E' giusto morire per aver riconosciuto il diritto ad uno stipendio?

Non so voi, ma io sono sconvolta dalla vicenda di Napoli. Una giovane donna muore dopo avere deciso per protesta di dissanguarsi, dopo mesi che non riceveva lo stipendio dovuto dalla ASL. Aveva due figlie da mantenere e un mutuo da pagare. Questa è l'amara realtà dei dipendenti pubblici di serie B, (quelli di... visualizza altro Non so voi, ma io sono sconvolta dalla vicenda di Napoli. Una giovane donna muore dopo avere deciso per protesta di dissanguarsi, dopo mesi che non riceveva lo stipendio dovuto dalla ASL. Aveva due figlie da mantenere e un mutuo da pagare. Questa è l'amara realtà dei dipendenti pubblici di serie B, (quelli di serie A ovviamente, politici e dirigenti, non si fanno mancare nulla!) I dipendenti pubblici italiani di serie B sono ormai gli ultimi in classifica nella UE per gli stipendi piu' bassi d'Europa. Essere dipendenti pubblici di serie B in Italia ormai equivale ad essere schiavizzati e ricattati, oltre che disprezzati. Stipendi e maturato economico vengono tagliati senza alcun preavviso a discrezione dei dipendenti pubblici di serie A, i nostri politici. Ammalarsi anche di una semplice influenza equivale alla bellezza di 180 euro in meno su uno stipendio mensile di 1200 euro netti. Curarsi è ormai diventato un lusso che nessuno impiegato di serie B puo concedersi. Dipendenti pubblici di serie B e dipendenti dei call center ultimi schiavi d'Europa?
Aggiorna: Per la cronaca: 1200 euro è lo stipendio mensile con cui tutti i dipendenti pubblici di serie B devono fare i conti ogni mese: se non si ammalano ovviamente. Affitto o mutuo deve uscire tutto da quei miseri 1200 euro.
Aggiorna 2: Nexus, sicuramente qualcuno avrebbe dovuto sconsigliarla, nell'interesse suo e delle sue bambine. Ma non è questo il nocciolo della mia domanda: la domanda è se è giusto che qualcuno, pur avendo fatto in fondo il proprio dovere, non riceva dallo stato quello che gli è dovuto. Il dipendente pubblico è oggi, come... visualizza altro Nexus, sicuramente qualcuno avrebbe dovuto sconsigliarla, nell'interesse suo e delle sue bambine. Ma non è questo il nocciolo della mia domanda: la domanda è se è giusto che qualcuno, pur avendo fatto in fondo il proprio dovere, non riceva dallo stato quello che gli è dovuto. Il dipendente pubblico è oggi, come i dipendenti dei call center, quello piu' ricattabile, quello cui è piu' facile togliere i soldi senza neppure che gli venga chiesto il permesso. All'interno del pubblico impiego i sindacati sono ormai degli ologrammi evanescenti, dei semplici notai chiamati solo a sottoscrivere quanto è stato deciso dal governo e null'altro. Io e i miei colleghi di lavoro il mese scorso abbiamo visto sparire dal cedolino 800 euro, maturati nel 2009, soldi dovuti a titolo di quello che nel privato viene definito premio di produzione.Ancora oggi stiamo aspettando una spiegazione a questo vero e proprio furto, e fra l'altro non è il primo e , ahimè, so già che non sarà l'ultimo
Aggiorna 3: Precisazione: gli ottocento euro spariti erano dovuti, già sottoscritti sia dalla dirigenza che dai cosiddetti sindacati, riconosciuti a titolo di obiettivi già raggiunti
16 risposte 16