? ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

mi potete fare la parafrasi x favore è urgente?

Canta.o dea,l'ira del pelide Achille,rovinosa,che infiniti dolori inflissi agli Achei,gettò in preda all'ade molte vite gagliarde d'eroi,ne fece il bottino dei cani,di tutti gli uccelli-consiglio di Zeus si compiva da quando prima si divisero contendendo l'Atride signora d'eroi e Achille glorioso.Ma chi fra gli dei li fece lottare in contesa? Il figlio di Zeus e Latona;egli,irato col re,mala peste fè nascer nel campo,la gente moriva,perchè Crise l'Atride trattò malamente,il sacerdote,costui venne alle navi rapide degli Achei per liberare la figlia,con riscatto infinito,avendo tra mano e bende di Apollo che lungi saetta,intorno allo scettro d'oro,e pregava tutti gli Achei ma sopra tutto i due Atridi,ordinatori d'eserciti: "Atridi,e voi tutti,Achei schinieri robusti,a voi diano gli dei,che hanno le case d'Olimpo,d'abbattere la città di Priamo,di ben tornare in patria;e voi leberate la mia creatura,accettate il riscatto,venerando il figlio di zeus,Apollo che lungi saetta"

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    O dea, ispirami, raccontami l’ira che ha portato alla rovina di Achille pelide= figlio di Peleo, che diede agli Achei tanti dolori e fece morire (Ade= dio dei morti) molti valorosi eroi e rese il loro corpo cibo per cani e uccelli lasciati sul campo di battaglia- si compiva ciò che aveva voluto Zeus- da quando per la prima volta a causa di una lite, erano divevtati nemici Agamennone (re di Micene) e il glorioso Achille.

    ma quale dio li ha fatti lottare, il figlio di Zeus e Latona, Apollo, adirato con il re, fece nascere nel campo greco una pestilenza rovinosa, la gente moriva, perche’ l’Atride tratto’ male il sacerdote Crise.

    Costui, Crise, venne all’accampamento degli Achei, vicino alle rapide navi (epiteto), per poter liberare sua figlia, Criseide.

    Porto’ con se un riscatto consistente e portava in mano le bende (veste di sacerdote) di Apollo, che saetta da lontano (manda fulmini- epiteto).

    Attorno a sé porta le bende e lo scettro.

    Prego’ tutti gli Achei ma soprattutto i due Atridi (Agamennone, Menelao) figli di Atreo:

    - O Atridi, ma anche vioi tutti o greci, schinieri –armatura robusta, gli dei che abitano sull’olimpo vi aiutino a vincere la citta’ di Priamo (*****).

    Vi concedano di tornare in atria, ma voi in cambio liberate mia figlia, accettate il riscatto che vi porto e venerate Apollo che da lontano saetta.

  • 1 decennio fa

    Ispirami a cantare, o Musa, l'ira funesta di Achille, figlio di Peleo, che portò precocemente al regno dei morti infiniti uomini. La morte e la distruzione furono così atroci che abbandonò ai cani e agli uccelli le salme dei morti, poiché non c'era il tempo per onorarli con una degna sepoltura. Si compia così la decisione di Giove (che aveva promesso a Teti di vendicare l'offesa subita da Achille), presa da quando il divino (divo) Achille e il figlio di Atreo (Agamennone) si divisero (disgiunse) per la contesa della schiava.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Cantami, o dea, l'ira ostinata del Pelide Achille, 1 che fu tanto funesta e recò agli Achei dolori senza fine: spedì giù ad Ade in gran numero forti anime di prodi guerrieri, e i loro corpi lasciava là in balia di cani e uccellacci d'ogni sorta. Veniva così compiendosi la volontà di Zeus, 5 fin da quando si scontrarono a parole e si divisero da nemici l'Atride signore di uomini e il divino Achille. Ma chi degli dei li spinse a contrastare con violenza? Fu il figlio di Latona e di Zeus. Era lui in collera con il re supremo, e fece sorgere per il campo una pestilenza maligna, perivano via via i combattenti. 10 E la ragione fu che l'Atride non rendeva onore a Crise là sacerdote. era venuto, questi, alle celeri navi degli Achei: voleva liberare la sua figlia e si portava un infinito riscatto Con la mano reggeva le sacre bende di Apollo arciere, avvolte in cima allo scettro d'oro: e supplicava tutti gli Achei, 15 e in particolare i due Atridi, reggitori di popoli. Diceva: «Atridi, e voi altri Achei dai buoni schinieri, vi concedano gli dei che hanno le case sull'Olimpo, di distruggere la città di Priamo e di far felice ritorno in patria. Ma voi liberatemi la mia cara figlia e accettate i doni qui del riscatto, 20 per rispetto e venerazione verso il figlio di Zeus, Apollo arciere.»

    spero vada bn...

    ciao XD

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.