Anonimo
Anonimo ha chiesto in Auto e trasportiMoto · 1 decennio fa

parti del coclomotore?

gg 30 aprile ho l' esame del patentino, sn molto preparato tranne ke x 1 cs, le parti del ciclomotore...

sapete dirmi quali sn le parti del ciclomotore??? grz a tt in anticipo...

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il ciclomotore è un tipo di motociclo con bassa potenza e cilindrata che, per le sue caratteristiche, è utilizzabile con minimali requisiti autorizzativi.

    Nato come evoluzione della bicicletta a motore, il ciclomotore è generalmente destinato ad un impiego utilitario o ludico, per utenti non in possesso del permesso di guida per motocicli.

    Indice

    [nascondi]

    * 1 Storia

    * 2 Categorie

    * 3 Norme di circolazione

    * 4 Manutenzione e uso

    o 4.1 Impianto frenante

    o 4.2 Gli pneumatici

    o 4.3 Fari, indicatori direzionali e catarifrangenti

    * 5 Note

    * 6 Voci correlate

    * 7 Collegamenti esterni

    Storia [modifica]

    Il ciclomotore è un genere di veicolo diffuso in tutto il mondo ed è inteso, generalmente, come una bicicletta dotata di motore, la cui invenzione viene fatta risalire all'azienda parigina Werner che ne depositò il brevetto il 7 gennaio 1897.

    Fu però nei primi anni del secondo dopoguerra che il ciclomotore conobbe una grande diffusione in tutta Europa, allo scopo di soddisfare le necessità di locomozione popolare, imposte dalla febbrile opera di ricostruzione, sopperendo alla carenza di mezzi finanziari e materie prime, fortemente ridotti dal conflitto mondiale.

    Categorie [modifica]

    In Italia si possono guidare al compimento di 14 anni e solo dopo aver conseguito il Certificato di Idoneità alla Guida dei ciclomotori. Sono suddivisi in varie categorie:

    * Scooter: categoria di motoveicoli spesso piuttosto piccoli, maneggevoli e comodi, con 1 o 2 posti a sedere. Molto spesso non hanno le marce ma un dispositivo denominato variatore, che modifica il rapporto di trasmissione in base alla velocità.

    * Moto: motoveicoli sportivi, dall'aspetto di una vera moto, anche se più piccola. I posti a sedere sono 1 o 2, molto spesso hanno le marce ma non il vano sottosella. Tra loro si suddividono ulteriormente in "enduro", "motocross", "motard", "sportive da strada" ecc.

    * Tricicli leggeri: sono veicoli a tre ruote generalmente adibiti al trasporto di merci, aventi una cabina anteriore e un pianale di carico posteriore.

    Sono assimilati ai ciclomotori anche i quadricicli leggeri: hanno la forma di un'automobile in miniatura, sono solitamente a 2 posti. Offrono maggiore sicurezza e comfort dei precedenti ma sono anche ingombranti e costosi.

    Un "Garelli", ciclomotore italiano degli anni '70

    Norme di circolazione [modifica]

    Secondo il codice della strada italiano, sono classificabili come ciclomotori i veicoli con:

    * motore di cilindrata fino a 50 cm³ per i motori ad accensione comandata, mentre non ci sono limiti di cilindrata per motori termici di altro tipo o motori di altra natura, come i motori elettrici; devono comunque sia tutti quanti rispettare la potenza massima non superiore ai 4 kW;

    * velocità fino a 45 km/h.

    Per circolare, i ciclomotori devono essere muniti di targa a 5 cifre (a 6 per le immatricolazioni successive del 1º luglio 2006), bollo, copertura assicurativa e libretto di circolazione. Il conducente è tenuto ad indossare un casco di tipo omologato, così come l'eventuale passeggero.

    Possono essere omologati per 1 o 2 (nuovi dal 14 luglio 2006 o aggiornati con la targa a sei numeri) persone compreso il conducente e non è possibile trasportare persone al di fuori del numero consentito. Per poter guidare in 2 è necessario che il conducente sia maggiorenne e munito di "patentino"[1], oppure patente di guida A o superiore e che il ciclomotore sia regolarmente omologato, munito di targa a sei cifre, mentre gli omologabili/aggiornabili devono rispettare l'Euro 1 o Euro 2 e generalmente sono prodotti dopo il 16 giugno 1999.

    I ciclomotori possono circolare su quasi tutte le strade cittadine, tranne quelle extraurbane principali (superstrada), così come nelle autostrade e dove sia espressamente vietato, per esempio con cartello di divieto di transito oppure con limitazioni a determinate classi di cilindrata.

    Un vecchio esemplare di bicimoto

    I ciclomotori sono tenuti a rispettare in tutte le sue parti il codice della strada e la segnaletica.

    Un nuovo esemplare di motore per bicimoto

    Non possono circolare all'interno delle aree pedonali, sui marciapiedi e sulle piste ciclabili.

    Circolando su strada devono mantenersi nella parte destra della propria corsia, e non in mezzo alla strada. Tuttavia in città, a basse velocità, è consigliabile prendersi un certo spazio di manovra, al fine di evitare incidenti. Ad esempio, fermi in colonna o percorrendo una rotonda, non lasciarsi affiancare da un'automobile per avere libertà di manovra.

    Un ciclomotore deve essere sottoposto alla revisione 4 anni dopo l'acquisto e successivamente ogni 2 anni, esattamente come qualsiasi altro mezzo.

    Il ciclomotore è l'unico mezzo per uso stradale a cui è consentito il parcheggio in seconda fila. (articolo 158 del Codice della Strada)

    Manutenzione e uso [modifica]

    I ciclomotori solitamente richiedono poc

  • 6 anni fa

    Per i vari tipi di Tricicli prova ad andare sulla sezione relativa di Amazon.it a questo link http://amzn.to/1Hg4IiD .

    Potrai vedere tutti i modelli attualmente disponibili e ordinarli per popolarita', fasce di prezzo, giudizi degli utenti. In questo modo potrai farti una idea piu' precisa e chiarire i tuoi dubbi.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    h

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.