Andiamo a festeggiare?

Apparendo a suor Faustina Kowalska, religiosa polacca, vissuta dal 1905 al 1938, e canonizzata da Giovanni Paolo II in S.Pietro nella Domenica 30 Aprile 2000, il Signore le ha rivolto parole sorprendenti: “Nell’Antico testamento, mandai al mio popolo i Profeti con parole di fuoco. Oggi mando te a tutta l’umanità con la mia Misericordia. Non voglio punire l’umanità sofferente, ma desidero guarirla e stringerla al mio Cuore Misericordioso”.

Gesù parlò per la prima volta del desiderio di istituire la festa della Divina Misericordia a suor Faustina a Płock nel 1931, quando le trasmetteva la sua volontà per quanto riguardava il quadro: "Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l'immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia" (Q. I, p. 27 del Diario di S. Faustina Kowalska).

In un'apparizione del 1934 a suor Faustina è contenuta la seguente promessa: “In quel giorno, chi si accosterà alla sorgente della vita conseguirà la remissione totale delle colpe e delle pene”.

Questa promessa è stata ripetuta nel settembre 1936: “L'anima che si accosta alla confessione e alla Santa Comunione, riceve il perdono totale delle colpe e delle pene”.

Nell'aprile del 1937, Gesù ripete per la terza volta la promessa: “Desidero concedere l'indulgenza plenaria alle anime che si accostano alla confessione ed alla Santa Comunione nel giorno della Festa della mia Misericordia”.

È struggente in Gesù il desi­derio di salvare tutte le anime: "Figlia Mia, scrivi che quanto è più grande è la miseria di un’anima, tanto maggiore è il diritto che ha alla Mia Misericordia, ed esorta tutte le anime alla fiducia nell'inson­dabile abisso della Mia Miseri­cordia, poiché desidero salvarle tutte" (dal Diario di S. Faustina Kowalska, n. 1182).

Questa grazia - spiega don I. Rozycki - "è qualcosa di decisamente più grande che la indulgenza plenaria. Quest'ultima consiste infatti solo nel rimettere le pene temporali, meritate per i peccati commessi (...). E' essenzialmente più grande anche delle grazie dei sei sacramenti, tranne il sacramento del battesimo, poiché‚ la remissione delle colpe e dei castighi è solo una grazia sacramentale del santo battesimo. Invece nelle promesse riportate Cristo ha legato la remissione dei peccati e dei castighi con la Comunione ricevuta nella festa della Misericordia, ossia da questo punto di vista l'ha innalzata al rango di "secondo battesimo". E' chiaro che la Comunione ricevuta nella festa della Misericordia deve essere non solo degna, ma anche adempiere alle fondamentali esigenze della devozione alla Divina Misericordia" (R., p. 25). La comunione deve essere ricevuta il giorno della festa della Misericordia, invece la confessione - come dice don I.

Rozycki - può essere fatta prima (anche qualche giorno). L'importante è non avere alcun peccato.

Mi sembra una meravigliosa occasione di festeggiare e, a Dio piacendo, domenica non mancherò.

E voi?

P.S. Per chi desiderasse approfondire l'argomento: http://www.festadelladivinamisericordia.com/page/i...

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    DIO ti benedica per quanto hai scritto,e diffuso,

    un grazie di cuore

    e SIA LODE ONORE E GLORIA A GESU' NOSTRO SIGNORE

    PER QUESTO SUO MERAVIGLIOSISSIMO DONO,

    FRUTTO DEL SUO INESTIMABILE AMORE.

    CONCORDO E APPOGGIO APPIENO QUANTO HAI SCRITTO,

    E COME TE INVITO TUTTI ANCH'IO A BENEFICIARE DI QUESTO PREZIOSO DONO DELLA SUA DIVINA MISERICORDIA

    ANDANDO A MESSA DOPO AVER FATTO UNA SINCERA CONFESSIONE.

    Anch'io

    DIO volendo,

    DOMENICA NON MANCHERO'.

    un saluto sincero.

    P.S.

    Invito inoltre tutti a recitare ogni giorno la coroncina della DIVINA MISERICORDIA,

    puo' stare certo/a che ne raccogliera i suoi inestimabili frutti,ma cio' che e' ancora piu' meraviglioso e degno di GLORIA A GESU' E CHE ne raccolgono i frutti tutti coloro che soffrono e per la quale la SANTISSIMA CORONCINA VIENE RECITATA,CREDETEMI,

    esperienza personale,

    NON CI CREDETE?

    PROVATE,

    MA ABBIATE FEDE,

    TUTTO QUI,

    E CIO' CHE E' STRAORDINARIO E CHE E' TUTTO GRATIS

    TUTTO CIO' CHE DIO CHIEDE E' SOLAMENTE DI AMARLO E DI AMARE,

    NIENTE DI PIU'.

    ciao

    Fonte/i: GRAZIE GESU', GRAZIE Suor Faustina.
  • 1 decennio fa

    non ci penso nemmeno!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Grazie per averla nominata!Mi fa sempre piacere leggere il suo nome

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.