Ma chi è "fiero" di non avere amicizie o rapporti stretti, come fa?

Mi è capito di leggere qui di persone che dichiaravano quasi con orgoglio il fatto di non intessere rapporti stretti, di non avere amici, come se fossero... più "furbi".

Esempio: Domanda: "E' vero che le donne sono invidiose?"; risposta: "Sì, ho avuto solo problemi, adesso non mi fido, basta, ho solo conoscenti". Ma questo è solo un esempio ("sono stato/a scottato/a e quindi me ne tiro fuori"), ho letto affermazioni simili declinate in molti modi. A volte, per esempio, traspare quasi un astio verso gli altri che cercano di entrare in rapporto, come se davvero creare un legame di amicizia sia qualcosa di detestabile.

La domanda non è polemica... ma vorrei capire davvero. Io senza neanche un amico non credo ce la farei; quando in passato mi è capitato di avere problemi con le mie amicizie più strette ho sentito una voragine di solitudine e sono stata malissimo.

Quindi come fate a viverla serenamente, anzi a esserne... "fieri"?

N.B.

La domanda non è in alcun modo rivolta a chi vive situazioni di solitudine contro la sua volontà e dalle quali vorrebbe uscire.

Aggiornamento:

@ Rose's Jade: penso che in tanti siano d'accordo con te, io compresa. Il fatto che quei pochi (fosse anche uno solo...) per me è davvero importante averli.

Aggiornamento 2:

@ Ele.noir:

"mi rendo conto che trovare amicizie vere è molto più difficile che trovare una persona che ti ami.

è assurdo ma è così."

Guarda, a me non sembra per niente assurdo, anzi...

Aggiornamento 3:

@ Snake:

Da come lo spieghi, sembra che desiderare degli amici sia solo una forma di debolezza... Quindi ci sono persone autosufficienti, e persone che hanno bisogno di altre persone per riempirsi la vita (perché se no sarebbero vuoti?).

Non nego l'esistenza di persone "autosufficienti", ma il resto mi sembra un po' troppo schematico.

Io sono una persona di natura piuttosto solitaria, fin da quando ero poppante: non mi spiace stare sola, difficilmente mi annoio, anzi, per me un po' di solitudine è necessità, e la trovo spesso meno "faticosa" che la compagnia. sono molto introversa, spesso se ho problemi o tormenti scelgo volontariamente di tenermeli per me, di viverli da sola.

Non sono mai stata Miss Popolarità, ne ho mai ambito a esserlo.

Però voler bene ad altre persone mi piace, non sceglierei mai volontariamente di farne a meno. Non mi sembra che sia una debolezza.

21 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Migliore risposta

    In realtà,non è questione di esserne fieri o meno..

    Ma stanca di una,due,o più botte,beh non me la passo male con tante buone conoscenze e senza un rapporto che mi coinvolga troppo..

    Capita di sentirsi soli,star male e andare in crisi,ma tutto ha un prezzo quindi a ognuno la sua scelta..

    Questo tipo di dolore però non ha niente a che vedere con la sensazione di esser messi in un angolo dalle persone a cui hai voluto un bene spropositato perchè in quel momento avevano altre priorità..

    C'è chi ha voglia di mettersi in gioco e chi no,molto più semplice di quel che si crede,star soli ci aiuta a trovare meandri di noi stessi che altrimenti non troveremo mai..

  • io non ho amici, solo conoscenti.

    e non ne vado fiera.

    anzi mi fa schifo come cosa, schifo perchè ho dato tanta amicizia e disponibilità a tanta gente e tutte le volte la gente se n'è approfittata.

    io alla fine non rifiuto le amicizie, ma mi rendo conto che trovare amicizie vere è molto più difficile che trovare una persona che ti ami.

    è assurdo ma è così.

    ci sono tutti e tanti quando sei felice, festosa, la compagnona della situazione, ma quando stai male, quando hai problemi, quando vorresti solo qualcuno che ti ascolti, non c'è nessuno.

    anche se tu per loro c'eri sempre.

    beato chi ha amicizie vere, sul serio, ma io non ne trovo, cosa faccio, mi deprimo perchè non ne trovo?

    mi tengo i miei tanti conoscenti e quando sto male ho imparato a bastarmi per me stessa.

  • qui qualcuno te lo dice apertamente, di avere problemi a legare.

    Ma nella realtà, sono tutti ( le donne in primis ) a dichiarare di avere un sacooooo di amici, di essere sempre ricercate e invitate a tutte le feste quando poi, scava e scava sono solo delle poverine con problemi relazionali che finiscono da sole col ragazzo perchè altrimenti sarebbero SOLE e PUNTO.

    Questo vale anche per alcuni uomini.

  • 10 anni fa

    Io qualche amico lo ho, ma non so se sia amicizia vera e nemmeno mi interessa + di tanto.

    L'importante è che rimedio qualche uscita il fine settimana e qualche viaggetto all'estero ogni tanto; per il resto sto benissimo da solo, non ho bisogno di persone cui dover raccontare i miei problemi solo per sfogarmi pur sapendo che mi stanno a sentire fino ad un certo punto, perché alla fine è così ognuno pensa solo al suo orticello.

    Il cercare in continuazione di allargare le conoscenze è sintomo di insicurezza, mentre stare bene da soli significa stare bene con se stessi e con il mondo.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Iride
    Lv 7
    10 anni fa

    Al di là delle belle o brutte esperienze che possono formare il carattere di una persona, ma secondo te dicono sul serio? Conosci la favola della volpe e dell'uva? Noi non siamo fatti per la solitudine. Chi sostiene il contrario è un perdente, purtroppo.

    Comunque credo che l'amicizia sia molto sopravvalutata, o meglio, troppo stereotipata. L'amore tra due persone nei film/libri è stereotipato ma realistico, l'amicizia tra due persone nei film/libri è pura fantasia. Io credo che il mito dell'amicizia perpetrato da sempre sia la causa di tutto.

    Con gli amici esci, parli, magari ti confidi, ma poi ognuno a casa sua. Se hai un problema serio è la tua famiglia o la tua metà a fare qualcosa, gli amici fanno poco, anche quelli più vicini fanno fatica ad essere veri amici, e questo secondo me per un motivo molto semplice: l'amore è egoismo, perchè significa dedicarsi ad una sola persona che ti appartiene. L'amicizia invece è altruismo, è avvicinarsi a qualcuno senza confondersi, senza possessività, e senza possessività non c'è abbastanza interesse. E' molto, molto molto molto più facile trovare l'amore della propria vita che trovare anche UN solo amico vero. E questo a causa dell'idealismo falso che c'è dietro l'amicizia.

    Fonte/i: Notare che tutti cercano amici sinceri, senza chiedersi se loro lo sono davvero. E' una domanda che dovremmo porci tutti.
  • Anonimo
    10 anni fa

    io non sono il massimo del sociale a dire il vero.sono per i POCHI ma VERI.

    ma con questi veri ne combino di cotte e di crude

  • Anonimo
    10 anni fa

    C'era una frase bellissima di Einstagno che faceva più o meno così:

    "Quella solitudine che in giovinezza mi era stata triste, adesso in matura età mi risulta così piacevole."

    Possiamo snocciolare due cosette secondo me...

    La prima è che il bisogno estremo di amici, persone con cui sfogarsi, è direttamente proporzionale alla propria "inesperienza"...

    La seconda è che certe persone vogliono semplicemente stare da sole.

  • Anonimo
    10 anni fa

    Alcun persone, scottate da i casi della vita limitano la visione della realtà alle esperienze singole che sono capitate a loro.Non si puo fare di tutta l' erba un fascio, ma è comprensibile che alcune persone, preferiscono mettere i paraocchi invece che soffrire come hanno fatto in passato.In questo caso mettono dei muri davanti a sè in modo che nessuno gli faccia piu del male. Una visione ristretta, ma umana.Una difesa che però , purtroppo, potrebbe farli soffrire ancora di piu...è sempre meglio affrontare le avversità, piuttosto che evitarle, altrimenti vengono loro da te, anche se sotto un altro aspetto.In questo caso una triste solitudine...In altri casi, magari non gli è capitato davvero di trovare nessuna persona valida per cui valga la pena legarsi, e non è una situazione di cui essere felici,magari l orgoglio gioca la sua parte, e fingono di esserne fieri, d' altronde non tutti riescono ad ammettere che fa male la solitudine, anche se infondo, la solitudine fa paura a tutti, srà anche per questo che abbiamo tutti bisogno di amicizia!.Per questo, chi ammette di non essere felice di una situazione simile sarà piu forte di tutti, anche piu di quelli che hanno avuto la fortuna di avere molti amici, perchè hanno forza data dal dolore e visioni ampie date dalla loro capacità critica su se stessi e su gli altri,inoltre saranno capaci di trovare anche il lato bello della solitudine, magari in attesa di qualcuno che gli dimostri che è bella anche la compagnia di un vero amico!Comunque...chi trova un amico...è vero...trova un tesoro!In quanto alle conoscenze...tutti hanno delle conoscenze, sono assolutamente inevitabili, anche per i piu "orsi". Alla fine...non siamo mai totalmente SOLI.

  • Anonimo
    10 anni fa

    1. amici veri ne esistono pochi e sono rari, quindi credo che intendi "conoscenti" ed "amici" in senso lato...

    la domanda che devi porti è : "io basto a me stessa ?"

    se la risposta è "no" allora hai bisogno di amici e conoscenti ecc. ecc.

    altrimenti se la risposta è "si" non ne hai bisogno... ma magari ti basta fare sesso e stare con un ragazzo (nel tuo caso, con una ragazza nel caso di un maschio) e fine.

    La questione è che, volente o nolente, c'è chi basta a se stesso e chi no; la maggior parte delle persone non si bastano, hanno bisogno di una rete di amicizie, di una vita sociale di un certo tipo, di rinnovare periodicamente il "parco macchine" (gli amici), di farsi facebook, di instaurare rapporti di conoscenza e amicizia con persone diverse (es. culturalmente o socialmente o etnicamente ecc. ecc.)

    per cui cercano sempre di mantenere un certo numero di amicizie attive.

    Ergo: quelli/e che si "vantano" si ritengono superiori perchè NON necessitano di amici e conoscenti... si "bastano" da quel punto di vista e , come ho detto, di solito hanno la ragazza/o e finita lì.

    Dipende dalla natura del soggetto... insomma

    :)

  • sasa
    Lv 7
    10 anni fa

    quello che lascia perplessi, come hai detto tu , e' l'essere fiero di questa scelta. Spesso , dichiarazioni come questa le si fanno per darsi coraggio oppure per non mostrarsi deboli.

    Fisime , alla fine

    Chi di solito ne fa una scelta di vita, ne parla con molta serenita' : non spesso , e cercando di celare questa propria scelta .

    In genere , il voto alla solitudine prevede un carattere idoneo ,ovvero AUTOBASTARSI ( come ha detto del resto Ele).

    tra le risposte , condivido appieno quanto scritto da Rose e da Ele in quanto entrambe mettono in risalto il significato della parola amicizia nel pieno del suo valore

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.