Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

»Lєχi ha chiesto in Arte e culturaStoria · 1 decennio fa

Aiutino in storia 10 punti facili?

Vorrei sapere le differenze tra il Rinascimento e il Medioevo e gli elementi storici e culturali di maggior distacco tra le 2 epoche. 10 punti!

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Anzitutto cerchiamo di mettere in ordine cronologico i due diversi momenti : Medioevo e Rinascimento; tipicamente l'inizio del Medioevo viene fatto coincidere con la deposizione dell'ultimo imperatore romano Romolo Augustolo da parte di Odoacre nel 476 d.C. e, in genere, la fine corrisponde all'anno della scoperta dell'America da parte di Cristoforo Colombo nel 1492. Questa data segna l'inizio dell'età moderna. Attenzione : le due date 476 e 1492 sono opinabili : alcuni studiosi preferiscono il 410 d.C. (anno del "sacco di Roma") come data di inizio e il 1453 (presa di Costantinopoli da parte dei Turchi) oppure il 1485 (ascesa della dinastia Tudor) per indicarne il termine. Questo dipende dal contesto culturale che origina la periodizzazione. In generale, quindi, si dice che il medioevo va dal V al XV sec.

    Il Rinascimento inizia la dove finisce il Medioevo, tra il XIV e il XV secolo. Volendo si possono anche fissare delle date certe : per l'inizio il 1302, data dell'inizio dell'opera di Giotto e per la fine il 1527, anno del secondo sacco di Roma da parte dei Lanzichenecchi di Carlo V. Ma anche questi termini sono da prendere con le pinze.

    Il Rinascimento è un movimento artistico e culturale tipicamente italiano (maggiore centro di diffusione : Firenze ma anche Urbino, Venezia, Roma, Mantova). Il nuovo afflato culturale si basava sull'antropocentrismo, ovverosia sulla grande fiducia nell'Uomo, e sullo studio ed imitazione del monto classico/antico.

    La discontinuità con il mondo medievale è sopratutto politica : in Europa si formano e cristallizzano gli stati nazionali (inglese, francese e spagnolo) assieme ad un potere imperiale centralizzante (con l'imperatore Carlo V) mentre si sa che nel periodo medioevale il potere centrale si era andato indebolendo e frammentando col passare dei secoli.

    In Italia - percui dal 1022 si erano andate affermando le realtà comunali, con autonomie che non esitevano altrove se non nel sud della Francia - abbiamo lo sviluppo delle Signorie, cioè di poteri locali che, partendo dalle città, si estendevano al contado (i territori circostanti) fino a creare dei veri e propri staterelli in mano alle famiglie più potenti (Gonzaga, De Medici, Visconti, Estensi ecc.).

    Dal punto di vista religioso se il medioevo vive di una spiritualità Cristiana che era andata a sostituirsi ai riti paganeggianti in tutta Europa nel corso dei secoli, il Rinascimento vede un grande momento di rottura : la riforma protestante iniziata da Martin Lutero nel 1517.

    Il termine Rinascimento è stato forgiato, per indicare questo periodo storico, nell'800. Si tenga presente che la storida dell'arte è piena di "rinascenze", cioè di "ritorni" in cui gli artisti si ispiravano a modelli precedenti (vedi rinascenza Carolingia o Ottoniana). Ma con il Rinascimento, probabilmente perchè questo sguardo verso il passato era sentito più forte, si intende chiaramente solo il periodo che comprende XIV, XV e parte del XVI secolo.

    Il concetto di Medioevo ("media eta", "media tempora"), invece, viene forgiato proprio dali umanisti tra Tre e Quattrocento i quali si erano accorti di una discontinuità tra la cultura degli antichi che studiavano e il loro tempo. Da qui nasce anche il preconcetto (solo recentemente confutato) di un medioevo come età buia (si tenga conto che il mondo usciva dalla crisi del '300, non si poteva certo etichettarlo come epoca felice).

    Ovviamente, trattanosi di storia, non possiamo separare nettamente i due periodi ma al massimo vedere quanto del Rinascimento sia genuino e quanto sia ereditato dall'epoca precedente.

    Fonte/i: Studi universitari
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Tanto per cominciare il Rinascimento ha di diverso dal Medioevo che non si esalta più la bellezza di Dio ma dell'uomo. C'è un salto di qualità dell'arte, più specializzata e realistica. Le guerre vengono combattute con un nuovo tipo di arma, l'archibugio. La scoperta dell'america fa partire il colonialismo e quindi ci sn più conquiste e più ricchezza che nel medioevo e le conoscenze scientifche si moltiplicano grazie alla scoperta del nuovo mondo.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Sei fortunato, io sono uno specialista del medioevo, mi chiamavano pure l'esperto di storia medioevale,

    tra il medioevo ed il rinascimento è tutto differente tranne che gli uomini andavano a cavallo in entrambe le epoche!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.