Vendola : Berlusconi più che un problema politico è un problema culturale.?

Siete d'accordo?

Gli italiani sono stati "manipolati culturalmente "?

il successo avuto da SB in tutti questi anni si deve alla enorme pressione mediatica a cui il premier ha sottoposto la popolazione?

Ha cambiato radicalmente gli ideali,gli obiettivi e le idee degli italiani?

Voi come la vedete,siete d'accordo con Vendola o avete altre teorie?

e se è vero,come se ne esce?

Aggiornamento:

sentite,ragazzi,voglio risposte che vadano al di là del "comunisti,siete invidiosi" e "Vendola è gay".

sarebbe bello per una volta per gli elettori del centrodestra argomentare in modo obiettivo e civile,come si sta cercando di fare con questa domanda.

Non sento teorie ,ma solo insulti o cose prive di senso.

Astenersi,per favore.

Il fatto che Vendola sia gay non è un vostro problema,non dovrebbe essre un problema per nessuno.

Aggiornamento 2:

marco travaglio,io sono pugliese,e Vendola non si tocca!

è nostro!

Godetevi pure il vostro Formigoni...

21 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    10 anni fa
    Migliore risposta

    il problema è che, oltre al fatto che berlusconi è un problema culturale, Berlusconi è potuto diventare Berlusconi grazie ad una sinistra che ha smesso di fare opposizione da un bel po'---ha potuto fare cultura del berlusconismo perchè dall'altra parte, nella sinistra, non c'era un vero e quasi efficace esempio di cultura (si sono lasciati sfuggire la cultura di mano, l'egemonia culturale per poter diventare una replica quasi cammuffata del berlusconismo, una variante del berlusconismo...perchè in fondo nella sinistra non c'era un progetto di ampio respiro per il proprio futuro...non hanno saputo parlare al popolo e cambiare, adeguarsi al futuro) ...il pd ha rappresentato una variazione del berlusconismo assecondando o nn reputando grave il suo comportamento....e quindi nn accorgendosi che le leggi firmate per berlusconi (leggi piccole piccole), se venivano sommate assieme, costituivano il passaporto Berlusconiano per raggiungere il potere....oltre a questo piccolo difetto, la sinistra ha perso potere perchè si è avvicinata sempre alle posizioni dei moderati, degli uomini di chiesa per estendere il loro elettorato (ha perso di significato la parola "sinistra"...la sinistra maggioritaria paradossalmente è diventata un sinonimo di destra e nn di alternativa)...insomma c'è stato, da tutte e due le parti politiche, una costruzione della politica basata sull'immediato e nn su progetti di crescita che guardavano aldilà dei cinque anni di governo...Berlusconi ha i problemi nel pdl perchè tiene unito il partito attraverso benefits, regali ma nn riesce a dare un imprinting ideologico al partito perchè la sua ideologia è basata sul vuoto....basterebbe capire il fenomeno "berlusconi" da parte della sinistra per annientarlo...ma è evidente che alla sinistra nn interessi neanche tanto formare una classe dirigenziale alquanto meritocratica perchè nella loro testa sanno già di perdere....nella loro testa c'è di proporre qualcosa di più simile al berlusconismo per poterlo sconfiggere...ma purtroppo una cosa del genere è impossibile....per poter sconfiggere il proprio avversario bisognerebbe avere altre armi, puntare su delle diversità e nn costruire la propria politica su Berlusconi perchè facendo così si rischia solo di far pensare alle persone che la sinistra nn sa parlare altro di Berlusconi...nn sanno che cosa dire e quindi lo colpiscono su quello che lui ha costruito....poi in più il berlusconismo è potuto diventare malattia di stato perchè nessun governo ha avuto l'astuzia di investire sull'Istruzione (forse il loro obiettivo era quello di costruire il ministero della pubblica distruzione), sulla Giustizia, sulle Riforme, sull'Innovazione (insomma costruire l'humus giusto per costruire una società moderna)...se il berlusconismo è diventato malattia ufficiale di stato lo si deve ad una somma di varie concause...tipo l'ignoranza, l'assoluta detenzione di potere mediatico da parte del premier, la forte debolezza in cui si trova la Giustizia italiana...tenendo questi problemi come problemi di secondo piano, il Berlusconismo è diventato un fenomeno culturale non trascurabile....ed il peggio di tutto è che si è raggiunti una situazione di cancrena...Quando il tumore era ad uno stato diciamo tranquillo si poteva ancora operare....per riportare il tutto ad una situazione di normalità ci vorrà molto tempo...ma bisogna dire che ognuno ha le sue colpe se il fenomeno del berlusconismo è un fenomeno infettivo dal pdv culturale

    ciao!!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Attenzione: Vendola non ha detto che Berlusconi ha successo perchè ha sottoposto la popolazione a un enorme pressione mediatica.

    Ha detto che c'è un problema culturale e QUINDI Berlusconi può avere derivato il suo successo da questo.

    Non si è spinto fino a ipotizzare che l'artefice del problema cultutale sia SB stesso. Lo possiamo pensare io e te, ma non sono le sue parole.

    Di certo c'è stata una caduta verticale, a partire dagli anni '80, ma di certo più marcata nell'ultimo decennio, del livello medio degli italiani.

    Dalla capacità di analisi al gusto, dai valori alla mera estetica, l'italia è un paese che sta affrontando una pericolosa china.

    La televisione è senz'altro responsabile in buona parte. Lo dico perchè è uno strumento potentissimo, che veicola modelli di comportamento, modelli etici, gusti.

    Vale poco o nulla l'obiezione di chi dice "se non c'è niente di buono, non guardarla". E' un ragionamento che vale per chi ha un gusto già ben delineato e formato, non per persone in formazione o dalle capacità di giudizio al più labili.

    Ogni italiano è stato parcheggiato per, mediamente, due ore al giorno davanti alla TV per ogni singolo giorno degli ultimi vent'anni. Lo scempio che questo strumento ha operato tra la popolazione è enorme.

    La colpa è solo di SB? No, è anche sua, ma non solo. E' stata anche della TV di stato, che, in tempi in cui non era ancora controllata da lui, ha accettato di piegarsi a logiche commerciali abdicando quasi totalmente a una funzione di servizio.

    Detto questo, merita qualche parola anche Giuseppe, che con tipica mossa belusconiana sposta l'ottica dal problema sollevato dalla domanda a Vendola stesso.

    Vale la pena di fargli notare tre cose:

    -Senz'altro i romanzetti di Vendola manipolano pesantemente le menti degli italiani. E' infatti noto che tutti noi siamo obbligati a mandarli a memoria fin dalla più tenera età. Così noto che non sapevo nemmeno che avesse scritto questo romanzetto che tratta di pedofilia (e, per la verità, non ne ho ancora trovato traccia su internet. Non dev'essere un'opera notissima).

    -Vendola sarà pure radical chic, ma ha dimostrato di capire cos'è e cosa deve fare la sinsitra molto meglio dei vertici del PD.

    -Se Vendola non può parlare a nome di chi lavora, a maggior ragione come può farlo un miliardario che ha costruito le sue fotune in modo poco chiaro, attraverso finanziamenti di società off-shore in odore di criminalità e grazie a decreti legge di amici socialisti che gli hanno permesso di esercitare un'attività in barba alle leggi vigenti all'epoca?

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Per rispondere a questa domanda cito l' ultima frase di berlusconi sul nucleare: "Faremo una campagna sulla rai per CONVINCERE che il nucleare è sicuro". L' uso del convincere e non del spiegare è il suo limite culturale.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    In realtà, Vendola ha semplicemente messo in evidenza un fenomeno che è sotto gli occhi di tutti:

    Berlusconi vince perchè "a monte" c'è un problema culturale che non necessariamente è stato determinato/creato da lui, sebbene lo abbia chiaramente alimentato e piegato a proprio beneficio!

    In altre parole, bisogna agire sulla causa che determina il fenomeno politico Berlusconi, non sugli effetti!

    Concordo pienamente con Vendola, aggiungendo che il passo successivo e necessario per incidere su quel fenomeno politico è quello di dare contenuto reale a quel contenitore (oggi decisamente vuoto) che è il centrosinistra!!!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 anni fa

    E' una affermazione lapalissiana: i problemi politici hanno SEMPRE origine da problemi culturali.

    ---

    Edit:

    Il confronto tra le varie risposte ti dà di per sè la risposta a questa domanda, e questa risposta ottenuta dal confronto mi pare proprio la conferma sperimentale dell'analisi di Vendola.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    A prescindere da Vendola, questa analisi sociale, è condivisibile.

    Naturalmente parlo per me, non ho la pretesa di essere nel giusto ma, da alcuni segnali, rilevo che culturalmente la maggioranza degli italiani, in primis chi vota Berlusconi e PdL, ha qualche vistosa lacuna.

    Siccome pensare è faticoso, elaborare idee originali è proibitivo, queste persone si nutrono e si abbeverano come un gregge, delle parole del loro pastore.

    Mandriano culturalmente impreparato ma che sa dire le cose che l'italiano passivo vuole sentirsi dire.

    Vuole promesse di posti di lavoro, vuole promesse di aiuti economici sociali, vuole rassicurarsi sentendosi rassicurato che tutto va bene, che la crisi globale non ci ha messo in ginocchio, che le escort, volendo, sono alla portata di tutti ( fai un favore e te la mettono nel letto ), che la giustizia è dalla parte dei più forti e allora si sta con i forti, che il self made man berlusconiano è un esempio di come si possa arrivare ai vertici politici e al potere personale, con la corruzione, i falsi in bilancio, spendendo oggi quello che domani non si sa se verrà prodotto.

    Si, culturalmente siamo peggio dei neonati e abbiamo un capo del governo paternalistico che giustifica i suoi errori e le sue debolezze eleggendole a simbolo dell'italiano ignavo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Ha terribilmente ragione Vendola.

    Personalmente io la vedo pure peggio: è un problema che da culturale è diventato addirittura antropologico.

    E te lo dimostrano le risposte che in molti ti hanno dato.

    Ormai il "metodo" berlusconiano ha creato una spaccatura così profonda tra due tipologie di cittadini che è divenuto arduo, e a seconda degli argomenti addirittura impossibile, persino che riescano a dialogare tra loro senza chiusure pregiudiziali.

    Tristi fotocopie dei loro biechi rappresentanti.

    Gente che decide se un acqua è buona guardando da dove sgorga invece di assaggiarla.

    Gente che giudica tutto e tutti ma non accetta di essere giudicata.

    Gente che è stata convinta a rinchiudersi in un acquario perchè gli è stato detto che quello è il migliore dei mari possibili e che per pigrizia, ignoranza o convenienza pura non è neanche interessata a controllare.

    E' purtroppo vero, ha cambiato gli ideali,gli obiettivi e le idee di molti italiani: gli ideali alti li ha ridotti a roba da cogliòni, gli obbiettivi a mera convenienza immediata, le idee a semplici slogan, il futuro di un popolo a puro meretricio e a esibita sudditanza.

    Il danno ormai è fatto, quel che resta da fare è aspettare che passi la tempesta e dopo rimboccarsi le maniche.

    Non sarà facile convincere un'aspirante letterina che dare via il suo giovane cùlo è il modo peggiore che può scegliere per cercare di costruirsi un futuro...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Vero!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    Concordo e lo pensavo prima che l'illuminato vendola lo dicesse!

    Abbiamo spento il cervello, non viviamo più e stiamo a guardare.. Se smettessimo di essere spettatori, SB non ci sarebbe la sopra.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 anni fa

    Partiamo dal presupposto che il popolo italiano è il più governabile e controllabile che ci sia in occidente. Accettiamo dittature, dittature camuffate, oligarchia affermata da tempo, P2isti in cerca di vendetta ecc....

    Il problema non è Berlusconi, il problema sono gli italiani in generale, soprattutto quando si parla di politica.

    Analizzando gli ultimi 20 anni di politica cosa si può notare???? Indovina, indovinello???

    Che ci sono i soliti 4 str.onzi seduti sulla stessa poltrona da sinistra a destra, Fini, Da lema, berlusconi, bossi, Maroni, Rutelli ecc.... Cioè persone che fanno il "mestiere" del politico cosa che non dovrebbe esistere nella democrazia moderna, si fa il politico per i tot anni di legislatura, ma poi si torna alla "normalità", cosa che tra l'altro avviene in tutti gli altri paesi occidentali. Non troverai in inghilterra un politico come formigoni che viene Rieletto 3 volte, perchè non gli permettono la candidatura, ma anche se fosse candidato il popolo non lo metterebbe ancora su.

    I Media esercitano una pressione limitata secondo me, ripeto, sono proprio gli italiani che si farebbero governare anche da un branco di Bonobo.

    Come si può fare per evitare tutto questo?

    Obbligare tutti i politici a darsi una bella lettura alla nostra cara e perfetta costituzione, che oltre che dividere le cariche per garantire la democrazia e donare una marea di diritti ai cittadini non fa!

    Vietare con norma la rielezione dopo 2 legislature di qualsiasi tipo, massimo si può accettare 1 legislatura come sindaco (per esempio) e 2 da premier o ministro, ma poi finisce lì. (legislature intendo anche quelle finite a metà o dopo 3 mesi)

    Io è da tanto tempo che cerco di capire perchè l'italiano medio sia così facilmente comandabile... è una cosa che mi assilla, perchè in strada non c'è mai un riscontro positivo di chi ci governa, tutti a dire ci sono troppe tasse, viviamo male, le nostre città non sono sicure e poi vanno a votare sempre gli stessi.

    Prendiamo in esempio la lega Nord, è da 10 anni che promette praticamente di espellere ogni persona di colore più o meno scuro dall'italia, praticamente promette che ogni singolo straniero anche in regola sarà bandito... L'ha fatto? Assolutamente no... Il PDL promette da anni di abbassare le tasse l'ha fatto? No? Posso continuare all'infinito.

    Adesso andiamo ad analizzare tutti i vari problemi legati a tutte quelle regole che i nostri cari politici hanno infranto e che nessuno cita mai. In parlamento più trovare:

    Mafiosi

    P2isti

    Assassini

    Fascisti

    Gente che ha venduto i segreti di stato all'URSS

    Ladri

    Imbroglioni

    Truffatori

    Pedofili

    Drogati

    Puttanieri

    Putta.ne

    Estorsori

    Corruttori

    squadristi

    Ecc..

    A me sembra l'elenco di un carcere, però sono tutte persone che trovi nel nostro parlamento, per non parlare dei sindaci, amministratori che si fanno comprare oppure vendono appalti, pagano gli amici assumendo i figli come consulenti ecc...

    Tutto questo avviene in italia... Senti qualcuno che si lamenta veramente? Va in piazza tutti i giorni a cercare di cambiare le cose? Vedi qualcuno che semplicemente si informa su come stanno andando le cose?

    Assolutamente no?

    Siamo un popolo che vota LEGA NORD, un partito che ha come slogan "ti diamo il sapone dopo che hai stretto la mano ad un negro così ti pulisci" oppure "operazione bianco Natale, a natale in città saremo tutti bianchi". Sembra quasi che veramente siano il male dei mali, però quando un "LUMBARD" stermina una famiglia in autostrada perchè e ubriaco nessuno che dice una parola, pensa se fosse stato un marocchino?

    Quando un popolo vota un partito che pubblicamente è razzista e xenofobo vuol dire che siamo arrivati all'apice della governabilità.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 10 anni fa

    non puoi pretendere che diano risposte differenti vendola ha pienamente ragione una buona parte del paese la più ignorante è stata indottrinata il resto ha trovato in lui il successore naturale di craxi in peggio

    vendola è gay e allora probblemi suoi finche non tocca il mio (_|_) può fare quello che vuole della sua sfera sessuale

    non ho letto il libro citato quindi non posso giudicare ma prendo le tue affermazioni con le pinze viste le tue idee

    in tutti i casi abbiamo il papakaiser che protegge pedofili in sottana e non critica preti discriminatorio che elargiscono eucarestie a uno che non potrebbe riceverla solo perchè si chiama berlusconi (anche se mi fà più schifo lui che và a riceverla alla faccia dei comuni mortali a cui un prete non la darà mai) e la rifiuta ai comuni mortali

    ha più di settantanni prima o poi crepa e toglie il fastidio

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.