promotion image of download ymail app
Promoted
marco ha chiesto in SportCalcioCalcio - Altro · 1 decennio fa

k mi elenca le varie tecniche di tiro?

collo

interno

esterno ecc..

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il ruolo del calciatore è molto complesso. Quando siamo a casa comodi in poltrona e vediamo i nostri beniamini giocare ci esaltiamo per la spettacolarità dei loro colpi e sembra tutto più semplice. La realtà però è ben diversa; dietro ogni singolo gesto tecnico si racchiudono molteplici componenti.

    Colpire la palla: La più importante componente è come colpire il pallone. Innanzitutto il piede d’appoggio deve essere in linea con il pallone e la distanza tra il piede portante e la sfera deve essere tra i 15 e i 25 centimetri. Nell’eseguire il gesto tecnico bisogna avere un perfetto equilibrio sulla gamba d’appoggio rispetto quella calciante che, dopo aver colpito il pallone, deve poter continuare liberamente la sua oscillazione dietro la sfera stessa. Molto utile nel momento in cui colpisco la palla è lo sguardo fisso su di essa in modo tale da imprimere la forza nel punto centrale. Inoltre il piede deve essere orientato verso il basso nella direzione voluta e tenuto rigido. La potenza del tiro dipende dalla velocità di movimento del piede: quindi più rapido sei e più forza dai alla palla.

    Tiro in porta: nell’effettuare il tiro bisogna unire la precisione con la potenza. Maggiore è la distanza dalla porta e più potente dovrà essere il tiro. Un consiglio: al momento dell’impatto con la palla bisogna avere una visione periferica del gioco, ovvero fissare il pallone ma nello stesso tempo, con la coda dell’occhio, vedere il posizionamento del portiere e dei giocatori. Per fare un’efficace conclusione a rete è necessario:

    1. Guardare la sfera con visuale periferica durante l’impatto;

    2. Compiere un movimento rotatorio delle braccia e del bacino in modo tale da trovarsi in perfetto equilibrio;

    3. Tenere le dita del piede contratte e la punta verso il basso;

    4. Avere il ginocchio sopra la palla altrimenti si effettua un cross.

    IL TIRO DI COLLO

    Il tiro più potente che un giocatore può effettuare è quello di collo pieno. Questa tecnica generalmente viene utilizzata nelle lunghe distanze quando momentaneamente non si hanno avversari davanti. Generalmente la potenza del tiro va a discapito della precisione. Il rischio in cui si incorre maggiormente è quello di svirgolare la sfera o di colpirla troppo sotto con conseguente conclusione alta sopra la traversa. Per evitare questi errori occorre essere molto precisi al momento del contatto col pallone, quindi bisogna imprimere potenza colpendo la palla con il collo del piede nell’esatto centro (dove sono i legacci della scarpa). Il tiro di collo pieno può essere sia rasoterra che al volo. In quest’ultima ipotesi è richiesta la massima coordinazione.

    Esercizi:

    1. A coppie uno in fronte all’altro, distaccati da 5 metri, lavora quello senza palla. Bisogna colpire al volo la sfera lanciata con le mani dal compagno prima che tocchi terra. Molto importante è che l’impatto col pallone avvenga come elencato precedentemente.

    2. Tre persone si dispongono a triangolo; occorrono due palloni e lavora solamente quello situato al vertice senza pallone. Prima da un lato e poi dall’altro vengono lanciati i palloni con le mani: il ricevente passerà la palla (sempre di collo pieno) prima col destro e poi col sinistro (figura a). Variante: trasmissione incrociata, viene utilizzato un solo pallone e, rispetto all’esercizio precedente, bisogna effettuare una torsione dell’anca (figura b)

    Esercizio individuale con partenza 10 metri fuori dell’area di rigore. Si guida la palla fino al limite dell’area per poi, in palleggio, alzare la sfera e ricolpirla dopo un rimbalzo.

    Variante: una volta alzata la palla in palleggio calciarla prima che tocchi terra.

    Poste tre persone una accanto all’altra distanti 2/3 metri, con le esterne aventi un pallone a testa lavora quella di mezzo che di prima deve colpire la sfera di collo sia da un lato che dall’altro. Questo esercizio è molto importante per sincronizzare il gesto tecnico prima di destro e poi di sinistro.

    IL TIRO DI INTERNO

    Anche questo è un tiro molto potente e si differenzia da quello di collo nel momento in cui impatto con la sfera. La tecnica per il piede d’appoggio rimane sempre la stessa, l’unica differenza è in quello calciante che va a colpire la sfera con l’interno del piede imprimendole l’effetto. Per riuscire a calciare bene la palla bisogna trovare la giusta sincronia tra la forza e l’interno scarpa. Questo particolare tipo di tiro viene utilizzato frequentemente per aggirare la barriera, battere i calci d’angolo oppure per sorprendere il portiere sul palo più distante quando quest’ultimo va a coprire il lato corto dell’area.

    Esercizi:

    1. A coppie posta una rete da mini volley in un campo 25x25 metri, colpire la palla di interno piede in modo da sorvolare la rete per farla atterrare nel campo avversario. Quest’ultimo dopo uno stop riproporrà la stessa serie.

    2. Posta una barriera mobile al limite dell’area, aggirare l’ostacolo da d

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Davide
    Lv 6
    1 decennio fa

    concordo cn tutti e due

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    - Collo: Si alza la gamba per caricare il colpo e poi si colpisce il pallone con forza, nel punto centrale della sfera se si sta tirando, Nella parte bassa, se si sta lanciando un compagno. In questo secondo caso il movimento è quasi sempre accompagnato da un accenno di rotazione che può essere più o meno marcato. Un particolare tipo di battuta di collo è il calcio di "controbalzo" usato quando il pallone sta ancora rimbalzando. Ed è proprio la scelta del tempo sul rimbalzo, uniti alla potenza della battuta che conferisce al pallone grande velocità.

    - Piatto: La gamba non ha bisogno di essere portata molto indietro. Deve oscillare - leggermente piegata se il lancio è rasoterra, molto piegata, quasi a 90 gradi fra gamba e coscia, se la palla è a mezz'aria - e poi impattare la palle in centro. In pieno centro se rasoterra. Appena sotto per una traiettoria aerea. Il colpo può essere accompagnato, se ve n'è l'esigenza, per garantire più precisione in circostanze delicate. Ma una battuta in porta di piatto, per esempio, richiede invece una certa brillantezza e quindi un colpo più deciso.

    - Interno: Il peso del corpo bilanciato all'indietro allunga la traiettoria. Il busto più avanti consente di caricare la battuta e quindi di imprimere anche una certa potenza. Le braccia sono larghe e quelle del lato dove si indirizza il pallone, per una più efficace esecuzione, si può alzare, quasi a indicare il punto dove la palla dovrà giungere.

    - Tacco: Nel caso di tacco, con il centro del tallone, il movimento è semplice: la gamba oscilla e il tacco colpisce il centro della palla in centro, per indirizzarla alle proprie spalle. Per la traiettoria aerea le cose si complicano. E' necessario scegliere il tempo dell'intervento e impattare la palle con la porzione esterna del tacco, eseguendo con la gamba un movimento di estensione e poi di richiamo verso il corpo. Insomma: nella prima fase la palla la si va a cercare e con la gamba il punto d'impatto e poi la si indirizza mentre raccoglie la gamba verso il corpo.

    - Esterno: Se si tratta di un tocco di esterno per chiudere una triangolazione o per deviare in gol, si sta parlando di una battuta di destrezza che quindi prevede molto potenza e un assetto perfetto del corpo. La palla va quasi sradicata da terra. Per riuscire a farlo il piede d'appoggio non è molto distante dalla palla, la gamba che batta oscilla e colpisce il pallone con forza, senza accompagnare il movimento.

    - Punta: Il punto d'impatto è facile da individuare: la punta del piede, appunto. Considerato che il tocco di punto è un tocco di emergenza, il punto di contatto del pallone è spesso dettato dalla circostanza. L'ideale comunque, resta il centro-palla.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.