promotion image of download ymail app
Promoted

come si allestisce un acquario di tartarughe?

ciao io ho un grande acquario e ho solo il rialzo per la tartaruga... come potrei allestirlo??

Aggiornamento:

per rialzo intendo una zona emersa per la tartaruga

3 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Ciao! Allora prima di tutto le tartarughina d'acqua hanno bisogno di molto spazio per nuotare, quindi più è grande meglio è! :) La cosa migliore sarebbe avere un filtro esterno perchè sono i migliori e le tartarughe sporcano davvero molto! Inoltre l'acquario dovra avere al suo interno un riscaldatore dell'acqua, infatti le tartarughe non possono stare in acqua fredda, altrimenti rischiano di andare in uno stato di semiletargo molto pericoloso durante il quale non mangiano e si mostrano inappetenti. Non è un vero e proprio letargo, quello è possibile farlo fare solo nei laghetti all'esterno quando le temperature sono tra i 10 e i 4°. Il semiletargo può portare le tartarughe alla morte nel peggiore dei casi, quindi va per forza evitato! Di conseguenza il riscaldatore è necessario. La temepratura ideale è dai 23 ai 26°. Poi hanno bisogno delle lampade! Una spot e una con i raggi UV-B al 5%.

    La spot serve a riscaldare la zona emersa, le tartarughe sono animali a sangue freddo e hanno quindi bisogno di una fonte di calore costante anche nella zona asciutta. Va benissimo una normale spot da 40 watt che si trova in qualsiasi supermercato. E' necessaria anche la lampada UV-B al 5% che serve a simulare i benefici dei raggi solari, attraverso questa si garantisce la salute della tartarughe, l'assimilo corretto di tutte le vitamine e la crescita corretta del guscio.

    Non capisco cosa intendi come rialzo per la tartaruga, comunque la tartarughina dovrebbe avere una zona emersa completamente asciutta (quindi le isole filtro delle tartarughiere con la cascatella non vanno bene). Potresti prenderti un turtle dock come uno di questi --> http://www.exo-terra.com/images/shared/products/tu...

    http://www.repshop.nl/images/pt3800.PNG

    http://www.drsfostersmith.com/images/Categoryimage...

    Infatti questi ti permettono di alzare o abbassare il livello dell'acqua a seconda delle esigenze cosa non possibile ad esempio con i sassi che vengono spesso inseriti nell'acquario come zona asciutta.

    Per quanto riguarda il fondo dipende dalla specie di tartaruga che hai, comunque per le più comuni cioè le trachemys , puoi anche non mettere nessun fondo di modo che la vasca sia più facile da pulire, altre opzioni sono della sabbia fine a granulometria 0.3 o 0.5 oppure dei ciotoli di media grandezza 3-4 cm. Non mettere il ghiaino che è sconsigliatissimo in quanto le tartarughe potrebbero ingerirlo causando loro dei blocchi intestinali molto gravi e a volte mortali.

    Per le piante se hai delle trachemys non ne mettere perchè nel giro di poco se le mangerebbero tutte! XD l'unica pianta che puoi inserire è del lucky bamboo come questo --> http://www.espritdeisle.com/images/Lucky-Bamboo-Ba...

    Fin quando sono piccole non lo mangiano ma quando diventano adulte alcune cercano di papparsi anche questo! :)

    Se l'acquario ha il coperchio non lo devi usare perchè le tartarughe hanno bisogno del riciclo dell'aria. Qui trovi una guida più approfondita su come allestire un acquaterrario --> http://www.tartaportal.it/forums/30725-guida-come-...

    Ciau e buona fortuna! :)

    ----

    Allora perfetto! ^^

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    le prime cose da mettere sono una lampada UVA/UVB per permettere il giusto assorbimento del calcio,la termoresistenza per scaldare l'acqua sui 25 gradi costanti e un filtro esterno per pulire l'acqua..

    come abbellimento invece potresti mettere dei sassi lisci a fare da fondale,non troppo piccoli perchè le tarta potrebbero inghiottirli..delle piantine qua e la,sempre che non te le mangino(io non posso metterle,mangerebbero anche quelle di plastica)..e magari un ramo di mangrovia come quelli che si trovano nei negozi a fare da appoggio supplementare..

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Gli adulti raggiungono dimensioni dai 15 ai 30cm. Come nella maggior parte dei rettili, sono le femmine a raggiungere dimensioni maggiori, mentre i maschi raramente superano i 18cm. Il carapace e il piastrone, molto robusti, sono uniti lungo i margini e non presentano cerniere. Il carapace è liscio e un po' convesso, mentre il piastrone, è liscio (sia nelle femmine che nei maschi). Da piccole il piastrone è verde chiaro e, man mano che diventano adulte, tende a scurirsi fino a diventare in alcuni casi anche marrone scuro. Il piastrone è giallo con disegni neri. La cute è per lo più verde con strisce gialle. Le Trachemys scripta scripta non vanno confuse con le "vecchie" tartarughe importate in massa, ma ora vietate, ovvero le Trachemys scripta elegans, molto simili ma con le caratteristiche macchie rosse ai lati della testa.

    Trachemys scripta elegans, notare le caratteristiche strisce rosse.

    Trachemys scripta scripta, evidente la diversa colorazione della testa

    Comportamento nell'ambiente naturale

    Trachemys scripta scripta è una tartaruga d'acqua dolce originaria del sud degli Stati Uniti. Si adatta a molteplici varietà di habitat, ma preferisce ambienti ricchi di vegetazione con un fondo fangoso e acque calme e stagnanti. Trascorre gran parte del tempo sulle rive o appoggiata a tronchi semisommersi "crogiolandosi" al sole. Questo tipo di comportamento, tipico dei rettili, è dovuto al fatto che non avendo un sistema di regolamento della temperatura corporea, hanno bisogno del calore per attivare il loro metabolismo e dei raggi solari per sintetizzare la vitamina D3, indispensabile per la crescita ossea. Raramente si avventura sulla terra ferma se non per deporre le uova. Essendo un animale molto timido, al minimo rumore si getta nell'acqua dove, da abile nuotatrice, si dilegua velocemente. Ad una temperatura minore di 10° C smette di alimentarsi e trascorre il letargo sott'acqua, nascosta tra il fango e i sedimenti. Nelle belle giornate, meno rigide, non è raro vederle uscire per esporsi ai deboli raggi del sole.

    Riproduzione

    Come per la maggior parte dei rettili, per il raggiungimento della maturità sessuale, sono più importanti le dimensioni che gli anni. Indicativamente però, i maschi diventano maturi intorno ai 3-4 anni, raggiunti i 15-19 cm, mentre le femmine verso i 5 anni, raggiunti i 15-20cm di carapace. La stagione riproduttiva orientativamente, a seconda della località geografica, varia da marzo a luglio. Il maschio corteggia la femmina mettendosi davanti e facendo vibrare ritmicamente l'acqua. La copula vera e propria dura circa 15 minuti. Dopo circa 4-6 settimane la femmina è pronta per deporre le uova, così cerca un terreno morbido e umido nei pressi dell'acqua per deporre. Al termine la femmina ricopre il nido. Le uova sono ovoidali e flessibile. Durante l'incubazione assorbono acqua diventando più grandi e più rigide. La femmina, a seconda delle dimensioni, in un anno può deporre fino a tre volte da 5 a 20 uova, che impiegheranno 2 o 3 mesi per schiudersi. I baby appena nati sono molto piccoli e indifesi (2-3 cm) e spesso finiscono per diventare prede.

    Dimorfismo sessuale e determinazione del sesso

    Il sesso si può stabilire una volta che le tartarughe raggiungono 6-7cm di carapace. Le femmine sono di dimensioni maggiori e hanno una coda piccola e tozza. I maschi invece hanno una coda molto più lunga e larga e le unghie delle zampe anteriore lunghe fino a 3 cm. Il piastrone non presenta concavità né nei maschi e né nelle femmine. Come per molte famiglie di rettili la determinazione del sesso è legata alla temperatura di incubazione delle uova. Se le uova sono incubate sotto i 27°C si avrà una prevalenza di maschi e dei tempi di incubazione che variano dai 100 ai 120 giorni. Mentre, ad un'incubazione sopra i 30°C, nasceranno prevalentemente femmine ed i tempi varieranno dai 60 ai 70 giorni. A temperature intermedie si avranno proporzioni variabili di nascite, tra maschi e femmine. In commercio è più facile trovare esemplari femmine in quanto gli allevatori accelerano le schiuse aumentando le temperature.

    Alimentazione in cattività

    Le tartarughe piccole devono essere alimentate tutti i giorni; man mano che crescono la frequenza dei pasti va diminuita, fino ad arrivare a 2-3 volte alla settimana negli individui adulti. L'ideale è di alimentare le tartarughe in una vasca separata per mantenere pulita l'acquario principale, oppure di mettere il cibo in una zona asciutta, anche se le Trachemys preferiscono alimentarsi in acqua. La vasca usata per l'alimentazione va lavata e disinfettata dopo l'uso. Se non si ha la possibilità di alimentarle in una seconda vasca non inserire molto cibo alla volta per non creare avanzi che decomponendosi inquinerebbero l'acqua. L'alimentazione in cattività deve essere più varia possibile e composta sia da alimenti di origine animale che vegetale. Ottimi sono pesce d'acqua dolce, molluschi, lombrichi, lumache, pellet

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.