Anonimo
Anonimo ha chiesto in Casa e giardinoCasa e giardino - Altro · 10 anni fa

Problema Condominiale...antenna tv centralizzata?

Salve, vorrei un consiglio.

Vivo in un condominio di 7 piani e 14 appartamenti, molti dei quali non abitati, o adibiti ad uso uffici..diciamo 9 ad uso residenziale per lo piu di anziani che si accontentano dei soliti canali nazionali.

L'antenna del nostro condominio è del tipo centralizzato. Non ha mai fatto il suo pieno dovere sebbene a malapena i canali che riceveva erano una decina.

Adesso con l'avento del digitale terrestre il problema persiste. I canali, quei pochi, si vedono male...!!

Il problema è che è un'anno che tento di forzare l'amministratore nel prendere provvedimenti a riguardo, ma ogni volta sembra portarmi in carrozzella con scuse e addirittura promesse di parlarne in assemblea.

gli inquilini (anziani per la maggiore) SONO SODDISFATTI di vedere il tg e le telenovelas...

i proprietari degli appartamenti uso studio ufficio non hanno nemmeno la tv

quindi immaginate un po in che situazione di NON dialogo mi trovo

Informandomi, mi hanno detto che la riparazione/manutenzione dell'antenna centralizzata non è argomento di assemblea, visti i suoi modici costi. e tutte gli interventi vanno eseguiti e basta!!

Che metodi posso utilizzare? posso fare appello a qualche associazione per accelerare i tempi

Dopo un'anno non posso davvero piu!

1 risposta

Classificazione
  • 10 anni fa
    Migliore risposta

    Spesso quando l'Amministratore fa le orecchie da mercante basta una lettera da parte di un Legale che ricorda le mansioni dell'Amministratore: Disciplinare l’uso delle cose comuni e la prestazione dei servizi, in modo che ciascun condomino se ne possa servire al meglio e, gestire tutti i numerosi impianti di cui ormai ogni stabile moderno è fornito come ascensore, gas, luce, elettricità, riscaldamento, scarichi fognari, antenna centralizzata e talvolta anche impianti di sicurezza, antincendio, piscine, campi da tennis ecc. Deve fornire assistenza nella redazione e gestione di vari servizi quali le polizze assicurative, giardiniere, portiere ecc. ecc.

    Proponi all'ordine del giorno nella prossima assemblea il tuo problema e minaccia di prendere provvedimenti seri tipo anche di collocare una Tua antenna per il Terrestre in un qualsiasi balcone di un altro Condomino.

    Allego Sentenza di Cassazione

    Condominio, diritto di collocare nell'altrui proprietà antenne televisive

    (04/06/2009)

    Corte di Cassazione, Sez. II Civile, Sentenza del 21 aprile 2009, n. 9427

    "Con riguardo ad un edificio in condominio ed all'installazione d'apparecchi per la ricezione di programmi radio - televisivi, il diritto di collocare nell'altrui proprieta' antenne televisive, riconosciuto dalla Legge 6 maggio 1940, n. 554, articoli 1 e 3 e del Decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n. 156, articolo 231 (ora assorbiti nel Decreto Legislativo n. 259 del 2003), e' subordinato all'impossibilita' per l'utente di servizi radiotelevisivi di utilizzare spazi propri, giacche' altrimenti sarebbe ingiustificato il sacrificio imposto ai proprietari"

    Questo insegnamento fa leva sulla ragionevole considerazione che il diritto predicato dalla normativa invocata incontra il divieto di menomare il diritto di proprieta' di colui che deve consentire l'installazione su parte del proprio immobile (Cass. 5299/85), ove l'istante abbia la possibilita' di collocare un'antenna in una parte dell'immobile di proprieta' personale o condominiale.

    Il diritto vantato dal ricorrente non comprende infatti la facolta' di scegliere voluttuariamente il sito preferito per l'antenna, ma, come e' insito nei principi generali in materia di condominio, di atti emulativi e di imposizione di servitu' coattive, va coordinato con la esistenza di una effettiva esigenza di soddisfare le richieste di utenza degli inquilini o dei condomini (v. Decreto Legislativo n. 259 del 2003 articolo 91 richiamato dall'articolo 209) e quindi con il dovere della proprieta' servente di soggiacere alla pretesa del vicino solo qualora costui non possa autonomamente provvedere ai propri bisogni.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.