francesi controllavano il Sud-Est asiatico, fuso in un’unica colonia denominata Indocina francese. Diversi sono i motivi che portarono alla colonizzazione delle Americhe: l’ansia di esplorare e conquistare nuovi territori sui quali estendere il proprio dominio; il desiderio di accrescere la potenza personale, dinastica e statale appropriandosi delle risorse naturali e dei metalli preziosi di cui si favoleggiava esistessero sterminati giacimenti (il famoso Eldorado spagnolo); infine, la ricerca della libertà dalle persecuzioni religiose che devastavano il Vecchio Continente. Grazie a massicci flussi migratori, la colonizzazione stanziale presto finì per prevalere su quella temporanea, basata sugli empori costieri e, una volta istituite, le colonie furono soggette a rapporti commerciali esclusivi con le rispettive madrepatrie in Europa.

    L’impero spagnolo fu il più vasto del Nuovo Mondo, estendendosi sulla maggior parte dell’America centrale e meridionale; i portoghesi si stabilirono in Brasile (vedi Trattato di Tordesillas). Inglesi e francesi si insediarono prevalentemente nell’America del Nord; gli olandesi occuparono piccole aree nell’America del Sud.

  • 10 anni fa

    questa è una tesina... nn so se ti può andare bene.....

    allora:

    LETTERATURA: il decadentismo

    GEOGRAFIA=India

    STORIA=impero coloniale dell '800

    TECNICA=il carbone o il petrolio

    MUSICA: se in letteratura ti colleghi con un poeta/autore dell'800 e aderente al Romanticismo, ti consiglio di agganciarti col Romanticismo anche in Musica, con Chopin, ad esempio, con i suoi "Notturni".

    INGLESE: colonia india

    ED.ART: sempre a livello romantico-italiano,c'è Francesco Hayez: interessante il suo "Bacio"

    spero di esserti stata d'aiuto....

    ciaooo

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.