Mario F ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

Raga chi mi fa un tema sui minerali pleaseeee???10 pnt alla migior risposta grazie......!!!!!!!!!!!?

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Minerali Termine con il quale genericamente si indicano i solidi inorganici naturali che costituiscono la crosta terrestre. In mineralogia e geologia, il termine designa più precisamente ogni elemento o composto chimico che si presenta in natura in una singola fase solida definita per composizione e struttura cristallina; vengono comunque considerati minerali anche alcune specie amorfe di derivazione colloidale, purché presentino limiti piuttosto stretti di composizione e proprietà fisiche.

    Clivaggio

    Il termine clivaggio indica la tendenza di alcuni minerali a frantumarsi o a scheggiarsi lungo piani preferenziali della loro struttura cristallina. Nella foto, un minerale di fluorite presenta un leggero clivaggio sulla parte sinistra, lungo un piano che ne rivela la struttura cubica.

    Diamante e grafite

    Il diamante (nella foto, campioni grezzi e tagliati) e la grafite sono risultati diversi di due distinte modalità di cristallizzazione del carbonio puro. Formandosi nella crosta terrestre a profondità variabili, gli elementi subiscono temperature e pressioni diverse, che determinano notevoli differenze nella struttura dei cristalli e nelle loro proprietà fisiche.

    Minerali

    I minerali sono formazioni naturali di origine inorganica, presenti in forme svariate nella crosta terrestre. L'ossidiana, nera e vetrosa, il diamante, durissimo e cristallino, il talco, gessoso e poroso, sono tutti esempi di minerali, da cui tutti gli esseri viventi traggono sostanze necessarie al loro metabolismo e l'uomo preziosi e utili metalli. La loro classificazione si basa sulla composizione chimica, sul tipo di struttura cristallina, sulle proprietà di durezza e sull'aspetto.

    Sono state descritte più di 3000 specie mineralogiche, solitamente classificate in base alla composizione chimica e alla struttura cristallina. Caratteristiche fisiche fondamentali di un minerale sono la classe cristallina di appartenenza, la forma assunta dai suoi cristalli, la durezza, il colore, la trasparenza e la lucentezza. Per definizione un minerale è necessariamente un solido: il mercurio metallico, liquido a temperatura ambiente, rappresenta l'unica eccezione. I minerali sono i principali componenti di molte rocce della crosta terrestre; alcuni hanno particolare valore industriale in quanto vengono estratti per ricavarne metalli.

    2. CLASSIFICAZIONE

    Gli elementi che si combinano a costituire la maggior parte dei minerali della crosta terrestre sono circa venti; di questi, i più ricorrenti sono il silicio e l’ossigeno, i principali costituenti di una classe di minerali che prende il nome di silicati.

    1. Silicati

    Gli atomi di silicio e ossigeno si legano in una struttura molecolare tetraedrica particolarmente stabile, che si ripete a formare cristalli lineari, laminari o tridimensionali. Oltre ai due costituenti fondamentali, i silicati possono contenere altri elementi, che conferiscono a ciascun minerale proprietà chimiche e fisiche specifiche; tra questi, il ferro, il magnesio, il manganese, l’alluminio (l’unico che può sostituire il silicio nella struttura cristallina), il potassio, il sodio e il calcio. I silicati si classificano generalmente in due grandi categorie: quella dei silicati scuri, che contengono ferro e magnesio e sono caratterizzati da un peso specifico maggiore di 3, e quella dei silicati chiari, in cui prevalgono altri elementi e che presentano un peso specifico minore di 3. Esempi di silicati chiari (i più abbondanti in assoluto) sono i feldspati e il quarzo; esempi di silicati scuri, gli anfiboli, le miche e i pirosseni.

    2. Minerali non silicatici

    Oltre ai silicati, che rappresentano circa il 90% dei minerali della crosta terrestre, esistono numerosi altri tipi di minerali. Si classificano, in base alla composizione chimica, in ossidi (come l’ematite e la magnetite), solfuri (come la sfalerite e la pirite), carbonati (calcite, azzurrite, dolomite), alogenuri (fluorite, salgemma), solfati (gesso, anidrite) ed elementi puri (oro, diamante, zolfo). Di questi, particolarmente importanti dal punto di vista geologico sono i carbonati, principali costituenti di rocce come i calcari e i marmi.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.