rocky marciano ha chiesto in SportRugby · 1 decennio fa

frattura dell'epifisi della tibia?

ciao a tutti ho avuto un distaccamento dell'epifisi della tibiale.i medici dicono che è un brutta frattura perchè ci sono i tendini e i legamenti i quella zona. C'è QUALCHE POSSIBILITà CHE IN FUTURO IO POSSA TORNARE A GIOCARE AGONISTICAMENTE OPPURE SONO SOLO VANE SPERANZE. GRAZIE A TUTTI

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Con una frattura come la tua rischi il ginocchio e i legamenti. Ti faccio un esempio: Paul Griffen, mediano di mischia del Calvisano e in passato anche della Nazionale, giocatore neozelandese, è finito a giocare in Italia per una frattura simile alla tua perchè in patria non avrebbe avuto lo spazio che ha avuto qui ( è triste da dire ma l'Italia rugbisticamente parlando è ancora considerata di livello più basso rispetto ad altri siti tipo Nuova Zelanda, Australia, SudAfrica, Gran bretagan - tutti gli stati - Francia, ecc).

    Ha giocato a livelli alti per noi, medio bassi per i suoi standard ma senz'altro dignitosissimi.

    Non conosco il tuo livello, la tua età, ecc.

    Ristabilisciti senza fretta e poi divertiti. Se potrai arrivare ( o tornare) ad alti livelli lo scoprirai

    solo sulla tua pelle ma ricorda che il rugby ti resta dentro e che il livello cui lo giochi è d'importanza relativa. Il rugby è divertimento e competizione. Se dai il massimo, avrai fatto tutto quanto ti è possibile. In bocca al lupo

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Le fratture dell'epifisi prossimale della tibia sono note anche con il nome bumper injuries e sono causate da cadute dall'alto o atterraggi in rotazione-compressione.

    Le sollecitazioni in varo o in valgo causano lesioni legamentose o/e fratture all'estremità prossimale della della tibia se sono accompagnate a forze di compressione.

    Le fratture scomposte sono considerate tali qualora l'affossamento è superiore a 3 mm.

    Il trattamento generalmente viene applicata una terapia chirurgica che consiste nella riduzione e nella sintesi con fissaggio interno a mezzo di viti o placche.

    Nelle fratture accompagnate ad affossamento articolare è necessario colmare la perdita d'osso con un trapianto di tessuto osseo al fine di ricostruire il piano articolare.

    L'attesa per la ripresa dell'attività sportiva è piuttosto lunga in quanto si deve attendere la completa guarigione ossea e la riparazione di eventuali lesioni condrali e il trattamento di eventuali lesioni capsulo-legamentose o meniscali. Per quanto riguarda lo sport agonistico i tempi di ripresa variano da 4 a 6 mesi.

    Fonte/i: Con una buona riabilitazione tornerai piu forte di prima. IN BOCCA AL LUPO
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.