Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

Qualche informazione sul termine "immagine" nel testo biblico?

So che questo argomento é giá stato trattato in senso generale da altri utenti, ma la mia domanda é piú specifica; vorrei sapere innanzi tutto se nel testo originale in ebraico il termine che in italiano é tradotto "immagine" é lo stesso in "E Dio creò l’uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio" e in "Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra."

Inoltre volevo sapere se nel primo passo, e nel secondo, il termine "immagine" va inteso in senso diverso, o se, ad esempio, in entrambi i casi fa riferimento, sebbene generico, alla rappresentazione, materiale o mentale, che contine il richiamo simbolico, della cosa significata.

Grazie mille

Aggiornamento:

@Ciccio, una risposta "un tantino" incompleta, non trovi?

Aggiornamento 2:

@Rosso: No, dello Zohar ho letto solo un capitolo, e di Luria ancora niente... :-)

Non so cosa sia un freeware, e puoi darmi ulteriori informazioni o rimandi bibliografici sullo tzelem?

Per quanto riguarda gli accenti, di solito non gli do nemmeno peso, ma in questi giorni sto scrivendo con la tastiera tedesca del mio coinquilino, e quindi... non so come fare accenti diversi, li so fare solo cosí: á, é, í, ó, ú... Non ho colpe! Eheh!

3 risposte

Classificazione
  • Rubedo
    Lv 4
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Domanda interessante, chissà se è nata dalla nozione di tzelem che ritroviamo nello Zohar e in Isaac Luria, per quel poco che ti conosco direi che sia probabile; comunque i termini sono diversi, "immagine" temoonaw nel decalogo andrebbe meglio tradotto con "rappresentazione", quindi va necessariamente distinto dallo tzelem-identità, organo costitutivo dell'uomo per la concezione sopra accennata, avente la funzione di catalizzatore tra la parte incorporea e il corpo (così, tanto per generalizzare); visto che studi l'ebraico perché non cerchi il freeware DAVAR? è il programma che ho usato per risponderti, immagino che ti possa essere utile anche in futuro

    Fonte/i: Ho provato a mandarti un messaggio in privato ma non son riuscito, mi dà continuamente errore: C'è un'ultima cosa che mi premeva farti notare, ultimamente in ogni tuo intervento sbagli accentazione: è, già, città, accento grave; perché, poiché, giacché accento acuto. Così penso di averti fatto un favore. @ -davar,(della serie "viziamovi") http://www.davar3.net/ io uso anche il 2.4(c'è la versione italiana tradotta da luzzi) potresti usare anche siti di concordanze come blueletter bible. -i riferimenti che chiedi: la cabala, Scholem, mediterranee pg 160-162. il made in Germany è sempre attrezzatissimo, quindi non cercare scusanti :X
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    In Genesi 1:27 ("E Dio creò l’uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio") il termine che traduciamo "immagine" è presente in due forme differenti, che comunque non fanno variare il significato poiché sono formate dalla parola base "jlm" e particelle aggiunte (pronominali e preposizionali). La parola base "jlm", quindi, significa "ombra, silhouette".

    Nell'altro brano biblico che tu citi, cioè, Esodo 20:4 ("Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra.") la parola che lì traduciamo "immagine" è "mune" che significa "apparenza, rappresentazione". Come vedi le due parole sono sinonime. Entrambe indicano che c'è "qualcosa" in comune fra i due oggetti del discorso, nel caso di Genesi, fra Dio e l'uomo; nel caso di Esodo fra enti celesti/terrestri e le loro rappresentazioni manufatte. Un ultimo appunto: tieni presente che tali parole richiamano più che "simbolicamente" l'oggetto/ente reale. Nel caso della relazione Dio/uomo la corrispondenza fra i due enti è legata ad una comunione di qualità emotive, mentali ed intellettuali (con i dovuti distinguo, s'intende). Nel caso della relazione fra enti celesti/terrestri con manufatti umani, queste ultime rappresentazioni sono l'imitazione di strutture viventi materiali (animali, oggetti celesti, ecc.), oppure il ricordo delle fattezze esteriori con le quali i Figli di Dio (Genesi 6:1-4) apparvero nell'epoca prediluviana. Se desideri altre informazioni, formula altre domande.

    Spero di esserti stato d'aiuto.

    Fonte/i: Per il significato di"mune": www.scripture4all.org.
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • ?
    Lv 7
    1 decennio fa

    Vayomer (e ha detto) Elohim (Dio) na'aseh (facciamo) Adam (uomini) betsalmenu (nostra immagine)) Kidemutenu (nostra sogmiglianza).

    Salute....

    _______________________

    E' incompleta si.....ho scritto ciò di cui ero a conoscenza.... noto che l'utente sotto di me ti ha fornito la seconda parola per "immagine" nel decalogo. E' evidente che non sono simili ......(imparo qualcosa insieme a te)....

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.