Dobbiamo ringraziare i nostri parassiti!!!!!!!!!!!?

CONTRIBUENTI.IT: 2 YACHT SU 3 INTESTATI A NULLATENENTI, PENSIONATI 80ENNI E SOCIETA' DI COMODO, +5% NEL 2010. ROMA - "Crescono a dismisura i poveri possidenti, +5% nel 2010. Quasi due terzi delle lussuose barche che circolano sui meri italiani, sono intestate a nullatenenti, a prestanomi 80enni o... visualizza altro CONTRIBUENTI.IT: 2 YACHT SU 3 INTESTATI A NULLATENENTI, PENSIONATI 80ENNI E SOCIETA' DI COMODO, +5% NEL 2010.

ROMA - "Crescono a dismisura i poveri possidenti, +5% nel 2010. Quasi due terzi delle lussuose barche che circolano sui meri italiani, sono intestate a nullatenenti, a prestanomi 80enni o società di comodo, italiane o estere". Lo rileva Contribuenti.it - Associazione Contribuenti Italiani che con lo Sportello del Contribuente monitora costantemente il fenomeno dell'evasione fiscale nella Penisola. "Il 64% degli Yacht di lusso, barche a vela sofisticate e auto di grossa cilindrata sono intestati a nullatenenti, a pensionati 80enni o società di comodo, anche estere, per non pagare le tasse". E' questo il dato diffuso oggi a Capri, alla presentazione della manifestazione Fisco Tour 2010, da Contribuenti.it - Associazione Contribuenti Italiani che con Lo Sportello del Contribuente rileva costantemente il fenomeno dell'evasione fiscale in Italia.
Si espande a dismisura il fenomeno dei "ricchi nullatenenti" che vivono spendendo migliaia di euro per beni superflui e non dichiarano al fisco quello che guadagnano effettivamente.
Secondo il recente studio di Contribuenti.it, elaborato su dati provvisori del Ministero delle Finanze che fa riferimento alle dichiarazioni fiscali presentate nel 2009, è emerso che la metà degli italiani dichiara non oltre 15.000 euro annui e circa due terzi non più di 20.000 euro; di contro, solo l'1% che dichiara oltre 100 mila euro e lo 0,2% più di 200mila euro. Una fotografia che non forma un "perfetto collage" con quella che riprende i dati relativi alla spesa pubblica. Nello stesso periodo in Italia, venivano immatricolate 151mila vetture tra fuoristrada ed auto di lusso, e addirittura a 27mila italiani sarebbero state rilasciate altrettante patenti nautiche.
"E' ora di finirla con modeste misure di contrasto all'evasione fiscale, come il nuovo redditometro - afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani - È necessaria un'illuminante politica di collaborazione con le associazioni dei contribuenti che operano da tempo sul fronte della Tax Compliance, generando una autentica cultura antievasione. Come è accaduto durante la crisi finanziaria del sistema creditizio, è necessario assegnare ai Prefetti un ruolo nel controllo nella lotta all'evasione fiscale con la costituzione di un osservatorio sulla Tax Compliance presso tutte le Prefetture e la partecipazione di tutti i diretti interessati: i rappresentanti delle società, i rappresentati del fisco e degli intermediari, i rappresentanti dei lavoratori ed i rappresentanti dei contribuenti, con il Prefetto che coordinerà il tavolo. L'osservatorio - conclude Carlomagno - dovrà migliorare i rapporti tra fisco e contribuenti, per evitare che l'evasione dilaghi nel nostro paese".
Contribuenti.it - Associazione Contribuenti Italiani
L'ufficio stampa Infopress 0642828757
2 risposte 2