Sapete che non bisogna sgridare i bambini?

Della stessa serie "week-end con le colleghe".

Ho saputo da una di loro che i bambini sotto i 5 anni non sono in grado di capire il senso di una punizione o una sgridata, quindi non vanno repressi quando fanno qualcosa di sbagliato, non bisogna sgridarli perchè accumulano rabbia contro i genitori, ma bisogna lasciare che crescano liberi e imparino da soli i limiti del proprio agire.

Ovviamente a me questa teoria fa ridere, ma volevo sapere se ci sono altre madri che l'approvano.

Grazie.

Aggiornamento:

Yeeshaval: Hai fatto il sunto di centinaia di discussioni della sezione neonati, dove ci sono mamme che cercano consigli e confronto, sforzandosi di educare i propri figli senza sensi di colpa, mentre alcune sostengono di avere figli straordinari che imparano ed ubbidiscono a comando, manco gli avessero impiantato un microchip alla nascita.

Queste ultime (o le loro madri), con le teorie new age male interpretate e le loro manie di protagonismo che le spinge a far fare book e provini a bambini che hanno appena imparato a parlare e usare le posate, hanno contribuito a creare il fenomeno bullismo e baby-prostituzione, tanto poi si lavano la coscienza scaricando le colpe sulla tv e su una fantomatica società di cui ignorano (o fingono) di far parte.

Aggiornamento 2:

Parafrasando tanti detti popolari, la formazione di un individuo inizia nella culla, è inutile cercare all'esterno i motivi per cui un adolescente è violento.

Non si può prevedere il futuro, certo, da madre ho imparato che anche il carattere di un individuo alla nascita ha il suo peso, su alcune cose non si può fare molto.

Ma l'educazione è un'altra cosa, il far capire che ci sono limiti, che le azioni hanno delle conseguenze, buone o cattive, è un altro discorso.

Io non ho mai avuto sensi di colpa quando ho dovuto rimproverare mio figlio per qualcosa, spesso ho alzato la voce. Certo, di critiche ne ho ricevute tante, anche dai parenti, ma adesso che mio figlio ha due anni e inizio a vedere qualche piccolo frutto delle mie fatiche e del mio impegno, ne sono orgogliosa ed è la prova che alla fine certa gente parla solo per dar fiato alla gola.

Ripeto, la società e la televisione le costruiamo noi, con le nostre azioni e le nostre scelte.

25 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Migliore risposta

    E certo che non bisogna sgridare i bambini fino ai 5 anni.

    Bisogna cominciare a sgridarli dal 6° anno in poi, così è davvero costruttivo.

    In pratica apprendono per cinque anni che possono fare quel cacchio che vogliono, e poi, di colpo il genitore comincia ad impartire punizioni (cosa mai fatta prima) e loro capiscono tutto. Come no.

    Ed ovviamente, si adattano al cambiamento senza battere ciglio. Diventano dei mostri di educazione dall'oggi al domani, ed una tale brusca virata li rende degli esseri equilibrati ed obbedienti.

    Sicuro.

    Senti......dì alle tue colleghe che anche io li ho letti i manuali di Penelope Leach.

    E che per quanto la pedagogia di quel tipo ti informi di molte sfumature della psicologia del bambino (ed è quindi utile in questo senso), quel sistema educativo rimane un'utopia.

    Se i bambini al di sotto dei 5 anni non capiscono la sgridata, cosa fa pensare a questi "bravi genitori teorici" che capiscano il ragionamento?

    Non è possibile crescere davvero i bambini in quel modo.

    I bambini si impuntano, fanno capricci, non ascoltano, non si pongono limiti nè regole, da soli......ed i genitori devono gestire tutto questo.

    Tutti cedono, tutti si incazzano, tutti sgridano, tutti puniscono. E fanno benissimo.

    Poi, c'è tutta una fetta di persone che nega di avere di queste reazioni e si sente in colpa, si sentono "cattivi genitori" perchè non sono riusciti a seguire quello che dicono i manuali.

    Queste persone tendono ad essere terribilmente morbide ed accomodanti con i loro figli.

    E questi vengono su incredibilmente viziati.

    Ne avete mai visti? Io si...bambinetti di 4/5 anni, despoti assoluti di genitori senza polso. Brutto spettacolo.

    Un bambino che non viene sgridato per 5 anni, ha solo quella, come strada: venire su viziato.

    Ed il genitore che non esercita nessun tipo di autorità per cinque anni, non fornisce al bambino delle regole precise da seguire. Nè riuscirà ad essere autoritario in seguito, perchè quel ruolo se l'è ormai giocato.

    Il solo risultato possibile con questa politica tollerante buona solo per i libri, è che in un sol colpo si ottengono figli ingestibili perchè lasciati alla deriva, e genitori incapaci di gestirli perchè non ci si sono mai cimentati davvero.

    A me non vien da ridere quando mi espongono teorie come quelle....mi vien da piangere, invece.

    Perchè nessuno sembra rendersi conto che questi bei bambini allevati in questo modo, un giorno frequenteranno le scuole e non riconosceranno nemmeno l'autorità degli insegnanti, nè rispetteranno i compagni.....

    Ed allora, il "bravo genitore che ha seguito i manuali" verrà chiamato a scuola, farà la faccia stupita di fronte ai problemi comportamentali del figlio, non ci crederà, e nemmeno metterà in discussione il suo operato....convinto di aver sempre agito nel giusto.

    Copioni già visti....purtroppo.

  • 10 anni fa

    ah......ok. proverò ad applicare tale teoria al nido dove lavoro. con 60 bambini tra mattina e pomeriggio, che dici?resterà in piedi o ancora meglio le educatrici resisteranno dal darsi alla fuga?

    io credo che una buona dose di pazienza e buonsenso nel rapporto con i nostri bambini siano più che sufficenti a fare meno danni di certe teorie strampalate.

    un solo esempio: se ho un bambino che sta mordendo un altro bambino, che dovrei fare?lasciarlo fare, così poi morderà chiunque????

    Fonte/i: educatrice di nido
  • 10 anni fa

    hai delle colleghe alquanto eccentriche ed evidentemente senza figli....

  • 10 anni fa

    certo se metto in punizione mia figlia di 18 mesi perchè ha fatto cadere qualcosa..è ovvio che non lo capisce..

    o se mi metto a urlare la sera uqando non dorme..in quei casi forse può essere che accumulino rabbia..

    ma se mia figlia tira una sberla all abimba che le si avvicina per fare amicizia..cosa dico:oh brava brava lo sai che quando avrai compiuto 6 anni,se fai questo ti gonfio di mazzate?

    ma daiiiiii

    i bambini capiscono benissimo il rimprovero,di certo il rimprovero deve essere comprensibile per loro,altrimenti è inutile...mia figlia ha solo 18 mesi ma i rimproveri li capisce già.e anche i diversi toni di voce.Basta con questa storia che i bimbi sono come bambolotti!!Non sono bambole ,sono esseri umani,dobbiamo comportarci in maniera da rispettare la loro dignità,non come se fossero i nostri cicciobello che hanno preso a respirare

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 anni fa

    Scusa tanto, ma come fanno ad accumulare rabbia se non capiscono il senso di una sgridata???? A me pare un controsenso!!!!

  • 10 anni fa

    Io Elena che ha 9 mesi la sgrido quando fa qualcosa di sbagliato, tipo mettersi i fiori in bocca quando siamo al parco....

    Pensa che il pediatra ci ha detto che quando c'è da dire un "NO" bisogna farlo con decisione, perché dai 9 mesi in poi che si forma il carattere.

  • Anonimo
    10 anni fa

    ma ciliegina, mi stupisco che tu non lo sappia!!

    io non ho mai sgridato i miei figli, lascio che facciano tutto quello che vogliono, compreso attaccarsi ai lampadari e dondolare un po' a testa in giù.

    Non posso permettere che i miei piccini accumulino rabbia contro di me, che razza di mamma sarei?

    oh ma insomma, s.o.s. tata non ti ha insegnato niente???

  • sara
    Lv 5
    10 anni fa

    sei sicura che questa tua amica ha proprio dei figli? se li ha,li vede? cioè,e mamma vera o finta?

    sto cielo,nn passo con mia bimba tutto il tempo che vorrei,ma il tempo che ci sto e sufficiente per capire che nn esiste niente di logico in questa sua teoria.

    ma crescere maleducati e senza limite adesso ha un altro nome?

    guarda che nn sn niente brava in mettere i limiti,confesso,sn pessima per dirle di nn.mi fa pena,se guardo il modo carino cm mi chiede..ma bisogna avere limiti,altrimenti sarebbe lei a pagare le conseguenze e nn io.

    certo,ogni tanto mi dice che sn una mamma rigorosa,e fa qualche parola brutta o cattiva.e normale che nn sia sempre in grado di accettare mio nn.cmq le dico che una mamma serve anche a mettere limiti e prepararle per la vita,che una mamma e ogni tanto una strega,ma che e cosi.poi,sa che le amo e sa senza altro che per sua felicita darei la mia stessa.e nn sa per cio che parlo,ma per cm sn io nei suoi confronti.

    grido si,nn mi orgoglio di dirglielo,ma grido.anche perdo la testa.sn normale,cm le altre mamme.tua amica e chi pare molto particolare ,secondo me.nn so nemmeno io se avrei pazienza di sentirle parlare ste cose.scusa ,so che e tua amica,scusa ancora,ma nn sarei paziente.

  • 10 anni fa

    Certo, della serie "Piccoli teppisti crescono".

    Mio figlio non ha ancora 4 anni e ti assicuro che capisce benissimo le punizioni e le sgridate.

    Certo non bisogna essere estremisti, usare le punizioni solo quando è necessario e fa qualcosa di grave o pericoloso, questa è la mia idea.

  • eli80
    Lv 5
    10 anni fa

    Ecco come vengono allevati i bulli di cui sentiamo parlare al telegiornale!!

    Io sgrido mia figlia quando fa qualcosa di sbagliato, se la fa tanto grossa poi la metto in punizione e non ha ancora 23 mesi. I bambini sanno cosa è giusto e cosa no, mia figlia a volte aspetta che volto le spalle per fare quello che sa che non deve fare. Dov'è il ruolo di genitore se non si insegna ai propri figli cosa è giusto e cosa non lo è?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.